Il Rocher de l’aigle, una nuova cabinovia da 10 posti, a Montgenèvre

Il Rocher de l’aigle, una nuova cabinovia da 10 posti, a Montgenèvre

Per stare al passo con la concorrenza, migliora il prodotto sci e passare alla fascia alta, Monginevro quest’anno sta investendo molto: 12 milioni di euro tasse escluse, in a cabinovia iperpanoramica da dieci posti del marchio Doppelmayr che i suoi clienti potranno testare quest’inverno. Sostituisce la seggiovia quadriposto ad morse fisse del Rocher de l’aigle, installata nel 1998.

Lento, scomodo, non era più adatto alle esigenze dei nostri clienti. Ci è voluto un quarto d’ora per raggiungere la stazione di arrivo. Abbiamo preso questo dispositivo una volta al giorno, raramente due. », spiega il direttore generale dell’ente indipendente degli impianti di risalita, Daniel Garcin.

La cabinovia collegherà il confine italiano

La telecabina percorrerà lo stesso percorso superando un dislivello di 400 m, passando da quota 2160 m a quota 2586 m slm, arrivando su un crinale al confine italiano. Perché Montgenèvre ha questa particolarità di appartenenza un comprensorio sciistico franco-italianoil famoso via Lattea. Sul versante italiano, anche le località della valle del Sestriere, acquistate dalla società inglese Icon Infrastructure, hanno grandi ambizioni per migliorare lo sci in alta quota e svilupparsi a livello internazionale.

La cabina iperpanoramica da 10 posti è progettata da Doppelmayr. (Immagine RARM.)

Con la gondola puntiamo sulla comodità, sulla convivialità e sulla sicurezza perché abbiamo una clientela familiare. », esulta l’operatore. Grazie ad una velocità di 7 m al secondo, la macchina garantisce una salita in cinque minuti e passerà da una portata di 1.800 persone/ora a 2.200/ora.

Questo nuovo dispositivo sarà maggiormente integrato nell’ambiente grazie all’utilizzo di un grigio opaco per le stazioni e le cabine. I 39 veicoli saranno depositati nelle stazioni. All’arrivo, i tre locali (posto di pronto soccorso, trasformatore e locale operatore) saranno sostituiti da uno solo. Altro vantaggio: la stazione dimezza il numero dei tralicci, da 24 a 11, e non ne ha più nelle zone umide. Sempre dal punto di vista ambientale, la vecchia macchina è stata riciclata al 95%: tralicci e sedili sono stati venduti ad altre stazioni alpine, la stazione ha recuperato il cavo principale ancora in buono stato per posizionarlo sulla seggiovia dell’Osservatorio, e prevede anche il riutilizzo le pulegge, i freni e il cambio.

READ  In Italia, i nuovi migranti non vengono visti

Potenziare altre strutture di Monginevro

La stazione infatti si è evoluta rispetto al suo progetto iniziale, che prevedeva la sostituzione di questa seggiovia a quattro posti con una a sei posti. “ Sono stati i costruttori degli impianti di risalita a farci cambiare idea. La gondola ha sei piloni in meno, senza costare molto di più perché la macchina si ammorterà nel tempo, richiedendo meno manutenzione. Vogliamo che i nostri investimenti siano ancora rilevanti tra circa vent’anni. »

La società di gestione prevede di orientarsi in futuro verso lo stesso tipo di prodotti, nell’ambito della modernizzazione della propria flotta. Si interroga anche sulla tipologia di dispositivi da implementare entro il 2026/2027 in sostituzione due teletrasportati da Chalvet, risalente agli anni ’80, la cabinovia nella parte bassa e la seggiovia nella parte alta. Per Daniel Garcin il futuro è nei veicoli chiusi per ragioni di sicurezza, comfort e utilizzo in tutte le stagioni.

La cabinovia non funzionerà in estate

E ancora, la funivia Eagle Rock non verrà utilizzato in estate anche se il resort lo stava valutando. “ La Missione dell’Autorità Regionale per l’Ambiente (Mrae) ha ritenuto che i nostri studi non fossero sufficientemente completi per giustificare il funzionamento estivo. Altrimenti bisognerebbe effettuare nuovi studi, dire con precisione cosa vogliamo fare, il numero di mountain bike a bordo, quali circuiti percorrerebbero, per non fare nulla sul sensibile massiccio del Chenaillet. Abbiamo ascoltato queste raccomandazioni, come abbiamo fatto per il flusso che inizialmente era di 3000 persone/ora. »

Daniel Garcin concorda che può essere discutibile praticare la mountain bike nel settore minerario, che deve essere scalato utilizzando la forza delle gambe. “ Abbiamo altri dispositivi che funzionano in estate. È vero che il settore Gondrans sembra ancora più appropriato. » La redditività economica della cabinovia dipendeva comunque dall’esercizio invernale. “ Monginevro vive di sci. Ancora non è stata trovata alcuna alternativa per sostituirlo… »

READ  Monet, Renoir, Cézanne... 300 capolavori dell'Impressionismo riuniti fino al 4 giugno in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *