alla scoperta dei bozzetti “segreti” di Michelangelo ritrovati in una cantina

alla scoperta dei bozzetti “segreti” di Michelangelo ritrovati in una cantina

DISCUSSO DI FRANCESCO FANTANI/AFP

DISCUSSO DI FRANCESCO FANTANI/AFP

Conosciuta come la “camera segreta” di Michelangelo, questo spazio, di dieci metri per tre, fu utilizzato come deposito di carbone fino al 1955. Poi rimase “inutilizzato, sigillato e dimenticato per decenni sotto una botola ricoperta di armadi e mobili” prima di essere riscoperto nel 1975. , ha affermato il museo in una nota.

L’ex direttore delle Cappelle Medicee, lo storico dell’arte Paolo Dal Poggetto, ha attribuito numerosi schizzi scoperti a Michelangelo Buonarroti, noto soprattutto per la sua statua del David e gli affreschi della Cappella Sistina del Vaticano. Dal Poggetto ritiene che Michelangelo si sia nascosto in questa stanza per due mesi nel 1530 da papa Clemente VII perché il pontefice, membro della famiglia Medici, era “furioso” con lui. L’artista aveva ricoperto il ruolo di supervisore delle fortificazioni della città durante il breve governo repubblicano (1527-1530), quando i Medici furono cacciati dalla città.

Visite limitate

“I disegni, tuttora studiati dai critici d’arte, sono stati realizzati durante il periodo di autoconfinamento dell’artista, utilizzando le pareti della piccola stanza per abbozzare alcuni dei suoi progetti”, ha affermato il museo.

READ  "La cultura è un dovere morale e un bene per l'economia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *