Il volo di prova Starliner non tornerà fino al 2 aprile

L’unità Boeing Starliner Crew viene sollevata dall’equipaggio commerciale e dalla struttura di movimentazione del carico presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida il 14 gennaio 2021, per essere collegata all’unità di servizio. Credito: Boeing / John Profres

Il lancio del prossimo volo di prova della capsula dell’equipaggio del Boeing Starliner è stato posticipato al più tardi al 2 aprile, dopo che i lavoratori hanno sostituito le unità aeree del veicolo spaziale danneggiate da sovratensioni durante i test.

Il secondo test di volo orbitale di Boeing, o missione OFT-2, determinerà se la navicella Starliner è pronta a portare gli astronauti in orbita per la prima volta entro la fine dell’anno.

In una dichiarazione rilasciata il 17 febbraio, Boeing e la NASA hanno affermato che il lancio della missione OFT-2 era stato posticipato dal 25 marzo al 2 aprile al più presto. Il ritardo di otto giorni è stato causato da un blackout durante le ispezioni finali del veicolo spaziale presso il Kennedy Space Center in Florida.

Boeing ha detto che i tecnici hanno sostituito le unità avioniche colpite dalla sovratensione. “Continuiamo a garantire la sicurezza dei nostri prodotti per veicoli spaziali e ad affrontare eventuali problemi emergenti in modo tempestivo”.

La NASA ha detto che l’aumento è stato causato da “un problema con la configurazione delle apparecchiature di supporto a terra”.

Il mese scorso, gli equipaggi del team di vendita e della struttura di movimentazione del carico Kennedy hanno installato il modulo dell’equipaggio e l’unità di servizio per il veicolo spaziale Starliner. L’intero veicolo spaziale è stato recentemente trasportato in una diversa area della struttura per ricevere il pericoloso carico di carburante.

I fan di Starliner usano una miscela tossica di idrazina e triossido di azoto per affrontare lo spazio. I motori a capsula utilizzano la stessa potente combinazione di impulsi.

Boeing ha detto che era pronto per provare la missione utilizzando hardware e software di volo Starliner. Test approfonditi simuleranno la missione dello Starliner dal lancio all’attracco con la Stazione Spaziale Internazionale e dall’atterraggio all’atterraggio, una prova che Boeing non ha effettuato prima del primo volo di prova orbitale di Starliner nel 2019.

READ  Lamezia, anche su Technology Pole Training Presentation dal titolo "Chemistry, Materials and Biotechnology"

La missione OFT-2 è una prova per il volo di prova di Boeing OFT-1 nel dicembre 2019. Problemi software sulla missione OFT-1 hanno impedito alla navicella Starliner di attaccare la stazione spaziale, costringendola ad effettuare un atterraggio anticipato con il paracadute nello spazio White Sands. Porto Nuovo Messico.

“La NASA continua a lavorare con Boeing per prepararsi a questa prima missione nel 2021”, ha dichiarato Steve Stitch, direttore del programma del personale commerciale della NASA, in una dichiarazione. “Il lavoro di squadra di Boeing e NASA in tutti gli aspetti della preparazione del volo, compresa la certificazione finale, l’analisi dei rischi e il test del software, è un lavoro eccezionale. Mentre il test di volo senza pilota della Stazione Spaziale Internazionale è un passo essenziale sulla strada per il primo Starliner programmato. missione con equipaggio Entro la fine dell’anno, voleremo quando saremo pronti.

Gli ingegneri hanno incontrato circa il 95% delle raccomandazioni identificate dal team di valutazione congiunta NASA-Boeing che ha indagato sui problemi che interessano la missione OFT-1.

“Apprezziamo l’eccezionale lavoro che la NASA sta facendo prima del lancio”, ha affermato John Vollmer, Vicepresidente di Starliner e Direttore del programma di Boeing. “Siamo pienamente coinvolti nel processo di revisione dell’agenzia per garantire la fiducia nel veicolo spaziale”.

Boeing ha detto all’inizio di questo mese Gli ingegneri hanno completato un “retrofit” del codice del programma Starliner, aprendo la strada all’iterazione che inizierà presto.

La navicella Starliner è una delle due nuove coperture dell’equipaggio progettate per trasportare gli astronauti da e verso la stazione spaziale. La capsula SpaceX Crew Dragon ha volato con gli astronauti per la prima volta a maggio, ma i bug del software Boeing hanno ritardato il programma Starliner di più di un anno.

READ  Il lancio del volo di prova Starliner inizia entro e non oltre il 2 aprile - Spaceflight Now

La NASA ha stipulato un contratto con Boeing e SpaceX per sviluppare le nuove capsule per l’equipaggio, ponendo fine alla dipendenza degli Stati Uniti dalla navicella spaziale russa Soyuz per i servizi di trasporto degli astronauti.

Supponendo che il volo di prova di una settimana dell’OFT-2 stia andando bene, Boeing spera di lanciare il primo test di volo Starliner con un equipaggio di tre persone all’inizio di settembre. I tre astronauti attraccheranno alla stazione spaziale, dove dovrebbero trascorrere una o due settimane prima di tornare sulla Terra.

Dopo che l’equipaggio di volo è stato testato, la NASA certificherà lo Starliner per eseguire rotazioni dell’equipaggio operativo verso la stazione spaziale. Boeing ha stipulato un contratto con la NASA per almeno sei di loro, ognuno con quattro astronauti e dura fino a sette mesi.

Una volta lanciata la navicella Starliner, Boeing trasporterà la capsula al centro di integrazione verticale della United Launch Alliance presso la Cape Canaveral Space Force Station. Lì, le gru solleveranno la navicella sopra la piattaforma di lancio Atlas 5 il prossimo mese, poche settimane prima della data di lancio del 2 aprile.

Invia un’email all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *