Sparatoria a Tel Aviv: due persone sono rimaste uccise e molte ferite in una sparatoria a Tel Aviv

Il capo della polizia di Tel Aviv, Ami Esheed, ha detto che è in corso una caccia per trovare il sospetto tiratore.

Non è stato immediatamente chiaro quanti feriti. Parlando alla televisione israeliana, Eshad ha stimato il numero in più di dieci.

Un capo della polizia israeliana ha detto che l’attacco è avvenuto in un bar in Dizengoff Street, una famosa zona pranzo del centro.

La giornalista Lauren Izu, che era sul posto poco dopo l’attacco, ha stimato che centinaia di poliziotti fossero coinvolti nella messa in sicurezza dell’area e nella ricerca dell’uomo armato.

Parlando alla televisione israeliana, il sindaco di Tel Aviv Ron Huldai ha detto ai residenti della città di rimanere a casa.

Un portavoce del Magen David Adom ha detto che i due morti avevano circa 30 anni.

L’ospedale Ichilov di Tel Aviv, dove è stata trasportata la maggior parte dei feriti, ha affermato che i medici stavano combattendo per salvare la vita di quattro feriti.

La sparatoria è l’ultima di una catena di eventi violenti che ha portato Israele e i territori palestinesi sull’orlo del baratro.

Le forze di sicurezza israeliane cercano il sospetto assassino dopo un attacco a Dizengoff Street, nel centro di Tel Aviv.

In una sola settimana di marzo, 11 persone sono state uccise in tre attacchi in paesi e città israeliane. Questa è stata la settimana più sanguinosa in Israele da anni e arriva dopo settimane di crescenti tensioni che hanno visto gli israeliani presi di mira con attacchi di coltellate e l’uccisione di un certo numero di palestinesi da parte delle forze israeliane in Cisgiordania.

Ciò includeva un’ondata di attacchi Cinque persone sono state uccise a est di Tel Avivnella città ultraortodossa di Bnei Brak.

Non è chiaro se la sparatoria di giovedì sia legata alle recenti violenze.

READ  توقيف 3 أشخاص على ذمة التحقيق بعد الهجوم على مركز للشرطة في فرنسا

Gruppi armati a Gaza e in Cisgiordania hanno elogiato l’attacco di giovedì, ma si sono fermati prima di rivendicare la responsabilità.

Hamas l’ha descritta come un’operazione eroica, mentre la Jihad islamica ha promesso di “continuare la resistenza”.

Il Coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il Medio Oriente, Tor Wencesland, ha condannato Hamas in un tweet su Twitter, dicendo: “Ci rammarichiamo che Hamas abbia ricevuto questo attacco; non c’è gloria nel terrorismo. Questi attacchi devono cessare ora e devono essere condannati da tutti.”

A questo rapporto hanno contribuito Abeer Salman, Ibrahim Dahman, Andrew Carey e Hadas Gold della CNN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.