Macron affronta una dura battaglia per il controllo del parlamento mentre la Francia vota

Il presidente francese Emmanuel Macron saluta mentre esprime il suo voto al primo turno delle elezioni parlamentari francesi, in un seggio elettorale a Le Touquet, in Francia, il 12 giugno 2022. – Reuters
  • Sondaggi d’opinione francesi oggi.
  • Macron ha bisogno di 289 seggi per la maggioranza assoluta in Parlamento.
  • I sondaggi d’opinione affermano che potrebbe non riuscire a trarre vantaggio dai partiti più piccoli.

La Francia voterà domenica in un’elezione parlamentare ad alto rischio che potrebbe privare il presidente centrista Emmanuel Macron della maggioranza assoluta di cui ha bisogno per governare liberamente.

Le votazioni sono iniziate alle 8:00 (0600 GMT) e le previsioni iniziali sono attese alle 20:00 (1800 GMT) in un’elezione che potrebbe cambiare il volto della politica francese.

I sondaggi prevedono che il campo di Macron finirà con il maggior numero di seggi, ma affermano che non è affatto garantito il raggiungimento della soglia dei 289 per la maggioranza assoluta.

I sondaggi d’opinione suggeriscono anche che è probabile che l’estrema destra ottenga il più grande successo parlamentare degli ultimi decenni, mentre l’ampia coalizione Sinistra-Verdi potrebbe diventare il più grande gruppo di opposizione e i conservatori si ritrovano a governare.

Se il campo di Macron non riesce a raggiungere la maggioranza assoluta, si aprirà un periodo di incertezza che potrebbe essere risolto con un grado di condivisione del potere tra i partiti inaudito in Francia negli ultimi decenni – o portare a una paralisi prolungata e ripetere le elezioni parlamentari. Linea.

Macron ha vinto un secondo mandato ad aprile, che vuole aumentare l’età pensionabile, perseguire la sua agenda pro-business e promuovere l’integrazione nell’Unione Europea.

Dopo aver eletto un presidente, gli elettori francesi utilizzavano tradizionalmente i sondaggi d’opinione legislativi poche settimane dopo per dargli una comoda maggioranza parlamentare – e François Mitterrand nel 1988 era una rara eccezione.

Macron e i suoi alleati possono ancora farlo accadere.

READ  Forward of Israeli Holocaust remembrance, Blinken speaks of obligation to cease evil

Ma la sinistra in ripresa rappresenta una sfida scoraggiante, poiché l’inflazione dilagante che sta facendo aumentare il costo della vita sta inviando onde d’urto nel panorama politico francese.

Se Macron e i suoi alleati perdono la maggioranza assoluta di pochi seggi, hanno detto i funzionari di quei partiti, potrebbero essere tentati di ingaggiare parlamentari di centrodestra o conservatori.

Se l’avessero mancato con un margine più ampio, potrebbero cercare un’alleanza con i conservatori o dirigere un governo di minoranza che dovrebbe negoziare le leggi caso per caso con le altre parti.

Anche se il campo di Macron vincerà i 289 seggi di cui ha bisogno per evitare la condivisione del potere, sarà probabilmente grazie al suo ex primo ministro, Edouard Philippe, che chiederà maggiore voce in capitolo in ciò che fa il governo.

Quindi, dopo cinque anni di controllo incontrastato, Macron, noto per il suo approccio regressivo al potere, è alla ricerca di un nuovo mandato in cui dovrà elaborare più concessioni.

Nessun sondaggio ha mostrato che l’ala sinistra guidata da Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto la maggioranza di governo, uno scenario che potrebbe far precipitare la seconda economia dell’eurozona in un periodo difficile di convivenza tra un presidente e un primo ministro di diversi gruppi politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.