Il James Webb Telescope festeggia il suo primo anno in modo speciale

Il James Webb Telescope festeggia il suo primo anno in modo speciale

Dai pianeti del nostro sistema solare ad alcune delle galassie più antiche, il James Webb Telescope manterrà la sua promessa di mostrarci l’universo come mai prima d’ora nel suo primo anno di operazioni scientifiche. Per celebrare questo traguardo e attendere il seguito, la NASA ha rilasciato un’immagine di una piccola regione di formazione stellare nel complesso di nubi Rho Ophiuchi scattata dal famoso telescopio.

Un anno eccezionale

Un anno fa, i team della NASA hanno condiviso con noi la prima immagine a colori del James Webb Space Telescope, rivelando la visione più profonda dell’universo mai catturata. In questa tavola viene individuato un gruppo di galassie la cui influenza gravitazionale avrebbe permesso di visualizzare altre galassie di fondo invisibili. In questa immagine, la luce sarebbe stata emanata dagli oggetti visibili più antichi 13,1 miliardi di anni luce di distanza. Da allora l’osservatorio ha moltiplicato le scoperte.

Di recente, un team di astronomi ha annunciato in modo straordinario di aver scoperto i più antichi esempi conosciuti di molecole organiche complesse nell’universo. In precedenza, il team ha scoperto un catione metilico, una molecola che svolge un ruolo importante nella creazione della complessa chimica del carbonio necessaria per la vita così come la conosciamo, nella Nebulosa di Orione.

Questo telescopio consentirà anche di osservare il più grande pennacchio di vapore che si alza dalla superficie di Encelado e di vedere Giove, Saturno, Urano, Nettuno o Titano sotto una luce diversa. A queste imprese si aggiunge la scoperta delle più antiche galassie conosciute nell’universo.

Questi sono solo esempi. Infatti, in un solo anno di funzionamento di questo osservatorio Una rivoluzione nel campo dell’astrofisica. Migliaia di ingegneri, scienziati e leader appassionati hanno dedicato la loro vita a questa missione e i loro sforzi continueranno a migliorare la nostra comprensione delle origini dell’universo (e il nostro posto in esso).

READ  Einstein aveva torto?! ... una teoria dell'universo che sfida

un’immagine incredibile

Per celebrare questo primo anno, i ricercatori della NASA hanno puntato la lente del telescopio sulla regione di formazione stellare più vicina alla Terra. nome della cosa ru vigiliaÈ in A circa 390 anni luce di distanza.

Crediti: NASA, ESA, CSA, STScI, Klaus Pontoppidan (STScI)

In questa immagine disegnò una cinquantina di stelle che hanno una massa simile a quella del Sole o inferiore. Alcuni mostrano anche ombre rivelatrici che indicano la presenza di dischi protoplanetari, che sono possibili futuri sistemi planetari in formazione.

Si noti che le regioni più scure sono le più intense. Qui, densi bozzoli di polvere stanno ancora formando protostelle.

Infine, possiamo anche vedere enormi getti di dipolo di idrogeno molecolare, mostrati in rosso, mostrati orizzontalmente nel terzo superiore e verticalmente a destra. ” Questi fenomeni si verificano quando una stella esplode per la prima volta attraverso il suo guscio appena nato di polvere cosmica, inviando una coppia di getti opposti nello spazio come un neonato che si protende per la prima volta.“, Cerniera NASA.

Per il futuro, lo Space Telescope Science Institute (STScI), responsabile della gestione scientifica e operativa del James Webb Space Telescope, ha già selezionato le seguenti missioni integrando il suo secondo anno di attività. Per chi fosse interessato, ecco un recente articolo che dettaglia alcune delle proposte vincenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *