Il potere del futuro: le cellule sintetiche

Il potere del futuro: le cellule sintetiche

Dalla rivista: Recensioni di biofisica

Il concetto di cloroplasti e mitocondri sintetici all’interno di un liposoma per la generazione di energia autosufficiente attraverso la fotosintesi e la respirazione cellulare. Credito: gruppo di interfaccia biologica, Università di Sogang

WASHINGTON, 28 marzo 2023 — I cloroplasti e i mitocondri sono responsabili della produzione di energia in natura, ed è fondamentale per la produzione di cellule artificiali sostenibili in laboratorio. I mitocondri non sono solo la “centrale energetica della cellula”, come si dice nella biologia delle scuole medie, ma anche uno dei componenti intracellulari più complessi della riproduzione artificiale.

In Biophysics Reviews, i ricercatori della Sogang University in Corea del Sud e dell’Harbin Institute of Technology in Cina identificano gli sviluppi più promettenti e le maggiori sfide nei mitocondri sintetici e nei cloroplasti.

“Se gli scienziati possono creare mitocondri e cloroplasti artificiali, possiamo sviluppare cellule artificiali in grado di generare autonomamente energia e produrre molecole. Ciò aprirebbe la strada alla creazione di organismi o biomateriali completamente nuovi”, ha affermato l’autore Kuano Shin.

Nelle piante, i cloroplasti usano la luce solare per convertire l’acqua e l’anidride carbonica in glucosio. I mitocondri, presenti sia nelle piante che negli animali, producono energia scomponendo il glucosio.

Una volta che una cellula ha prodotto energia, spesso usa una molecola chiamata adenosina trifosfato (ATP) per immagazzinare e trasferire quell’energia. Quando una cellula scompone l’ATP, rilascia energia che alimenta le funzioni della cellula.

“In altre parole, l’ATP funge da principale valuta energetica della cellula ed è vitale per la cellula per svolgere la maggior parte delle funzioni cellulari”, ha detto Shen.

Il team descrive i componenti necessari per costruire mitocondri e cloroplasti artificiali e identifica le proteine ​​come gli aspetti più importanti del macchinario rotante molecolare, del trasporto di protoni e della produzione di ATP.

Precedenti studi hanno replicato i componenti che compongono gli organelli produttori di energia. Alcuni dei lavori più promettenti studiano i processi intermedi coinvolti nel complesso processo di generazione di energia. Collegando le sequenze di proteine ​​ed enzimi, i ricercatori hanno migliorato l’efficienza energetica.

READ  Galaxy S22 Plus: il miglior design di tutti i modelli

Una delle sfide rimanenti più importanti nel tentativo di ricostruire organelli produttori di energia è consentire l’autoadattamento in ambienti mutevoli per mantenere una fornitura stabile di ATP. Studi futuri dovrebbero studiare come migliorare questo vantaggio limitato prima che le cellule artificiali possano diventare autosufficienti.

Gli autori ritengono importante creare cellule artificiali con metodi di generazione di energia biologicamente realistici che imitano i processi naturali. La replicazione di cellule intere potrebbe portare a futuri biomateriali e approfondimenti sul passato.

“Questa potrebbe essere una pietra miliare importante nella comprensione dell’origine della vita e dell’origine delle cellule”, ha detto Shen.

###

Titolo dell’articolo

Organelli sintetici per la conversione sostenibile e la produzione di energia chimica: mitocondri sintetici e cloroplasti

Autori

Hyun Park, Wichun Wang, Seo Hyun-min, Youngsho Rin, Xiaojun Han, Shin Kwanwoo

Affiliazioni d’autore

Università di Sougang, Istituto di tecnologia di Harbin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *