Italia | Berlusconi: l’eterno ritorno?

L’Italia dovrebbe scegliere il suo nuovo presidente il 24 gennaio. Tra i tanti potenziali candidati c’è l’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi, ma anche un certo… Silvio Berlusconi. Decrittazione.


Jean-Christophe Laurence

Jean-Christophe Laurence
premere

Uh, scusa, abbiamo letto bene? Berlusconi presidente della Repubblica italiana?

Sì, tutto indica che Il Cavaliere si candiderà a succedere a Sergio Matarella, il cui mandato di sette anni scadrà ufficialmente il 3 febbraio. Non nasconde che gli interessa e attualmente sta cercando di raccogliere consensi a destra e all’estrema destra. Berlusconi sarebbe uno dei contendenti più seri per questo incarico, insieme a Mario Draghi, che sta valutando di lasciare la carica di Presidente del Consiglio dei ministri (Primo Ministro) un anno prima per candidarsi alla presidenza.

La presidenza italiana è un ruolo simbolico, no? Che interesse?

Proprio no. È una carica onoraria, ma il presidente ha una reale responsabilità per l’unità nazionale e può svolgere un ruolo chiave in una situazione di crisi o di impasse di governo. È in questo contesto che il presidente uscente si è rivolto a Mario Draghi nel febbraio 2021 per succedere a Giuseppe Conte, che aveva perso la maggioranza in Parlamento.

Bene. Ma Berlusconi, lo stesso! L’uomo ha 85 anni. È stato quattro volte primo ministro. Cosa vuole di più?

Berlusconi, sopravvissuto al COVID-19 nel 2020, è convinto di essere l’uomo giusto per il lavoro. Diventare presidente gli consentirebbe di concludere la sua carriera politica con una nota prestigiosa, tanto più che la sua reputazione è stata più volte colpita da scandali, condanne (evasione fiscale) e dichiarazioni imbarazzanti. Inoltre, è ancora nel mirino di due accuse di corruzione di testimoni, nel caso delle orge “bunga bunga”, durante le quali avrebbe pagato per i servizi di prostitute minorenni. La presidenza gli concederebbe l’immunità politica per sette anni e sarebbe per lui una forma di riabilitazione.

FOTO TIZIANA FABI, AGENZIA FRANCIA-ARCHIVIO STAMPA

Manifestanti che protestavano contro la candidatura di Silvio Berlusconi, a Roma, il 4 gennaio. “Il Quirinale non è un bunga bunga”, si legge sui loro cartelli, riferendosi alla residenza ufficiale del presidente e alle orge a cui avrebbe partecipato l’ex premier.

«È un megalomane indiscutibile», riassume Marc Lazar, specialista di politica italiana a Sciences Po. Per lui, accedere alla presidenza alla fine della sua vita e alla fine della sua carriera è un modo di fare la storia con la maiuscola H.”

READ  Milan-Spezia 3-0: doppietta di Leao e gol di Theo Hernandez

Scherzi a parte… quali sono le sue possibilità di essere eletto, con tutte le pentole e le padelle che si trascina?

Mai dire mai! Per essere eletto alla presidenza della Repubblica, ogni candidato deve avere i due terzi dei voti di mille maggiori elettori, deputati e senatori compresi. A priori, Berlusconi avrebbe il sostegno di formazioni di centrodestra e di estrema destra come la Lega di Matteo Salvini e i Frattelli d’Italia di Giorgia Meloni. Ma gli mancano ancora una cinquantina di voti. E poiché lo scrutinio è condotto a scrutinio segreto, possono verificarsi molte sorprese, con alcuni elettori che approfittano dell’anonimato per allontanarsi dalla loro linea di partito.

Molti sono preoccupati di vedere Berlusconi alla guida dello Stato. Vista la fama dell’uomo, questo darebbe un duro colpo all’immagine dell’Italia, che al momento è abbastanza buona. Il quotidiano di sinistra il fatto Quotidiano ha anche lanciato una petizione per protestare contro questa manovra politica e ha già raccolto più di 200.000 firme.

“Ha una possibilità di essere eletto, ma sembra ancora una possibilità relativamente piccola. Se, in fin dei conti, le persone che nominano il presidente della Repubblica hanno un minimo di razionalità, non dovrebbero eleggerlo. Ma sto molto attento. Questo non può essere completamente escluso “, crede Marc Lazar.

L’elezione di Mario Draghi sarebbe dunque più probabile?

Sì, perché tutti i campi vedono un interesse in esso.

La partenza di Draghi dalla carica di primo ministro comporterebbe probabilmente elezioni parlamentari anticipate in un panorama politico frammentato, che potrebbe concludersi con una vittoria per la destra, o anche per l’estrema destra, attualmente in vantaggio nei sondaggi.

FOTO REMO CASILLI, ARCHIVI REUTERS

Mario Draghi è Presidente del Consiglio dal febbraio 2021.

La sinistra, dal canto suo, vorrebbe avere questa personalità credibile a capo dello Stato che serva da salvaguardia se l’estrema destra finisce per prendere il potere.

Tuttavia, tutto ha il suo rovescio della medaglia. Se Draghi diventa presidente, non potrà più sedere nel Consiglio europeo, dove pesa molto. Questo ex presidente della Banca centrale europea ha una reputazione credibile. Grazie a lui l’Italia ha ritrovato un po’ del suo prestigio sulla mappa europea. È molto ascoltato.

Circolano altri nomi, come quello di Marta Cartabia, ministro della Giustizia, o quello di Pier Ferdinando Casini, ex presidente della Camera dei Deputati.

C’è finalmente la possibilità che Sergio Mattarella, 80 anni, decida di restare un anno o due in più, scenario a volte accennato.

Tre settimane prima del voto, potremmo non essere alla fine delle nostre sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *