Circa 1.000 marittimi bloccati nei porti dell’Ucraina: Nazioni Unite

Un uomo cammina con un cane lungo la costa del Mar d’Azov nella città industriale costiera di Mariupol, in Ucraina, il 23 febbraio 2022. Mariupol si trova ai margini della linea del fronte che separa il territorio controllato dal governo da quello supervisionato dalla Russia- separatisti appoggiati nella roccaforte ribelle di Donetsk. (AFP)

GINEVRA, Svizzera – Venerdì due agenzie delle Nazioni Unite hanno chiesto “un’azione urgente” per aiutare e proteggere i quasi 1.000 marittimi sulle navi mercantili bloccate nei porti e nelle acque ucraine da allora. Invasione russa dell’Ucraina.

I capi dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO) hanno affermato che più di 100 navi mercantili non possono lasciare i porti e le acque ucraine.

Hanno inviato una lettera all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e a Medici senza frontiere chiedendo loro di “prendere provvedimenti urgenti” per aiutare a rifornire le navi.

“Oltre ai pericoli posti dai bombardamenti, molte delle navi coinvolte ora mancano di cibo, carburante, acqua dolce e altre forniture vitali”, si legge nell’appello.

“Di conseguenza, la posizione dei marittimi di molti paesi sta diventando sempre più precaria, ponendo seri rischi per la loro salute e benessere”, ha aggiunto.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha affermato che almeno 1.000 marinai sono rimasti bloccati, anche nel porto assediato di Mariupol e su navi nel Mar d’Azov.

A marzo, l’organo di governo dell’ILO ha invitato la Russia a “cessare immediatamente e incondizionatamente la sua aggressione” contro l’Ucraina, che ha occupato il 24 febbraio.

gsg

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana

leggi quanto segue

Non perdere le ultime notizie e informazioni.

partecipazione a INQUIRORE PIÙ Per accedere a The Philippine Daily Inquirer e a oltre 70 titoli, condividi fino a 5 widget, ascolta le notizie, scaricali già dalle 4 del mattino e condividi articoli sui social media. Chiama l’896 6000.

READ  Chile deportará a más de mil venezolanos en abril
Per feedback, reclami e richieste, chiamaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.