Il parlamento israeliano è stato sciolto e si sono tenute le quinte elezioni in meno di quattro anni

Il parlamento israeliano è stato sciolto e si sono tenute le quinte elezioni in meno di quattro anni
Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid partecipa a una riunione di gabinetto presso l’Ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme il 15 maggio 2022. – Reuters
  • Lapid abbraccia il primo ministro uscente Naftali Bennett.
  • Israele rimane impantanato in un’era senza precedenti di stallo politico.
  • Lapid tiene colloqui con il presidente Isaac Herzog.

Giovedì i legislatori israeliani hanno sciolto il parlamento, costringendo il Paese a tenere le elezioni per la quinta volta in meno di quattro anni, con il ministro degli Esteri Yair Lapid che assumerà la carica di primo ministro ad interim a mezzanotte.

Dopo il voto unanime 92-0, il centrista Lapid ha abbracciato il primo ministro uscente Naftali Bennett, il cui anno alla guida di una ingombrante coalizione di otto partiti è svanito a causa delle sue divisioni ideologiche.

Lapid, il cui padre di origine ungherese è sopravvissuto all’Olocausto, è andato immediatamente dal Parlamento al Centro per la Memoria dell’Olocausto di Yad Vashem.

“Lì, ho promesso al mio defunto padre che avrei sempre mantenuto Israele forte e in grado di difendersi e proteggere i suoi figli”, ha detto il 58enne in una nota.

Le nuove elezioni, previste per il 1° novembre, sono un altro segno che Israele rimane impantanato in un’era senza precedenti di stallo politico, con i primi sondaggi che suggeriscono che i risultati potrebbero essere ancora una volta inconcludenti.

Il nazionalista religioso Bennett, che ha detto che si sarebbe ritirato dalla politica, ha ospitato Lapid a un breve partito di transizione.

“Ti consegno la responsabilità dello Stato di Israele”, ha detto Bennett Lapid, che ha descritto il primo ministro uscente come “un brav’uomo e un eccellente primo ministro”.

“Questa non è una cerimonia d’addio perché io (non ho) intenzione di prenderti congedo”, ha detto Lapid.

READ  L'inviata britannica Melanie Robinson se ne va mentre il Regno Unito nomina il nuovo ambasciatore - The Zimbabwe Mail

L’ex primo ministro falco Benjamin Netanyahu ha confermato che lui ei suoi alleati – nazionalisti di estrema destra e partiti ultra-ortodossi – raccoglieranno finalmente la maggioranza, dopo quello che ha descritto giovedì come un “esperimento (di coalizione) fallito”.

“Siamo l’unica alternativa. Un governo nazionale forte e responsabile”, ha detto Netanyahu, che è sotto processo con l’accusa di corruzione che nega.

‘Polarizzazione profonda’

Netanyahu, visto sia dagli alleati che dai critici come un instancabile rissa politico, stava già facendo una campagna giovedì, dicendo ai clienti in un centro commerciale di Gerusalemme che combattere l’aumento del costo della vita – che ha attribuito al “cattivo governo Bennett” – sarebbe stato il suo “primo compito ” dopo il ritorno in ufficio.

Nel frattempo, Lapid ha tenuto colloqui con il presidente Isaac Herzog, il quale ha affermato che riportare gli israeliani alle urne per la quinta volta dall’aprile 2019 è stato “estremamente malsano per il Paese”, elogiando la “grande abilità politica” di Lapid.

Per Yonahan Plessner, presidente dell’Israel Democracy Institute, un’altra elezione generale mette in evidenza la “realtà altamente polarizzata di Israele”.

Ha detto che l’unica soluzione a tale “disfunzione” era “riforme elettorali e costituzionali attese da tempo”.

Il voto di novembre sarà in parte una competizione tra Netanyahu e Lapid, il noto ex conduttore televisivo che ha sorpreso molti da quando è stato licenziato dalla sua posizione di peso leggero quando è entrato in politica un decennio fa.

Lapid è stato l’architetto della variegata coalizione guidata da Bennett che è entrata in carica nel giugno 2021, ponendo fine al record di Netanyahu per 12 anni consecutivi al potere e approvando il primo bilancio statale di Israele dal 2018.

READ  Il Kenya aumenta i prestiti interni dopo aver annullato l'emissione di obbligazioni internazionali

Bennett guidava una coalizione di destra, centristi, colombe e islamisti della fazione Raam, che ha fatto la storia essendo il primo partito arabo a sostenere un governo israeliano dall’istituzione dello stato ebraico nel 1948.

Il leader di Balad Mansour Abbas ha dovuto affrontare il contraccolpo di alcuni arabi, ma giovedì ha difeso la sua decisione di partecipare al governo israeliano.

“Siamo riusciti a spingerci come forza politica”, ha detto Abbas.

Ha aggiunto che Ram continuerà a difendere la comunità araba, assicurandosi che questioni come le cattive condizioni di vita dei suoi elettori beduini siano “sul tavolo, non sotto di essa”.

Politica iraniana

L’alleanza si è divisa la scorsa settimana dopo che alcuni legislatori arabi hanno rifiutato di rinnovare una misura che garantisse ai coloni ebrei nella Cisgiordania occupata di vivere secondo la legge israeliana. I palestinesi nell’area sono sotto il dominio militare israeliano.

Per Bennett, convinto sostenitore degli insediamenti, lasciare scadere la cosiddetta legge della Cisgiordania è intollerabile. Lo scioglimento del Parlamento prima della scadenza del 30 giugno rinnova temporaneamente il provvedimento.

Rimarrà il primo ministro supplente responsabile della politica iraniana, poiché le potenze mondiali si adoperano per rilanciare i colloqui in stallo sul programma nucleare della Repubblica islamica.

Israele si oppone al ripristino dell’accordo del 2015 che prevedeva sanzioni contro i suoi rivali storici in cambio di freni al suo programma nucleare.

Lapid manterrà il titolo di ministro degli Esteri durante il suo mandato come 14° primo ministro israeliano. E si ritroverà presto sotto controllo, poiché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe arrivare a Gerusalemme tra due settimane.

READ  日韓関係を破壊した文在寅大統領の"逃げ得"を許してはいけない もうレームダック化は避けられない | PRESIDENT Online(プレジデントオンライン)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *