Italia: la città creerà un museo sul luogo dello storico cimitero ebraico

MANTOVA, Italia (JTA) – Dopo anni di disaccordo, le autorità locali e il gruppo che unisce la maggior parte delle associazioni ebraiche italiane hanno raggiunto un accordo per trasformare un’armeria costruita sulla sommità di un centenario cimitero ebraico in una “Maison du Souvenir ” Museo.

Il cimitero ebraico di San Nicolò si trova a Mantova, un piccolo comune dell’Italia settentrionale nella pianura padana, la cui storia ebraica risale al XII secolo.

Il cimitero fu costruito nel 1442 con il benestare della nobile famiglia dei Gonzaga, che governò Mantova durante il Rinascimento. Ha servito i bisogni della piccola comunità ebraica locale fino al XVIII secolo e si crede che sia il luogo di riposo di almeno due famosi maestri cabalisti italiani: i rabbini Menachem Azariah da Fano e Mosheh Zacuto.

Ricevi gratuitamente la nostra edizione quotidiana via e-mail per non perderti le migliori novità Registrazione gratuita!

Durante l’Olocausto, i nazisti trasformarono l’area in un campo di concentramento improvvisato. Passò poi sotto la giurisdizione dell’esercito italiano prima di essere restituito ai signori locali di Mantova.

Oggi il cimitero è ricoperto da una vegetazione selvaggia e circondato da cinque magazzini del XX secolo con un passato oscuro che sono caduti in rovina.

Il comune sta progettando da anni di rinnovare l’area, ma un gruppo di rabbini, alcuni dei quali sono affiliati al Congresso Rabbinico Centrale degli Stati Uniti e del Canada – un consorzio di gruppi haredi ortodossi che mira a preservare i cimiteri ebraici in tutto il mondo – sosteneva che il progetto avrebbe distrutto il cimitero e il suo suolo. Si sono scontrati non solo con i vertici della città, ma anche con Emanuele Colorni, presidente della comunità ebraica di Mantova, che sentiva di ritardare il processo per inutili motivi religiosi.

READ  Gli allenatori italiani di cui si parlerà in futuro

Una delle persone con cui i governanti di Mantova negoziarono fu il rabbino Chizkiya Kalmanowitz, che agiva come delegato del gruppo di coordinamento dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI). Ha anche la doppia cittadinanza americana e israeliana ed è stato arrestato in Israele nel 2012 per aver tentato di rubare ossa da un sito archeologico fuori Gerusalemme.

L’interno di uno dei magazzini abbandonati sul sito. (Credit: Giovanni Vigna / JTA)

Un nuovo piano di fattibilità, approvato dai funzionari comunali e dall’UCEI, prevede la ristrutturazione dei magazzini in modo da non alterare il terreno. Tutte le superfici di circolazione e la serie di edifici – tra cui un ostello ecologico e un centro per disabili – saranno sopraelevati dal suolo. Il cimitero sarà recintato.

La Maison du Souvenir, che metterà in luce la storia degli ebrei nella regione, sarà ospitata in un’armeria risalente all’epoca asburgica.

“Volevamo con tutti i mezzi trovare una soluzione per riqualificare il quartiere dopo decenni di degrado e abbandono, nel rispetto della storia del luogo, fortemente segnato dalla dimensione religiosa”, ha dichiarato Andrea Murari, assessore all’Urbanistica. “Il confronto costante ci ha portato a disegnare un progetto migliore, culturalmente più ricco del progetto iniziale. È fondamentale che una parte splendida della città venga finalmente bonificata. “

Il progetto, finanziato con 6,5 milioni di euro dal governo italiano, partirà a marzo e terminerà nel 2024.

Kalmanowitz non ha commentato l’accordo. Colorni ha ribadito la sua critica ai rabbini ortodossi che sono entrati nel dibattito da fuori della comunità.

“Sono contento della conclusione della trattativa – quello che mi preoccupa è l’interferenza dei rabbini che presumevano di modificare il progetto”, ha detto all’Agenzia Telegrafica Ebraica (JTA). “I designer hanno dovuto rispondere con pazienza alle affermazioni di Kalmanowitz. I rabbini vogliono imporre la legge ebraica, che non ha nulla a che vedere con le leggi italiane. “

READ  Fa che il tuo sogno di avere una casa in legno fra le montagne si avveri!

Sei uno dei nostri fedeli lettori!

Questo è ciò per cui lavoriamo ogni giorno: fornire a lettori esigenti come te una copertura mediatica pertinente su Israele, il Medio Oriente e il mondo ebraico. A differenza di molti altri media, i nostri contenuti sono accessibili gratuitamente, senza alcun paywall che compare dal primo paragrafo. Ma il nostro lavoro si sta rivelando sempre più costoso. Per questo invitiamo i lettori, chi può farlo e per chi Israel Times in francese è diventato importante, per sostenerci unendoci al comunità di Israel Times in francese. Per qualsiasi cifra tu scelga, una volta al mese o una volta all’anno, anche tu puoi contribuire a questo giornalismo indipendente di qualità e goderti la lettura senza pubblicità.

Unisciti alla community

Unisciti alla community

Sei già un membro ? Accedi per non vedere più questo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *