il giorno in cui lo Zambia ha umiliato il calcio italiano

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità africane iscriviti alla newsletter “World Africa” da questo link. Ogni sabato alle 6 trovi una settimana di attualità e dibattiti curati dalla redazione di “Monde Afrique”.

L'attaccante dello Zambia Kalusha Bwalya durante una partita Zambia-Mozambico in Burkina, nel febbraio 1998.

Questo 19 settembre 1988 gli italiani devono aver trovato un sapore amaro nel loro espresso mattutino. È stato all’ora di colazione, richiesto dal jet lag, che hanno assistito alla schiacciante sconfitta della loro nazionale, ai Giochi Olimpici di Seoul, contro lo Zambia, con un netto punteggio di 4-0. In un paese in cui il calcio è una cosa molto seria, questa biancheria intima ha difficoltà a passare. L’Italia, nonostante la presenza di tanti giocatori di Juventus, Torino, Napoli o Milan, ha appena subito uno storico affronto inferto da un manipolo di sconosciuti, diviso per la maggior parte tra Zambia, Belgio e Svizzera.

Il Chipolopolo – soprannome della squadra zambiana che significa “palle di rame” – ha realizzato la più grande impresa sportiva nazionale dall’indipendenza conquistata nel 1964. E un uomo più degli altri incarna questo orgoglio di un intero Paese. Il suo nome è Kalusha Bwalya. L’attaccante 25enne si è costruito una piccola reputazione al Cercle Brugge, in Belgio, dove è arrivato nel 1985 dal club della sua città natale, il Mufulira United. Prima di affrontare l’Italia a Gwangju, a 270 chilometri da Seoul, lo Zambia è stato però tenuto a freno dall’Iraq (2-2), mentre i transalpini hanno battuto i troppo ingenui guatemaltechi (5-2).

Episodio 1 L’etiope Abebe Bikila, maratoneta scalzo e primo campione olimpico africano nero

La Squadra Azzurra, ovviamente, non può perdere. Per tutti gli specialisti del calcio internazionale, questa è un’ipotesi folle. ” Ma quel giorno, lo Zambia ha giocato probabilmente il suo miglior calcio in almeno un decennio. Bwalya ricorda. L’attaccante, con un sinistro che poi delizierà PSV Eindhoven (Olanda) e America Mexico (Messico), sorprende per la prima volta gli italiani segnando poco prima dell’intervallo. Il portiere della Juventus Torino Stefano Tacconi non sapeva che il suo incubo era appena iniziato.

READ  Marsilio firma l'ordine, ma il governo rallenta Corriere.it

Dieci minuti dopo il quarto d’ora di riposo regolamentare, Kalusha Bwalya, su punizione ma eccentrica, mette un po’ più nel dubbio l’Italia. ” Questo traguardo ci ha dato ancora più fiducia. Ci siamo sentiti molto forti, che il nostro avversario non potesse tornare indietro », dice l’attaccante. Un omonimo, Johnson Bwalya, continua l’epopea segnando il terzo gol. E Kalusha, che ha deciso di essere l’eroe della giornata, fa la tripletta negli ultimi istanti di una partita “Di cui parleremo per generazioni”.

Sapone memorabile

Il mondo è sorpreso dalla grandezza del punteggio, senza sapere davvero se lo Zambia sia stato davvero eccezionale o se l’Italia, troppo sicura di sé, abbia perso l’incontro. ” Ci siamo sorpresi. Penso che molte persone abbiano scoperto lo Zambia quel giorno! », descrive Bwalya. Gli italiani, vergognosi e sconvolti, vanno dritti negli spogliatoi dove il loro allenatore, Francesco Rocca, ha passato loro, secondo la leggenda, una memorabile soap.

Nel frattempo, il Chipolopolo, che ha radunato gli spettatori sudcoreani originariamente neutrali alla loro causa, assapora la loro prestazione rimanendo a lungo sul prato del Mudeug Stadium. ” Eravamo venuti in Corea del Sud senza un vero obiettivo se non quello di lasciare una buona impressione e fare del nostro meglio., continua quello che sarebbe poi diventato presidente della Federazione zambiana. Penso che la nostra prestazione abbia dato fiducia ad altre selezioni africane per le prossime Olimpiadi. Un’allusione alla Nigeria e al Camerun, incoronati campioni olimpici nel 1996 e nel 2000.

Episodio 2 Il velocista marocchino Nawal el-Moutawakel, primo nella categoria

Due giorni dopo l’impresa, lo Zambia correggerà il Guatemala (4-0) con due nuovi gol di Kalusha Bwalya, prima di cadere pesantemente nei quarti di finale contro una Germania che si chiamava ancora RFA (0-4) e futura medaglia di bronzo: ” I tedeschi probabilmente erano sospettosi di noi dopo la nostra vittoria contro l’Italia. Hanno segnato molto velocemente, hanno approfittato dei nostri piccoli errori di concentrazione, ma questa sconfitta non cancellerà mai quello che abbiamo fatto in Corea del Sud.

READ  Corea del Nord, Kim invia una lettera di scuse a Seoul per l'omicidio di un ufficiale in mare

Anche la storia di questa straordinaria squadra zambiana sarà segnata dalla tragedia. Il 27 aprile 1993, a 500 metri dalla costa del Gabon, di fronte a Libreville, l’aereo che trasportava i venticinque membri della delegazione zambiana e cinque membri dell’equipaggio si schiantò nell’Atlantico a causa di un errore di pilotaggio. Tutti i passeggeri sono stati uccisi, compresi diciotto calciatori. Sei di loro avevano partecipato alle Olimpiadi di Seoul. ” Abbiamo perso dei giocatori molto promettenti, un’intera generazione. Non passa giorno che non pensi a loro », sospira l’eroe di Seoul. Come giusto ritorno del destino, nel 2012 lo Zambia è diventato campione d’Africa, a Libreville appunto.

Riassunto della nostra serie “Questi africani che hanno fatto le Olimpiadi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *