India e Giappone respingono il commento “anti-stranieri” di Biden | Notizie sull'immigrazione

India e Giappone respingono il commento “anti-stranieri” di Biden |  Notizie sull'immigrazione

Il Giappone definisce “sfortunate” le dichiarazioni del presidente americano, mentre l'India si dichiara aperta agli immigrati.

India e Giappone hanno respinto i commenti del presidente Joe Biden in cui descriveva gli alleati degli Stati Uniti come paesi “xenofobi” che non accolgono i migranti, e hanno unito i due paesi con Cina e Russia.

L'Economic Times ha riferito sabato che il ministro indiano degli Affari esteri, Subrahmanyam Jaishankar, ha affermato che il paese è stato storicamente aperto agli immigrati e ha solidi fondamentali economici.

“Prima di tutto, la nostra economia non sta vacillando”, ha detto Jaishankar in una tavola rotonda ospitata venerdì dall’Economic Times, dopo che Biden aveva affermato che i quattro paesi non riuscivano a trarre vantaggio dai benefici economici della migrazione.

“Penso che dovremmo essere aperti alle persone che hanno bisogno di venire in India, che hanno il diritto di venire in India”, ha aggiunto Jaishankar, riferendosi alla controversa legge sulla cittadinanza che accelera il processo di naturalizzazione di alcuni immigrati non musulmani.

Anche il Giappone, che ha il minor numero di immigrati di qualsiasi paese del G7 (meno del 2%), si è opposto ai commenti del presidente degli Stati Uniti, con la sua ambasciata a Washington, D.C., definendoli “sfortunati” e “privi di fondamento”. Comprensione accurata delle politiche giapponesi.

“Non vogliono gli immigrati”

In una recente campagna di raccolta fondi, Biden ha criticato i paesi che accolgono meno immigrati, affermando che l’immigrazione ha rilanciato l’economia americana.

“Perché la Cina vacilla così gravemente dal punto di vista economico, perché il Giappone è nei guai, perché la Russia, perché l'India, perché sono xenofobi? Non vogliono gli immigrati”, ha detto Biden all'evento, che ha segnato l'inizio dell'Asian-American. Mese del patrimonio dei nativi hawaiani e delle isole del Pacifico”.

READ  Russia opened fireplace on a British ship in the Black Sea, dropped bombs, Russia promises the location as its own | रूस ने काला सागर में आए ब्रिटिश जहाज पर फायरिंग की, बम गिराए, क्षेत्र को अपना बताता है रूस

“Uno dei motivi per cui la nostra economia sta crescendo è grazie a te e a tanti altri. Perché? Perché accogliamo gli immigrati”.

La scelta del Giappone e dell'India da parte del presidente è stata una sorpresa perché ha voluto rafforzare le relazioni con i due paesi da quando è entrato in carica nel 2021.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro indiano Narendra Modi brindano durante una cena di stato alla Casa Bianca, Washington, DC, il 22 giugno 2023 [Stefani Reynolds/AFP]

L’anno scorso, Biden ha accolto il primo ministro indiano Narendra Modi alla Casa Bianca, dove ha elogiato il “carattere democratico” e la “diversità” condivisa tra i due paesi.

Ad aprile, ha ospitato il primo ministro giapponese Fumio Kishida durante una cena di stato per celebrare la partnership “indissolubile” tra Stati Uniti e Giappone e il loro impegno per “la democrazia e la libertà”.

L'ambasciata giapponese ha dichiarato venerdì di aver sollevato la questione con i funzionari dell'amministrazione, in una dichiarazione riportata dai media statunitensi.

Ha anche affermato di essere “consapevole” del fatto che l’amministrazione ha chiarito che i commenti di Biden avevano lo scopo di evidenziare il ruolo degli immigrati nel rafforzamento degli Stati Uniti, “e che il suo commento non era inteso a minare l’importanza e la continuità del Giappone”. Rapporto americano.

Ha aggiunto che la controversia non influenzerà il futuro lavoro del Giappone con gli Stati Uniti.

La Casa Bianca ha successivamente cercato di minimizzare il significato di queste dichiarazioni. Ha detto che il “punto più ampio” del presidente è quello di evidenziare la diversità degli Stati Uniti, sottolineando che “i nostri alleati sanno molto bene quanto il presidente li rispetta”.

Il Giappone, nonostante la sua politica di immigrazione storicamente severa, ha lentamente aperto le sue porte agli stranieri per compensare il rapido invecchiamento della popolazione.

READ  Emirati, il grido di dolore della principessa Latifa: "Mio padre mi tiene in ostaggio a Dubai"

L’India, il Paese più popoloso del mondo, ha dovuto affrontare critiche per la sua decisione di attuare il Citizenship Amendment Act 2019, che accelera la naturalizzazione dei non musulmani provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan.

Sebbene la legge faciliti il ​​processo di immigrazione per alcuni richiedenti asilo, i suoi critici affermano che discrimina i musulmani ed è incostituzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *