Il telescopio James Webb rivela una straordinaria immagine della Galassia della Ruota di Kartwell

Martedì 2 agosto, la NASA ha rilasciato un’immagine rara e sbalorditiva di una galassia a 500 milioni di anni luce di distanza, la galassia Cartwheel, i cui anelli appaiono con una nitidezza senza precedenti grazie al nuovo telescopio, il James Webb Space.

Gli astronomi, come la nostra Via Lattea, credono che la Galassia della Ruota di Cartwell fosse una volta una galassia a spirale. Ma un evento sorprendente gli ha dato forma: la collisione con un’altra galassia più piccola (non visibile nella foto). Poi si sono formati due anelli dal centro della collisione, simili a increspature in cerchi concentrici causate da un sasso lanciato in acqua. Questo è ciò che gli è valso il suo nome evocativo.

Il primo anello, al centro, è molto luminoso, e il secondo, all’esterno, si espande da 440 milioni di anni. Mentre si espande, l’anello entra in collisione con il gas circostante, provocando la formazione di stelle.

La galassia della ruota di Cartwell è ancora in uno stato “transitorio”Lo ha affermato la NASA nella sua dichiarazione. Se il telescopio James Webb “Ci fornisce informazioni [son] Ci dà anche un’idea di cosa gli è successo in passato e di come si svilupperà in futuro”..

Leggi anche: Telescopio James Webb: “Gli astronomi pensano di poter tracciare la retroilluminazione di oggetti precedenti nella storia dell’universo”

gioiello di ingegneria

Questa galassia è già stata osservata dal telescopio spaziale Hubble, ma le capacità a infrarossi di James Webb rivelano nuovi dettagli nascosti finora, consentendo di vedere una grande quantità di polvere attraverso di essa. L’immagine composita, ricavata dalle osservazioni di due strumenti scientifici del telescopio, mostra anche altre due piccole galassie, oltre a diverse altre galassie sullo sfondo.

READ  Gli scienziati hanno spiegato perché la NASA non potrebbe inviare astronauti sulla luna se ci avessero già volato

Un gioiello di ingegneria da 10 miliardi di dollari, il telescopio James Webb lanciato da Kourou, nella Guyana francese, lo scorso dicembre. Ora è a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Questo telescopio è chiamato in onore di James Edwin Webb, il secondo amministratore della NASA (1961-1968), un Circa cento volte più sensibile dal suo predecessore, Hubble. Immaginato dalla NASA sin dal lancio di Hubble nel 1990 e costruito a partire dal 2004, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e il Canada (CSA), il telescopio James-Webb è dotato di uno specchio di 6,5 metri, che gli conferisce una superficie e quindi una sensibilità sette volte maggiore del suo predecessore. . Abbastanza grande da rilevare la firma del calore di un’ape sulla superficie lunare.

Un’altra differenza rispetto alla precedente: il metodo di osservazione. Laddove Hubble osserva lo spazio principalmente nel campo della luce visibile, James Webb si avventura nella lunghezza d’onda oltre l’occhio: il vicino e il medio infrarosso. Radiazione che qualsiasi oggetto, stella, essere umano o fiore emette naturalmente.

La sua accuratezza consentirà di comprendere meglio la formazione di stelle e galassie e di osservare esopianeti, di cui gli astronomi scoprono sempre più campioni, cercando di identificare, forse un giorno, altri pianeti che ospitano la vita.

Il mondo con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.