Insight: chiede maggiore trasparenza al gruppo FIU Egmont dopo aver accettato una “grande donazione” dagli Emirati Arabi Uniti nella lista grigia

Insight: chiede maggiore trasparenza al gruppo FIU Egmont dopo aver accettato una “grande donazione” dagli Emirati Arabi Uniti nella lista grigia

Di Alisha Houlihan per AML Intelligence

L'organismo che rappresenta le unità di informazione finanziaria del mondo deve essere più trasparente riguardo ai suoi finanziamenti, ha affermato un ex capo dell'Unità di informazione finanziaria.

Ciò fa seguito all’accettazione da parte dell’Egmont Financial Intelligence Group di una “donazione significativa” non divulgata dagli Emirati Arabi Uniti, un paese sulla lista di controllo della Financial Action Task Force.

La donazione ha allarmato molti nella comunità internazionale della criminalità finanziaria, soprattutto considerando la reputazione degli Emirati Arabi Uniti come centro di smistamento del denaro sporco russo e come rifugio sicuro per i criminali fuggitivi.

L'anno scorso, gli Emirati Arabi Uniti hanno ospitato la conferenza annuale del Gruppo Egmont in uno scintillante centro congressi ad Abu Dhabi.

Giovedì, l'ex capo dell'Unità di informazione finanziaria della Lettonia, Ilze Znutina, ha dichiarato: “Il gruppo Egmont dovrebbe anche porsi alcune domande e attuare moderne procedure di governo societario, promuovendo operazioni trasparenti.

“Ad esempio, inserendo informazioni sul budget e sull'utilizzo sul proprio sito web”, ha affermato.

“Se ciò accadesse, probabilmente si otterrebbero donazioni più trasparenti, insieme a un riconoscimento internazionale più consolidato”, ha osservato.

Jim Richards, noto esperto americano della Confederazione asiatica di calcio, ha dichiarato dopo la donazione agli Emirati Arabi Uniti che “Egmont dovrebbe pubblicare i suoi rendiconti finanziari”.

Si è anche chiesto perché il gruppo abbia pubblicato sul proprio sito web solo due donatori per il suo programma di formazione (vedi sotto).

In una dichiarazione di questa settimana, il Gruppo Egmont ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti sono stati aggiunti ai finanziamenti attualmente forniti da altri generosi donatori a ECOFEL, come il Dipartimento di Stato americano – Ufficio per gli affari internazionali di narcotici e applicazione della legge (INL), e il Ufficio per la cooperazione e lo sviluppo economico della SECO. , Unità di informazione finanziaria dell'Arabia Saudita (SAFIU), AUSTRAC, Unità di informazione finanziaria del Regno Unito (UKFIU), Divisione antiriciclaggio (AMLD) – Taiwan, Granducato di Lussemburgo ed ex donatori.

READ  Gb, il leading Boris Johnson è sul lastrico: "Non arriva a high-quality mese"

Commentando i fondi degli Emirati Arabi Uniti, Erul Raza, CEO di Mithra Capital Advisors, ha dichiarato: “Tali donazioni non dovrebbero essere accettate ed è difficile credere che ciò venga annunciato. Perché l'importo della donazione non viene visualizzato e perché viene donato? Sul serio, questo è un giorno triste!”

L'editore di questa rivista, Intelligenza antiriciclaggioStephen Rae ha affermato che la donazione dovrebbe essere vista nel contesto della reputazione degli Emirati Arabi Uniti e dell'inclusione nella “lista grigia” del GAFI. Ha detto che ciò influenzerebbe le menti dei capi dell'Interpol e degli altri organi di polizia che hanno dovuto affrontare serie difficoltà nell'estradire figure criminali dal paese. Molti cercheranno risposte presso le proprie unità nazionali di intelligence finanziaria.

“È anche chiaro che la presenza di criminali internazionali fuggitivi che evitano gli accordi di estradizione vivendo (abbastanza apertamente) negli Emirati Arabi Uniti rappresenta un problema credibile per molte forze dell'ordine indigene.” Ha aggiunto che il gruppo Egmont aveva bisogno di spiegare questo contesto.

Per coloro che sono strettamente legati a Egmont, le donazioni sollevano questioni più ampie.

“Stanno emergendo due sentimenti contrastanti”, ha detto Ilse Znutina, ex capo della FIU lettone. “Da un lato, ovviamente, l'immagine del gruppo FIU Egmont con questa donazione accettata da un paese nella lista grigia non migliora.”

“Anche se tutti i rischi di conflitti di interessi fossero valutati e, se possibile, mitigati, credo che un commento più completo su questa donazione sarebbe utile. Ciò non solo ridurrebbe il rischio reputazionale, ma dimostrerebbe anche perché questa donazione è importante per l'Egmont Gruppo, ricordando anche il suo ruolo e la necessità di combattere i crimini finanziari su scala più ampia.

L'esperto: l'ex capo dell'Unità di informazione finanziaria della Lettonia, Ilse Znutina.

Allo stesso tempo, ha affermato: “Come vera sostenitrice delle FIU e del potenziale inutilizzato del Gruppo Egmont, voglio dire a tutti i critici che questa donazione è inferiore rispetto ai donatori precedenti – la Svizzera e soprattutto – il Regno Unito.

READ  Il Kenya cerca di generare 10 miliardi di dollari affittando cinque porti a investitori privati

“Se non sbaglio, e mi scuso se sbaglio; Queste donazioni sono state effettuate anche quando le giurisdizioni stavano valutando il loro profilo internazionale nel processo AML/CFT e GAFI.

“Ma per quanto riguarda la spiegazione di Egmont secondo cui i fondi sono destinati alla formazione, non posso che confermare che il lavoro svolto da ECOFEL, l'unità Egmont, nella preparazione dei materiali formativi e nel sostegno alle FIU e ai loro leader è davvero encomiabile. ECOFEL ha una squadra fantastica e sono lieto che questa donazione consentirà loro di continuare il loro lavoro.

“Allo stesso tempo, mi preoccupano altre due domande. Una è più retorica e l'altra è pratica. La prima è se coloro che criticano Egmont non vogliono chiedersi perché altri paesi, che sono così espliciti sulla natura dannosa dei crimini finanziari e il loro duro approccio in tutti i documenti politici, sono così passivi nell’allocare le risorse e nel riconoscere il ruolo di coloro che combattono questi crimini – crimini finanziari, in particolare unità di intelligence finanziaria, rappresentanti regionali, organismi anticorruzione, ecc.?

“Seconda domanda, forse anche il Gruppo Egmont dovrebbe porsi delle domande e implementare moderne procedure di corporate governance, promuovendo processi trasparenti. Ad esempio, inserendo informazioni sul proprio budget e utilizzo sul proprio sito web. Sono davvero necessari tutti i 5 milioni solo per organizzare il formazione Se ciò accadesse, probabilmente si otterrebbero donazioni più trasparenti, insieme a un riconoscimento internazionale più consolidato.

Il Gruppo Egmont ha affermato che i fondi contribuiranno a uno dei suoi obiettivi strategici di rafforzamento delle capacità della FIU, e il programma Egmont Center for Excellence and Leadership in the FIU (ECOFEL) svolge un ruolo fondamentale in questo attraverso il suo programma di formazione e piattaforma di apprendimento con 7.000 partecipanti registrati. .

READ  L'Ucraina afferma che l'attacco aereo russo è stato respinto in avvicinamento a Kiev

“Il Gruppo Egmont esprime la sua sincera gratitudine all'Unità di informazione finanziaria degli Emirati Arabi Uniti (UAEFIU) per il suo contributo finanziario molto significativo al programma ECOFEL”, ha affermato oggi Elisabetta Franco-Jaskiewicz, capo ad interim delle Unità di informazione finanziaria del Gruppo Egmont.

“Il loro sostegno è determinante per aiutare ECOFEL a continuare a fornire al personale della FIU conoscenze e competenze formative nel campo dell'AML/CFT”, ha affermato. “Il finanziamento della FIU degli Emirati Arabi Uniti dimostra il sostegno globale, l'impegno e l'impegno delle autorità degli Emirati Arabi Uniti con il principi dell’AML/CFT”, ha affermato.

Ali Faisal Baalawi, capo dell'Unità di informazione finanziaria degli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato: “Gli Emirati Arabi Uniti sono impegnati a contribuire a proteggere l'economia globale dal riciclaggio di denaro, dal finanziamento del terrorismo e da altri crimini finanziari attraverso il coordinamento e la cooperazione internazionale. Attraverso il suo contributo al programma ECOFEL, la FIU degli Emirati Arabi Uniti aiuta a promuovere e sostenere gli sforzi internazionali per affrontare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo e proteggere l'integrità finanziaria globale, la pace e la sicurezza garantendo che tutte le FIU abbiano accesso alla formazione e alle risorse degli esperti.

“Grazie al sostegno della FIU degli Emirati Arabi Uniti e di altri donatori, ECOFEL continua a fornire formazione professionale e conoscenza ai dipendenti della FIU in tutto il mondo e consente alle FIU di tendere verso l'eccellenza e la leadership”, ha affermato il Gruppo Egmont in una nota.

Intelligenza antiriciclaggio
Ci auguriamo che la lettura di questo articolo vi piaccia

Se desideri accesso illimitato agli articoli premium di AML Intelligence, alla nostra newsletter bisettimanale, accesso al database di multe e sanzioni della Banca Mondiale, accesso gratuito agli eventi della Boardroom Series e molto altro ancora, scegli una delle nostre opzioni di abbonamento e diventa In comune!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *