Fiorentina, Prandelli: “Al momento della firma ho detto: ‘Tra tre mesi mi chiamerai per il rinnovo” “

Cesare Prandelli, L’allenatore della Fiorentina, è intervenuto oggi sulle frequenze Radio One da ex allenatore della Nazionale, per parlare dei progressi della squadra di Mancini: “Noi italiani siamo sempre alla ricerca della negatività quando le cose vanno bene. Penso che Mancini faccia un ottimo lavoro : ieri ne mancavano 20 e nonostante questo l’Italia ha ci tengo a precisare che si tratta di un lavoro iniziato molto tempo fa, dal 2010. Negli anni i giovani hanno ottenuto anche ottimi risultati a livello internazionale.

Qual è la tua Fiorentina in Nazionale?
“Siamo in una fase del calcio in cui si parla molto di sistemi di gioco, ma questo va interpretato. E lo dimostra anche la Nazionale, che ieri ha giocato in difesa a 4 con difensori che normalmente giocano a 3. Penso che il gol di Berardi debba essere rivisto per capire come impostare un’azione, certo, se hai una stella, un Roberto Baggio, non puoi chiedergli di giocare prima spesso, ma lo sarebbe anche lui. adattato a un sistema di gioco collettivo “.

Cosa cambia tra la tua Italia e quella attuale?
“La base della scelta è diversa. Ci sono molti ragazzi interessanti tra cui scegliere. C’è molta scelta e molta capacità di cambiare il sistema di gioco. Significa che il nostro calcio è sempre più interessato al gioco. internazionale. Forse abbiamo rimosso l’etichetta di calcio difensivo “.

Quale sarebbe stata la tua carriera senza la Nazionale?
“Nel calcio non fai niente con i se e con i gol. Sono orgoglioso di essere stato un allenatore, soprattutto perché ho conosciuto alcune persone importanti. E adesso sono tutti molto felici perché in questa pandemia di 90 minuti puoi dimenticare i problemi della vita “.

READ  Italia - Giornata 27 - Italia: il Milan cade contro il Napoli

Il calendario della nazionale dovrebbe essere rivisto come molti hanno richiesto?
“Bisogna salvare la Nazionale: non si può mai dire di no, a nessun livello. Dal punto di vista della programmazione, però, si possono pensare solo a due mesi per i playoff, in cui gioca solo la Nazionale”. Quindi il campionato potrebbe essere più veloce. E molti presidenti non si lamenterebbero. Ma è solo una questione organizzativa “.

Quarto posto gol per la Fiorentina?
“Rispondo rispondendo ai dirigenti: credo sia una squadra con un motore interessante, bisogna capire la strada da percorrere per migliorarne le caratteristiche. L’unico obiettivo per il momento è crescere come squadra e come mentalità. Per il momento non possiamo avere un obiettivo ben preciso ”.

Sempre più giovani in Italia, sia nei club che in blu:
“Non si torna indietro. I nostri settori giovanili sono sempre stati molto produttivi. Dobbiamo sempre puntare sui giovani, nella speranza di farli crescere sempre nei nostri settori giovanili”.

Hai tre giovani attaccanti ma che non hanno giocato come previsto alla Fiorentina:
“Sono 3 giocatori con ottime qualità. L’importante è che non credano di essere già arrivati. Ho allenato Kouame e Cutrone e credo che abbiano tanta voglia di migliorare. Devono. fare soprattutto nel tempo di gioco. Conosciamo Patrick: spesso spende troppe energie, cosa che il punto non dovrebbe fare. Deve solo muoversi per la realizzazione. È importante che non perdano l’entusiasmo: abbiamo 5 cambi e giocheranno tutti “.

Come utilizzerà Ribéry?
“Ribery ha 25 anni di carriera, non ho certo bisogno di scoprirlo. Quando hai un campione nella tua squadra, non puoi dargli la responsabilità di tutte le manovre, anche perché prenderebbe troppo”. tiri. Ha una capacità di lettura che potrebbe essere interessante vederlo in altre zone del campo ancora alla ricerca del successo. Sul fronte offensivo può giocare ovunque “.

READ  Sulle tracce di Cosmic Sound, questa corrente dimenticata della festa che ha incendiato l'Italia degli anni '80

Parliamo del suo futuro in società con Sarri in panchina: lo accettereste?
“A me sembra un calcio fantastico. Abbiamo parlato con la società per due ore di calcio e in 30 secondi siamo arrivati ​​a un accordo. Non ho richieste per la Fiorentina, voglio solo dimostrare che posso allenare questa squadra. Credo molto in me stesso e in questo club, tanto che ho scherzato: “Tra due o tre mesi mi contatterai per chiedere il mio rinnovo”. Mi piace molto la famiglia creata da Commisso.

Alla Fiorentina è arrivato un tifoso-allenatore.
Ho detto subito ai ragazzi: per la prima volta avete un tifoso allenatore. Spesso giocherò come farebbero i tifosi. Conosco Firenze e questa piazza è molto stimolante. chiede tanto ma ti dà tutto. Se i giocatori danno tutto, questa città ti applaudirà sempre. Sarà difficile ripetere i miei ultimi 5 anni, ma penso solo al futuro e al mio lavoro “.

Chi vince lo scudetto?
“Quest’anno le squadre sono 8, non solo la Juventus. Con questa pandemia tutto si complica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *