Il viaggio intorno al mondo atterra Carles Bardeles nella pericolosa Somalia » Explorersweb

Carles Bardeles aveva quasi completato la sua circumnavigazione del mondo da parte dell’uomo quando le correnti lo portarono a nord verso la Somalia, uno dei luoghi più pericolosi del mondo. Parliamo con un avventuriero lettone della sua chiamata ravvicinata e di dove andrà da qui.

Nel 2016, Carles Bardeles in Namibia, all’età di 30 anni, ha iniziato a fare canoa con un partner per il Brasile. Nel 2018 ha ripreso a lavorare in Brasile e ha guidato una bici in tandem a Lima, in Perù, con la sua allora fidanzata. Percorrono 5.400 km in 102 giorni.

Più tardi, quello stesso anno, ha remato da solo per 26.000 km attraverso l’Oceano Pacifico, atterrando in Malesia dopo 715 giorni, quasi due anni. era diventato La prima persona a remare dal Sud America all’Asia.

Dopo la cessazione forzata del COVID, Bardellis, che oggi ha 37 anni, ha ripreso a lavorare in Malesia lo scorso gennaio. Il 21 giugno, completare a 4.800 km di fila dalla Malesia alla Somalia Divenne la prima persona a remare dall’Asia all’Africa. L’unico problema era che doveva atterrare in Tanzania, non in Somalia.

Ciò causò molta tensione anche ai sempre allegri Bardielle. Gli abbiamo parlato di questa parte orribile del suo viaggio.

corrente vagante

cosa è successo? Perché sei sbarcato in Somalia?

Quando mi trovavo nell’Oceano Indiano a est del Madagascar, i venti hanno cominciato a spingermi a nord-ovest. Faccio molte ricerche prima di decollare e studio le mappe storiche del vento. La velocità media del vento nella regione in questo periodo dell’anno è di 15 nodi. Ma quest’anno erano 25-30 nodi.

Conoscevo la corrente costiera dell’Africa orientale che va da sud a nord. Parte da 80 a 90 km al largo delle coste africane. Il mio piano era di arrivare in Tanzania o di avvicinarmi il più possibile. Considero ancora il Kenya una zona cuscinetto sicura prima della Somalia. Ma a causa del vento ero già molto lontano a nord quando ho colpito la corrente.

Foto: https://boredofborders.com

La Somalia è notoriamente pericolosa. cosa è successo dopo?

Tutti conoscono la pirateria in Somalia. Ma quando l’ho ricercato, mi sono reso conto che dal 2018 non ci sono stati casi noti. Ci sono società di sicurezza che si occupano delle navi nella zona. Ma questa informazione era un po’ fuorviante perché pensavo che sarebbe stata più sicura di quello che è.

È completamente diverso quando atterri in Somalia. I rischi sono raddoppiati e triplicati, perché ogni turista diventa merce di scambio. Qualsiasi tassista può venderti ai gruppi terroristici che controllano vaste aree della Somalia.

READ  Палата представителей предложит Пенсу отстранить Трампа от власти :: Политика :: РБК

Troppo rischioso per atterrare

Comunque, mi trovavo in una zona molto pericolosa, perché la Somalia meridionale è controllata da Al-Shabab. Forse sei a 30 km dalla costa. Ero in contatto con il Ministero degli Affari Esteri, il Servizio di Sicurezza dello Stato, nonché la Guardia Costiera. Quindi alla fine una barca locale è venuta a prendermi. Di notte arrivavo a 1,3 chilometri dalla spiaggia e dovevo usarlo [a flare to signal them].

Durante il giorno ho acceso l’EPIRB per segnalare la Guardia Costiera e le navi circostanti. Il tempo era davvero agitato, i venti superavano i 25 nodi e le onde erano davvero grandi. Sono riuscito a salire su questa barca locale e mi hanno portato a terra e poi un elicottero militare mi ha portato alla base di Mogadiscio.

Poi mi hanno portato in una zona sicura dove sono rimasto per 10 giorni, mentre preparavano i documenti di cui avevo bisogno per lasciare legalmente la Somalia. Così alla fine, il 29 giugno, ho viaggiato.

Accarezza la prua della barca e l'oscuro oceano in tempesta

Foto: Boredofborders

Quattro giorni di privazione del sonno

Sembrava tutto estenuante e spaventoso.

Lo era davvero. Due ore prima di salire sulla loro barca, ho ricevuto una chiamata dal servizio di sicurezza dello Stato lettone. Mi hanno insegnato come comportarmi in questo tipo di situazione, che è davvero importante. Ero su una barca locale nel cuore della notte e questi due giovani somali mi stavano portando da qualche parte.

L’idea originale era quella di atterrare da qualche parte a poche ore di distanza in barca. Ma hanno dovuto cambiare i loro piani e abbiamo semplicemente aspettato sull’ancora vicino alla spiaggia perché non potevamo rischiare di atterrare nella zona sbagliata.

Questi ragazzi non parlavano molto inglese e non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Potete immaginare cosa stavo pensando. Tutta l’ambiguità in questa situazione era molto tesa e terrificante. Oltre a quattro giorni di privazione del sonno, soffrivo di esaurimento. Non mi ha aiutato molto a calmarmi.

Non tornerò in Somalia

Questa sezione è stata la seconda parte del tuo viaggio. Devi ancora collegare i punti tra Somalia e Namibia. Come pensi di farlo?

Non ne sono sicuro, ma so per certo che non tornerò in Somalia. Non c’è modo al mondo per me di tornare lì. Quando stai navigando su un carosello a propulsione umana, la cosa principale è riprodurre le tue coordinate da qualche parte. Farò un passo indietro e riprenderò da un altro punto.

READ  Into the wild: Do vacationer boats pressure out whales?

Ad essere onesti, penso che quando riavvio, lo farò in modo molto silenzioso, senza alcun tracciamento online. Allora potrei venire quando sarò già in Tanzania. Quando ho lasciato la Somalia, c’era una consapevolezza della mia esistenza e potrebbe non essere stato sicuro.

Chiunque sappia qualcosa della Somalia mi ha detto: “Sei così fortunato ad esserne uscito vivo e in pace”.

Se torni indietro e torni da un altro punto, significa di nuovo remare. Come recupererai la tua barca?

Questo è molto complicato. Non ne ho idea, a dire il vero. L’ultima informazione che ho avuto è che la barca è ancora dove l’avevo interrotta, sotto la sorveglianza dell’esercito. A Mogadiscio, il comandante dell’esercito mi ha detto che avrebbero potuto trascinare la barca fino al grande porto. Ora è molto complicato dal punto di vista logistico.

Kayak in un limpido tramonto

Foto: Boredofborders

Una casa, non un pezzo di equipaggiamento

Prenderai un’altra barca se non riesci a riprenderla?

Questa è una decisione davvero difficile. Quando attivi l’EPIRB, devi accettare che, in caso di aiuto, potresti dover lasciare definitivamente la barca. Questa è stata una decisione difficile ed emotiva per me. Ho trascorso circa tre anni su questa barca. Questa è una casa per me, non solo un pezzo di attrezzatura.

Spero in qualche modo di recuperarlo perché il mio piano era di mettere la barca in una sorta di museo marittimo in Lettonia. Non ci sono molte barche al mondo che hanno attraversato gli oceani come hanno fatto queste barche.

Parti del tuo viaggio devono essere molto drenanti. Hai mai pensato di non completare il viaggio?

È la mia vita, non qualcosa che faccio di traverso. Ovviamente ora voglio fare una vacanza estiva per trascorrere del tempo con la mia famiglia, con mia madre, mia sorella e la famiglia di mia sorella.

Ma questo è quello che faccio. Torno e racconto la storia. Poi mi sento solo quando sono in mare e mi diverto. Certo, ho anche un po’ di solitudine per terra. Ma l’avventura è dove vivo davvero, come quando sento che la mia vita sta accadendo.

Le gioie della memoria corta

Una volta tornato in Africa, qualcuno si unirà a te per finire il viaggio o vuoi finirlo da solo?

Ho ricevuto messaggi da un gran numero di persone che conosco. Molti mi hanno appena mandato un messaggio dicendo: “Se rimani qui in bicicletta, ti raggiungo perché ho due settimane di riposo”. Quindi potrei condividere la strada con qualcuno. Non lo so ancora. Ho delle idee.

Foto: Boredofborders

Il tuo viaggio includeva tre grandi parti del kayak. Quale sezione è stata la più difficile?

READ  Ibovespa fecha em queda e volta aos 115 mil pontos com nova cepa do coronavírus; dólar sobe a R$ 5,12

È molto difficile per me rispondere perché la mia memoria è corta. A volte sono generalmente molto positivo riguardo alla vita e dimentico le difficoltà. Di solito cerco di ricordare le parti più belle.

L’Oceano Pacifico era fantastico, con tutte le isole, ma c’era la vera sfida tecnica del rafting costiero in Indonesia. C’erano anche torrenti e maree davvero complicati e un grande traffico di pescatori locali.

Quando stavo attraversando il Pacifico, sono stato quasi investito da un peschereccio e colpito dagli squali. Poi all’equatore, [I had] Il mio primo capovolgimento a 360 gradi.

Preferisci le sezioni in kayak o in bicicletta?

Ho fatto un breve ciclo attraverso lo Sri Lanka per raggiungere il punto di contrasto. Mi ci sono voluti solo cinque giorni, ma questa parte mi è piaciuta molto perché ho potuto ottenere frutta fresca. Una parte di me ama davvero stare da sola in mare, ma non riesco a scegliere cosa sia meglio. Ad esempio, non vedo l’ora di vedere alcuni animali selvatici in Africa.

Foto: Boredofborders

nessun rimpianto

È stato un viaggio incredibilmente lungo. Se potessi tornare indietro nel tempo, lo rifaresti?

Assolutamente. Ma se me lo chiedi quando finirò questo viaggio, lo farò di nuovo? No, non credo. Ci sono così tante cose da fare nel mondo, così tanti posti dove andare. Ma non voglio dire che mi pento di tutto questo, anche della Somalia. Non volevo finire lì, ma è successo e basta. Il sentiero, l’universo o Dio mi ha portato lì.

Ti vedi fare questo per sempre adesso? Una volta che hai finito, inizierai a pianificare una nuova avventura da qualche parte?

Ci sono ancora alcune idee che voglio realizzare e il mio corpo è ancora in ottima forma. Ho 37 anni quindi devo andare avanti per fare queste cose. Poi forse quando avrò 60 anni, rallenterò. In effetti, quando avrò 60 anni, probabilmente sono ancora più pazzo. Tutti abbiamo queste limitazioni nel cervello, ma ad ogni avventura elimino un altro livello dei miei limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.