In che modo la formica invasore ha indotto i leoni a cambiare la loro dieta?

In che modo la formica invasore ha indotto i leoni a cambiare la loro dieta?

L'invasione di specie invasive di formicidi ha sconvolto il fragile ecosistema della savana e le abitudini alimentari dei leoni in Kenya (Todd Palmer)

Dopo l'”effetto palla di neve” e l'”effetto farfalla”, potrebbe esserci un “effetto formica”? Tuttavia, i ricercatori hanno appena dimostrato come l’invasione di specie formicide invasive abbia sconvolto il fragile ecosistema della savana e le abitudini alimentari dei leoni in Kenya.

“Spesso scopriamo che il mondo è governato da cose molto piccole che possono avere effetti devastanti che non ci aspettavamo”, sottolinea Todd Palmer, professore all'Università della Florida e uno degli autori di questo studio pubblicato giovedì sulla rivista Science. .

Tutto è iniziato 15 anni fa nelle vaste pianure di Laikipia in Kenya. Il luogo è ricoperto di acacia giacinto, un tipo di albero attorno al quale si è sviluppato un armonioso equilibrio tra le diverse specie.

C'è una formica locale che ha fatto il suo nido e, a sua volta, è diventata la protettrice di questo albero.

Nonostante le spine, le acacie possono essere mangiate dagli erbivori autoctoni, in particolare dagli elefanti, che vengono respinti dai feromoni e dalle punture della colonia di insetti.

Ma questa bella collaborazione fu interrotta dall'introduzione della formica dalla testa grande, provocata dall'attività umana, che presto scacciò le altre formiche dall'acacia, rendendola di nuovo vulnerabile ai mammiferi cutanei.

– Fine dell'effetto sorpresa –

All’inizio nessuno si accorgeva delle formiche “perché non sono aggressive verso le creature più grandi, compresi gli esseri umani”, sottolinea Palmer. “Ma ora stiamo vedendo che sta cambiando il panorama in modi molto sottili ma con effetti devastanti”.

READ  La rete "Edge of Chaos" di Nanowire apre la strada alle scoperte sull'intelligenza artificiale

Studi precedenti hanno dimostrato che l’arrivo di queste specie invasive ha provocato danni da cinque a sette volte maggiori agli alberi di acacia nella regione, riducendo la copertura forestale.

Quest'ultimo però era anche un elemento essenziale della strategia di caccia dei leoni, che, grazie alle chiome degli alberi, potevano creare l'effetto sorpresa, fondamentale per catturare la loro preda preferita, le zebre.

Lo studio triennale condotto nella Riserva Ol Pejeta in Kenya, che ha confrontato le aree invase dalle formiche caretta e quelle che non lo erano, ha dimostrato che l'arrivo delle formiche caretta ha portato a una divisione in tre degli attacchi più letali dei leoni sull'area. Zebre.

– Effetti a cascata –

Ma lungi dal ridurre il numero dei gatti a causa della scarsità di cibo, si sono adattati al contrario, trasformando di nuovo la loro preda in bufali. Quest’ultima richiede uno sforzo maggiore da parte dei leoni perché sono più difficili da catturare, ma non riduce necessariamente la loro quota di cibo.

Questa è una buona notizia, perché il numero dei leoni è rimasto “stabile, anche dopo tutti gli impatti a cascata che si sono verificati”, ha detto all'AFP Douglas Camaro, l'autore principale dello studio.

Ma “la domanda è cosa accadrà in futuro” se si verificassero ulteriori disordini, quando la presenza più ampia di leoni nella regione è diminuita drasticamente, da 100.000 a 2.000 individui. Un cambiamento nella dieta dei re della savana potrebbe anche causare una serie di conseguenze impreviste…

Inoltre, anche se “la natura è intelligente” e se i leoni trovassero subito una strategia di adattamento efficace, le formiche caretta potrebbero causare seri problemi anche ad altre specie che dipendono dall’acacia fischiatrice, come le giraffe o i rinoceronti neri. Rischio di estinzione, lo conferma lo studio.

READ  E se i buchi neri non fossero ciò che pensiamo? Questo studio mette tutto in discussione

Al di là delle formiche, questi rischi sono stati dimostrati. L’anno scorso, il Gruppo consultivo scientifico intergovernativo (IPBES) della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica ha elencato più di 37.000 specie esotiche che si sono stabilite in luoghi lontani dal loro habitat originale. Di questi, 3.500 sono considerati invasivi e causano gravi danni alla biodiversità.

rg-dep/jmi/ico/vk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *