Il nucleo superficiale di Plutone deriva da una massiccia collisione – rts.ch

Il nucleo superficiale di Plutone deriva da una massiccia collisione – rts.ch

L'origine della struttura geologica a forma di cuore visibile sulla superficie di Plutone è stata determinata da scienziati guidati da astrofisici dell'Università di Berna. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature, questa forma è il risultato di una collisione obliqua massiccia e a bassa velocità.

Questa struttura nel cuore del pianeta nano (Plutone ha perso il suo status ufficiale di pianeta nell'agosto 2006) ha incuriosito gli scienziati per diversi anni a causa della sua forma, geologia e altezza. La sonda New Horizons è stata la prima navicella spaziale a sorvolare questo piccolo corpo roccioso il 14 luglio 2015 e ad effettuare misurazioni geografiche dettagliate, rivelando questa immagine poetica.

Il gruppo di ricerca internazionale è guidato da astrofisici dell'Università di Berna e comprende anche scienziati del Programma nazionale di ricerca Pianeta S L'Università dell'Arizona ha utilizzato simulazioni numeriche per indagare sulle origini della metà occidentale di questo famoso cuore.

>>Geografia di Plutone:
Questa immagine contiene i primi nomi informali usati dal team di New Horizons per riferirsi a caratteristiche e regioni sulla superficie di Plutone. [Public Domain – JPL/NASA]

La metà occidentale, a forma di goccia d'acqua, è chiamata Sputnik Planitia. Secondo le conclusioni dello studio, è il risultato di una collisione catastrofica con un corpo celeste planetario con un diametro di 700 chilometri, all'inizio della storia di Plutone.

Il dottor Martin Goetze dell’Università di Berna, che ha condotto lo studio, conferma che “la forma allungata dello Sputnik Planitia indica fortemente che la collisione non è stata una collisione frontale diretta, ma piuttosto una collisione obliqua”.

Il nucleo del dispositivo di simulazione è intatto

Il team ha utilizzato un software di simulazione dell’idrodinamica delle particelle lisce (SPH) per ricreare gli impatti, variando la configurazione di Plutone e del suo dispositivo di simulazione, nonché la velocità e l’angolo di quest’ultimo. Questa simulazione ha confermato i sospetti degli scienziati sull'angolo obliquo della collisione.

READ  Qual è la forma dell'universo?
Una rappresentazione artistica del lento impatto gigante su Plutone che ha creato una struttura a forma di cuore sulla sua superficie. [Nat Astron - Thibaut Roger/WP/UniBE/PNR PlanetS]
Una rappresentazione artistica del lento impatto gigante su Plutone che ha creato una struttura a forma di cuore sulla sua superficie. [Nat Astron – Thibaut Roger/WP/UniBE/PNR PlanetS]

“Il nucleo di Plutone è così freddo che le rocce sono rimaste molto solide e non si sono sciolte nonostante il calore dell'impatto. Grazie all'angolo d'impatto e alla bassa velocità, il nucleo d'impatto non è affondato nel nucleo di Plutone, ma è rimasto intatto come un pezzo solido di terra.” “Impilalo o impilalo”, spiega il dottor Harry Ballantyne dell'Università di Berna, primo autore dello studio, in un comunicato stampa della fondazione.

“Da qualche parte sotto lo Sputnik Planitia si trova il nucleo rimanente di un altro oggetto massiccio, che Plutone non ha mai digerito”, aggiunge il professor Eric Asfaugh dell'Università dell'Arizona, coautore dello studio. La rigidità del nucleo di Plutone e la velocità relativamente bassa dell'impatto sono state le chiavi del successo di queste simulazioni: la bassa rigidità comporterebbe la formazione di un residuo superficiale molto simmetrico che non assomiglia alla forma delle gocce d'acqua osservate da New Horizons. .

Il nucleo di Plutone, chiamato anche Tombo Reggio, ha catturato l'attenzione sin dalla sua scoperta. È ricoperto da un materiale con albedo elevato – che riflette più luce rispetto ad altri materiali circostanti – creando il suo colore bianco: è essenzialmente ghiaccio di azoto. L'area di Sputnik Planitia è di 2,4 milioni di chilometri quadrati, equivalenti a un quarto della superficie dell'Europa. Questa regione si trova ad un'altitudine di tre o quattro chilometri inferiore rispetto al resto della superficie di Plutone.

A'StarePubblicato lunedì sulla rivista Nature Astronomy, suggerisce inoltre che la struttura interna di Plutone sarà diversa da quella precedentemente ipotizzata: non includerà un oceano sotterraneo.

READ  Un raro oggetto interstellare si nasconde sul fondo dell'Oceano Pacifico?

Dopo la Luna e Plutone, un team dell'Università di Berna intende esplorare scenari simili per altri oggetti nel lontano sistema solare, come il pianeta nano. HaumeaMolto simile Plutone.

>>Leggi anche: Come il mantello della Luna è stato completamente rovesciato

sjak e ats

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *