In Sardegna nasce un cucciolo con il pelo verde, cosa piuttosto rara

In Sardegna è nato un cucciolo con il pelo verde. Questo fenomeno molto raro può essere spiegato dalla presenza di un pigmento verde nell’utero, che può entrare in contatto con il cane.

Christian Mallucci è un agricoltore italiano che possiede una fattoria in Sardegna. Il 9 ottobre il suo cane Spelacchia ha dato alla luce cinque cuccioli.

Tra i neonati, quattro erano bianchi come la madre, mentre l’ultimo aveva il pelo di un colore insolito.

Fonte immagine: Reuters

Pistacchio con pelo verde

Il cucciolo nasce con i capelli verdi. Riferendosi al suo colore, è stato subito chiamato pistacchio. Per Christian Mallucci, il verde del cane rappresenta speranza e fortuna, e spera che l’animale faccia sorridere le persone in questo momento difficile.

Fonte immagine: Reuters

Questo particolare colore non durerà e alla fine scomparirà completamente. Quando è nato i pistacchi erano di un verde brillante, ma quell’aspetto sta davvero iniziando a svanire. Invecchiando, sarebbe diventato di nuovo bianco come la sua famiglia.

Il pigmento verde sarebbe responsabile

L’ipotesi principale avanzata dai veterinari per spiegare questa peculiarità era relativa al colorante verde. Questo pigmento, chiamato biliverdina, è presente nel corpo umano ed è solitamente la causa del colore verdastro dei lividi. In questo caso particolare, si sarebbe sistemato nel grembo di una cagna e avrebbe preso contatto con il cucciolo.

Fonte immagine: Reuters

I ricercatori hanno avanzato un’altra ipotesi riguardo al meconio. Secondo gli scienziati, il cucciolo avrebbe potuto defecare mentre era nel grembo materno e le sue feci erano penetrate nel sacco amniotico, che potrebbe contaminare il pelo del cane.

Christian Mallucci ha deciso di donare tutti i cuccioli ad eccezione dei pistacchi, il cui proprietario avrebbe aiutato a mantenere le pecore nella fattoria.

READ  Italia: respinto il ricorso di Vivendi contro il progetto europeo Mediaset - fonti e notizie dell'azienda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *