La vera portata dell’impatto delle emissioni di carbonio dei viaggi a lunga distanza è stata finalmente rivelata

La vera portata dell’impatto delle emissioni di carbonio dei viaggi a lunga distanza è stata finalmente rivelata

Uno studio britannico ha rivelato che, sebbene i voli a lungo raggio rappresentino solo il 2,7% circa dei viaggi, sono responsabili del 69,3% delle emissioni di carbonio associate al trasporto passeggeri. Sebbene i viaggi internazionali rappresentino solo lo 0,4% dei viaggi, sono responsabili del 59,1% delle emissioni. Questa scoperta preoccupante evidenzia la necessità di sforzi normativi focalizzati sui viaggi a lunga distanza.

I trasporti sono responsabili del 30% del consumo energetico e del 37% delle emissioni di carbonio di origine antropica a livello globale. Tuttavia, nonostante questa quota elevata di emissioni di gas serra, è uno dei settori più difficili da decarbonizzare. Nel Regno Unito, ad esempio, le emissioni totali di anidride carbonica sono diminuite in media del 44% tra il 1990 e il 2019 per la maggior parte dei settori, ad eccezione dei trasporti, che hanno registrato un calo solo del 5%. La maggior parte di queste emissioni proviene dai viaggi dei passeggeri.

D’altro canto, gli sforzi di decarbonizzazione si concentrano principalmente sulle tecnologie di transizione verde, come l’elettricità e l’uso di biocarburanti (come l’idrogeno verde). Tuttavia, queste tecnologie non sono sufficienti per compensare le emissioni legate ai viaggi e raggiungere emissioni nette pari a zero.

La maglietta che respira:
Mostra un forte messaggio sul clima 🌍

Inoltre, mentre il numero medio di viaggi nazionali in auto è diminuito significativamente in Europa, i voli internazionali sono aumentati in modo significativo. Tuttavia, viaggiando in aereo, ogni passeggero può emettere circa 0,37 kg di anidride carbonica ogni 1,5 km. In confronto, un viaggio in auto emette tra 0,25 e 0,30 kg di CO2 per passeggero su una distanza simile.

READ  Ora in onda su Netflix: “Il problema dei tre corpi”: la serie che sfida le leggi della fisica

Oltre all’adozione di tecnologie di trasformazione verde, la riduzione della domanda di trasporto passeggeri è essenziale per ridurre le emissioni di carbonio legate ai viaggi. Tuttavia, sebbene i viaggi a lunga distanza rappresentino una parte significativa delle emissioni di carbonio dei passeggeri, le indagini sulla sua reale entità sono rare. Inoltre, i viaggi aerei vengono generalmente considerati separatamente quando si valuta l’impronta di carbonio dei trasporti.

Il nuovo caso di studio, condotto nel Regno Unito, mira a colmare il divario combinando diverse indagini per caratterizzare le emissioni di CO2 legate ai viaggi dei residenti. ” Sebbene gli sforzi per spostare i viaggi nazionali verso modalità di trasporto più sostenibili siano effettivamente positivi, omettendo le emissioni del trasporto aereo dalle statistiche nazionali – come avviene attualmente in quasi tutti i paesi – non riusciamo ad avere il quadro generale e stiamo ignorando gran parte del problema. . », spiega in A Comunicato stampa dell'Università di Leeds Co-autore principale dello studio, Muhammad Adeel, dell'Università dell'Inghilterra occidentale. I risultati sono dettagliati nella revisione L'energia della naturaPuò essere trasportato nella maggior parte dei paesi occidentali.

Stime delle emissioni di carbonio per passeggero secondo il trasporto globale. 1 libbra = 0,4 kg, 1 miglio = 1,6 km. © Viaggi sostenibili internazionali

I viaggi internazionali sono responsabili del 59% delle emissioni di anidride carbonica

I ricercatori hanno utilizzato i dati del National Travel Survey (NTS) e dell’International Travellers Survey (IPS) (tra il 1997 e il 2017). A differenza degli studi precedenti, che si concentravano specificamente su fattori quali il numero di ordini e gli spostamenti giornalieri, la nuova indagine ha un duplice scopo. La prima consiste nell'analizzare la relazione tra il viaggio dei passeggeri (tutte le modalità di trasporto), le conseguenti emissioni di CO2, il numero di chilometri percorsi e gli obiettivi di viaggio.

Il secondo obiettivo dello studio include una nuova misura: la sensibilità alla riduzione delle emissioni. Quest’ultimo permette di valutare il potenziale di decarbonizzazione di ciascun viaggio e in funzione della distanza, e dà come risultato il rapporto tra il tasso di riduzione delle emissioni e il tasso di viaggi modificati. In altre parole, questa tecnologia valuta le tipologie di viaggio che possono essere modificate per massimizzare le emissioni di carbonio, interessando il minor numero di persone e di viaggi possibili.

Viaggio nel carbonio

Quota di viaggi annuali, chilometri percorsi ed emissioni pro capite nel 2017, per scaglioni di distanza di viaggio. AcontroIl viaggio è previsto secondo la sua natura: nazionale (A), internazionale (B)o misto(contro). Le quote sono distribuite in base alle tipologie di viaggio previste; Ad esempio, nel B, il 37% dei viaggi internazionali avviene entro 400-1.000 miglia, ma ciò rappresenta solo 1,2 viaggi pro capite, una percentuale molto piccola di tutti i viaggi. © Diyaa Wadud et al.

I ricercatori hanno scoperto che, sebbene rappresentino meno del 2,7% dei viaggi, i viaggi più lunghi di 80 chilometri (solo andata) sono responsabili del 69,3% delle emissioni di carbonio derivanti dai viaggi dei passeggeri (tutti i modi di trasporto e trasporto combinati). La disparità è ancora maggiore per i viaggi internazionali: rappresentano il 59,1% delle emissioni, mentre rappresentano solo lo 0,4% dei viaggi. Questi risultati mostrano che, sebbene l’adozione di tecnologie di trasformazione verde sia in aumento, non è sufficiente per ridurre le emissioni legate ai trasporti.

Le stime sulla sensibilità alla riduzione delle emissioni hanno dimostrato che mirare ai viaggi a lunga distanza può essere un modo più efficace per ridurre le emissioni rispetto agli attuali sforzi che si concentrano sui viaggi e sulla mobilità locale. ” È preoccupante che i viaggi a lunga distanza, soprattutto i voli, siano aumentati, ma presentano anche opportunità », stima Zia Wadud dell'Università di Leeds, autore principale dello studio.

Se i viaggi in auto inferiori a 13 chilometri fossero sostituiti da spostamenti a piedi o in bicicletta, la riduzione delle emissioni di carbonio sarebbe del 9,3%. Tuttavia, questo tasso sarà raggiunto solo se verrà sostituito il 59,1% di tutti i viaggi nazionali in auto. Ciò corrisponde ad una sensibilità alla riduzione delle emissioni di 0,17 unità.

Al contrario, se tutti i voli inferiori a 1.600 km fossero convertiti al trasporto ferroviario, si avrebbe una riduzione del 5,6% delle emissioni di carbonio. Inoltre, solo lo 0,17% dei viaggi necessita di modifiche, con una sensibilità alla riduzione delle emissioni di 33,2 unità. Inoltre, questo numero salirebbe a 158,3 unità se i voli internazionali fossero limitati a un volo all'anno.

Viaggio nel carbonio

Quota di spostamenti, chilometri ed emissioni di CO2 per abitante e per modalità di trasporto. © Diyaa Wadud et al.

Il team spera che questi risultati contribuiscano a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla riduzione dei viaggi a lunga distanza. In particolare, lo studio fornisce una panoramica degli effetti positivi che si possono ottenere attraverso un semplice cambiamento di comportamento. Questi dati possono anche aiutare a orientare le decisioni politiche sulla riduzione degli impatti climatici dei trasporti.

fonte : L'energia della natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *