Belgio, Regno Unito, Italia… come saranno questi paesi se la terra continuerà a scaldarsi?

Secondo le simulazioni fatte dall’organizzazione “Climate Central”, la città di Anversa potrebbe essere allagata se non riusciamo a limitare il riscaldamento globale.


Mappa interattiva

Tempo di lettura: 3 min

mAnche se l’umanità riuscirà a limitare il riscaldamento a 1,5°C rispetto all’era preindustriale, il livello del mare aumenterà per secoli, inondando le città attualmente abitate da mezzo miliardo di persone, hanno avvertito gli scienziati.

Se il pianeta si surriscalda di mezzo grado in più, 200 milioni di abitanti delle città in più saranno regolarmente colpiti dalle inondazioni e resi più vulnerabili durante le tempeste, hanno scritto nella recensione. Lettere di ricerca ambientale.

L’Asia, che ha nove delle dieci megalopoli a più alto rischio, sarà la più colpita.

La maggior parte delle stime attuali dell’innalzamento del livello del mare e delle minacce che rappresenta per le città costiere vanno alla fine del secolo e vanno da mezzo metro a meno di un metro.



Ma il fenomeno continuerà oltre il 2100 sotto l’effetto del riscaldamento dell’acqua e dello scioglimento dei ghiacci, indipendentemente dalla velocità di riduzione delle emissioni di gas serra.

“Circa il 5% della popolazione mondiale vive attualmente su terreni al di sotto del livello che sarà raggiunto con l’alta marea a causa dell’anidride carbonica già accumulata nell’atmosfera dall’attività umana”, ha affermato l’autore principale. dall’articolo Ben Strauss, presidente e Chief Research Officer dell’Organizzazione Indipendente di Giornalisti e Scienziati Clima centrale.

L’attuale concentrazione di CO2 è del 50% superiore a quella del 1800 e la temperatura media sulla superficie terrestre è aumentata di 1,1°C.

È abbastanza per alzare il livello del mare di quasi due metri, che ci vogliano due secoli o dieci secoli, dice Strauss.

Il limite di 1,5 gradi sancito dall’accordo di Parigi che i paesi di tutto il mondo cercheranno di mantenere al vertice COP26 di Glasgow il mese prossimo si traduce in un aumento dei livelli dell’acqua di quasi tre metri a lungo termine.

Il team di Climate Central ha anche tentato di illustrare concretamente le conseguenze legate a questi diversi scenari di innalzamento del livello dell’acqua in fornendo immagini di luoghi storici più o meno allagati (Nuova finestra), a seconda della gravità del riscaldamento globale.

Climate Central ha eseguito simulazioni per 180 località per mostrare come potrebbe apparire il mondo se la temperatura aumentasse di 1,5 gradi, 3 gradi o addirittura 4 gradi. Musei, cattedrali, templi e luoghi pubblici famosi in tutto il mondo sarebbero particolarmente a rischio di essere parzialmente o completamente inondati. Va notato che queste simulazioni vengono effettuate per città situate a livello del mare, quindi a bassa quota e nel caso in cui l’uomo non faccia nulla per contrastare il riscaldamento globale.

Alcuni esempi di simulazioni

La simulazione è stata realizzata in particolare per la città di Anversa. L’inevitabile scenario di un riscaldamento a 1,1 ºC è mostrato a sinistra. A destra, raggiunge più di 3 ºC.

Buckingham Palace


L’Avana

Napoli

Open d’Australia

Sydney



Vancouver



Anversa

La mappa del Belgio “sott’acqua”

READ  Juventus Torino - Cristiano Ronaldo rivela: Meglio guardare UFC e boxe che calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *