Italia in cerca di turisti scomparsi | Coronavirus

Non ci sono folle questo pomeriggio, niente a che vedere con le lunghe file di visitatori pre-COVID.

In ogni caso, l’entusiasmo di Sophie Benezech è contagioso. Condisce la sua visita ai Musei Vaticani con aneddoti e piccole battute che fanno sorridere il suo gruppo di visitatori.

Presso la Santa Sede, il museo ha riaperto i battenti poche settimane fa. Il lavoro riprende molto lentamente per Sophie Benezech. Un po ‘troppo lentamente per i suoi gusti. Guida certificata per Roma, è difficile spiegare l’assenza di visitatori in un periodo così intenso.

Tutto riapre ai primi di giugno, ricorda. In questi giorni Roma è davvero insolente in bellezza, proprio perché non ci sono turisti. Vedere la fontana di Trevi o la Cappella Sistina con solo 10 persone … è una situazione da sogno.

La fontana di Trevi, praticamente senza visitatori.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Una situazione da sogno per gli stranieri, ma una sorta di incubo per coloro il cui sostentamento dipende proprio dalla loro presenza in gran numero. L’Italia potrebbe alleggerire le sue restrizioni sanitarie per i turisti, sono ancora desiderati.

Da quello che vediamo attualmente, non riprende così tanto, si rammarica. I francesi hanno paura di venire in Italia. Con i dati di mortalità che avevamo l’anno scorso in Lombardia, ha gettato un velo nero su tutta l’Italia!

Sophie Benezech ha una vaga speranza: che i visitatori tornino a settembre, quando i mesi caldi sono più favorevoli per le spiagge che per le lunghe visite ai siti storici.

Sophie Benezech davanti a un turista.

La guida Sophie Benezech con un raro gruppo di visitatori che accompagna in Vaticano.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Nemmeno i preti nelle strade intorno al Vaticano

L’Italia ha appena acquisito un certificazione verde, un meccanismo attraverso il quale le autorità promettono l’ingresso gratuito senza quarantena a coloro che dimostrano di essere vaccinati o non contagiosi.

READ  Mobilize lancia il suo primo servizio di car sharing insieme alla sua rete di distribuzione italiana

Questo certificato si ispira a ciò che l’Europa si prepara a garantire la libera circolazione tra i paesi quest’estate. Un documento visto da alcuni come un sesamo che cancella i dubbi nella mente dei viaggiatori.

L’entusiasmo per questo meccanismo tra politici e funzionari europei non sembra ancora essersi materializzato nelle strade di Roma. Almeno non in Vaticano.

L'ingresso al museo è vuoto di persone

Come altri siti culturali e storici di Roma, i Musei Vaticani hanno vissuto giorni più impegnativi.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Ci sono molti visitatori, ma questi luoghi sembrano deserti. Di solito, pellegrini e turisti da tutto il mondo dovrebbero riunirsi in un misto di pietà ed entusiasmo.

Zero! Alessia Astrologo non ha visto clienti durante la giornata. Condivide la sua disperazione al fianco del marito, seduto sui piccoli gradini che portano ai loro affari.

Non so cosa pensare. La notizia è più positiva [les nouvelles contaminations diminuent], ma il lavoro peggiora. Non ci sono clienti. Sono solo le 15:30 e sarebbe meglio chiudere per la giornata …

Sono qui da 50 anni, non ho mai visto niente di simile. Non ci sono nemmeno preti stranieri di passaggio, esclama, mentre suo marito fissa il vuoto in silenzio.

I maglioni e le puntate sono offerti in vendita

Un negozio a Roma vicino al Vaticano

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Per noi è strano, ma è necessario

Bisogna salire alcuni gradini per raggiungere la reception dell’Hotel Canada a Roma. In cima alla piccola scala, un tappeto blu molto appiccicoso. Sploch! fa la scarpa su questo passaggio obbligato. Entrate in albergo, fate uscire i batteri!

Silvia Pucci sembra molto orgogliosa di questo tappeto speciale, una delle tante misure sanitarie messe in atto dall’arrivo di COVID-19.

READ  MotoGP Italia J1 Viñales (Yamaha / 8) e il nuovo "holeshot device": "sono progressi, ma dovremo aspettare e vedere"

Il servizio al tavolo ha sostituito il buffet, i menu si scaricano dai telefoni, i cuscini, i portatori di germi, sono scomparsi dai divani.

Di solito abbiamo più contatti con i clienti, dice. Devi imparare di nuovo le routine, essere più igienico.

Sta parlando al telefono.

Silvia Pucci, collaboratrice dell’Hotel Canada. La sua famiglia è proprietaria dell’hotel da oltre 60 anni.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Occorrono anche nuove abitudini meno accoglienti, come questo pannello in plexiglass che protegge gli addetti alla reception. In questo family hotel di 72 camere, viene giudicato qualsiasi provvedimento che possa rassicurare l’ospite necessario.

La giovane donna assicura che con questa pandemia i clienti siano molto interessati alle misure igieniche degli hotel a cui possono partecipare. È importante di questi tempi.

Misure che hanno richiesto tempo e denaro. Ma questa particolare vigilanza igienica tarda a dare i suoi frutti. Le prenotazioni riprendono molto lentamente, ha detto, ma abbiamo speranza. Spero di tornare alla normalità … il prossimo anno.

Fino ad allora, il personale dell’hotel vive nel timore che un’altra ondata di contaminazione possa costringere l’ennesima chiusura. Ho un po ‘paura dei comportamenti che non sono responsabili, ammette Silvia Pucci, che sta facendo tutto il possibile per uscirne periodo infernale.

Barche vicino al villaggio.

Il porto di Ponza a cento chilometri da Roma.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Isole COVID gratuito

Proviamo più speranza ed entusiasmo a Ponza, un’isola a un centinaio di chilometri da Roma. Il mare è calmo; lungo la spiaggia, alcuni tavoli attendono i turisti.

In questo porto, molte persone vagano senza maschera. Un’abitudine che va contro le indicazioni italiane, ma che mette in evidenza un fatto: la maggior parte dei 3.400 abitanti è già stata vaccinata.

READ  Roland Garros, Sinner combatte e si inchina a Nadal (ma impressiona tutti)

Siamo un’isola senza COVID, lancia Carlo Marcone, uno degli eletti responsabili della comunità. Non proprio COVID gratuito, ma quasi: circa il 70% degli abitanti è vaccinato; il doppio della media nazionale.

Di fronte al piccolo municipio affacciato sul mare, Carlo Marcone elogia questa strategia, pensata per attirare i turisti e portata avanti con la benedizione delle autorità regionali.

Vista della soleggiata baia di Ponza da un tavolo in ombra.

Vista della soleggiata baia di Ponza da un tavolo in ombra.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

L’idea è soprattutto la salute: sull’isola c’è solo un piccolo ambulatorio medico, ricorda Carlo Marcone. Se c’è un malato grave con COVID, sarebbe molto difficile, sottolinea: siamo a 40 miglia dalla costa, ci vogliono tre ore di barca. È rischioso.

Ma la strategia risponde anche a un imperativo economico: assicurare ai visitatori che non riporteranno il COVID come souvenir. Permette ai turisti di fare le loro vacanze con sicurezza.

Dovremmo essere più rilassati, più rilassati quest’estate, conferma Luca Mazzela, gestore di una cooperativa di marinai che propone gite in barca nei dintorni di Ponza. È passato molto tempo dall’ultima volta che le persone si sono prese una vera vacanza.

Tra due clienti, confida la sua speranza per un’estate intensa, l’opposto di quello che si aspetta chi si guadagna da vivere con il turismo in Vaticano. Siamo tutti un po ‘più tranquilli con i vaccini, dice. È ora che tutti riacquistino fiducia e ricominciano a viaggiare.

Di fronte ai suoi affari.

Luca Mazzela è responsabile di una cooperativa di marinai che offre gite in barca intorno a Ponza.

Foto: Radio-Canada / Yanik Dumont Baron

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *