Il Giappone raddoppia i fondi di emergenza dopo il terremoto di Capodanno

Il Giappone raddoppia i fondi di emergenza dopo il terremoto di Capodanno
Foto di AFP/Manila Bulletin

TOKYO, Giappone – Il Giappone ha raddoppiato i fondi per i soccorsi in caso di calamità e altre emergenze portandoli a 6,8 miliardi di dollari dopo il devastante terremoto di Capodanno, ha detto martedì il governo, mentre le nevicate hanno peggiorato le condizioni dei sopravvissuti.

Il terremoto di magnitudo 7,5 e le forti scosse di assestamento hanno ucciso almeno 222 persone nel Giappone centrale, distruggendo case e infrastrutture.

Nella prefettura di Ishikawa, sulla costa del Mar del Giappone, circa 16.700 persone rimangono bloccate nei rifugi, molti senza acqua corrente.

“È importante adottare tutte le misure finanziarie possibili per consentire una risposta agevole per ricostruire i mezzi di sussistenza delle vittime del terremoto, nonché per risanare le aree colpite”, ha detto ai giornalisti il ​​capo di gabinetto Yoshimasa Hayashi.

Nell’anno fiscale che inizierà ad aprile, il governo aumenterà il suo fondo di riserva – utilizzato in situazioni di emergenza, dai disastri alle recessioni economiche – da 500 miliardi di yen (3,4 miliardi di dollari) a 1 trilione di yen (6,8 miliardi di dollari).

Il progetto di bilancio modificato, approvato martedì dai ministri, sarà ora presentato al Parlamento per l'approvazione.

Separatamente, circa 100 miliardi di yen (680 milioni di dollari) del fondo di riserva per l'anno fiscale in corso saranno destinati a un pacchetto di aiuti per il terremoto di Capodanno.

Crescono i timori di ulteriori morti a causa del peggioramento delle condizioni sanitarie nei rifugi mentre un fronte freddo copre la costa di neve.

Le riprese televisive mostravano una lunga fila di sfollati che indossavano cappotti pesanti e ombrelli in attesa di razioni di cibo, mentre altri frugavano tra gli indumenti invernali donati.

READ  Nederlandse complotgroepen werken samen met libertarische Amerikaanse lobbygroep – De Groene Amsterdammer

I funzionari stanno cercando di spostare le persone in rifugi secondari in altre aree dotati di acqua, elettricità e riscaldamento, ma i progressi sono lenti.

La città di Wajima colpita dal terremoto ha dichiarato martedì di aver predisposto sistemazioni a lungo termine per i residenti sfollati negli hotel di altre parti del paese.

“Le nostre infrastrutture sono state distrutte e la ricostruzione completa resta sfuggente”, ha affermato la città in una nota.

Tuttavia, gli analisti ritengono che l’impatto del disastro sull’economia giapponese sarà probabilmente limitato, poiché il sisma ha colpito un’area remota con pochi siti industriali.

Takahide Kiyoshi, economista del Nomura Research Institute, stima provvisoriamente il costo dei danni materiali a circa 800 miliardi di yen (5,5 miliardi di dollari).

Questa cifra rappresenta solo lo 0,15% del prodotto interno lordo del Paese e meno del 5% del costo dei danni causati dal violento terremoto e dallo tsunami che hanno devastato il Giappone nordorientale nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *