Il futuro dello shopping online potrebbe non essere la consegna entro…

per Ian Martin

Era l’estate del 2016 e Ravi Brzoska era messo alle strette. L’imprenditore polacco di allora 38 anni aveva già passato quasi due decenni a trasformare InPost, da un’azienda locale di dormitori che inizialmente distribuiva buoni per supermercati, in una società di servizi postali da 120 milioni di dollari l’anno. Tuttavia, competere con le poste statali ha avuto un costo. Doveva $ 65 milioni e stava cercando disperatamente di trovare nuovi investitori, mentre allo stesso tempo cercava di sbarazzarsi dei suoi creditori.

Brzoska, che ora ha 43 anni, ricorda: “Una delle cose principali che ho spiegato ai nuovi investitori è stata che volevo pagare tutte le obbligazioni, le banche e le persone che ci hanno prestato denaro. E gli investitori si sono chiesti perché ho detto che volevo vivi.” In questo Paese, l’unica cosa che conta è il “volto” che hai nella società.

Questi investitori non erano interessati al crollo dell’attività postale di Brzoska, ma alla società indipendente da lui fondata nel 2010 per sviluppare una rete di cassette postali automatizzate. Amazon e altri rivenditori online inviano i pacchi dei loro clienti a caselle di posta automatizzate dove possono riceverli in qualsiasi momento. Il costo per installarli tutti è di circa $ 20.000.

Questa è un’opzione molto popolare, poiché in Europa i postini raramente lasciano un pacco all’ingresso del cliente senza averlo consegnato a lui. Sebbene sia una buona tattica per evitare i furti (il 54% degli americani afferma di aver perso un pacco), perdere un orario di consegna significa per il cliente una spiacevole passeggiata fino all’ufficio postale.

Sull’orlo della bancarotta, Brzoska ha deciso di chiudere la sua attività postale nell’estate del 2016, in previsione di colloqui con il suo “salvatore”, Advent International, un gruppo di private equity con sede a Boston che ha investito nell’allora quotata InPost e nel Un affare da 110 milioni di dollari che ha ripagato i debiti dell’azienda e ha offerto a Brzoska un nuovo affare, dal valore di 125 milioni di dollari che gli ha permesso di raddoppiare le dimensioni della sua rete di cassette dei pacchi automatizzate, che ha raggiunto i 4.400 punti in un anno.

READ  L'Italia coltiva più di 200.000 ulivi per ridurre l'anidride carbonica

È stato un passo buono e allo stesso tempo perspicace. I polacchi hanno tardato a passare allo shopping online, ma nel 2017 le vendite di e-commerce sono cresciute a un tasso annuo costante del 20,4%. La pandemia di coronavirus è seguita e lo shopping online è aumentato del 36% in soli 12 mesi.

Le entrate di InPost sono balzate a 677 milioni di dollari, con un aumento del 104% nel 2020, con le scatole Brzoska che servono il 36% di tutti i pacchi spediti in Polonia.

“C’erano molte ragioni per dire di no e molte persone hanno detto di no”, ha affermato Paul Atfi, CEO di KKR, che ha prestato 145 milioni di dollari a InPost nel 2018 per sviluppare nuove cassette postali. Regno Unito, più qualche centinaio in Italia. “Ma quando abbiamo iniziato a vederlo su base unitaria, è stato davvero emozionante. A volte il periodo di ammortamento per il fondo è stato di soli 1,5 anni… Amiamo questa azienda”, aggiunge Emotional.

Ma anche i margini di profitto erano evidenti. Brzoska addebita circa $ 2 per pacco, mentre i suoi costi sono limitati all’installazione dell’armadietto, al libro paga e al noleggio dell’armadietto. InPost ha generato entrate per $ 97 milioni nel 2020. Automatic Parcels raddoppia il nostro fatturato anno dopo anno”, afferma.

“In Polonia, mirano ad aumentare il margine Ebitda di oltre il 50%. Attualmente, i margini Ebitda per operatori postali come Royal Mail si stanno muovendo a una sola cifra”, ha affermato David Kerstens, analista di Jefferies International. Inserisci.

Marek Różycki, che ha fornito servizi di consulenza ad Advent nell’ambito dell’accordo InPost, spiega che l’ubicazione delle casseforti vicino alle case e agli uffici dei consumatori è una grande risorsa per l’azienda. “Se devi camminare per 1,5 chilometri per raggiungere il bidone più vicino sotto la pioggia, non è utile. Ma in Polonia, il bidone più vicino si trova a circa 350 metri di distanza. È come la consegna a domicilio, più conveniente”, spiega.

READ  I leader dell'Unione europea concordano di ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno il 55% entro il 2030

InPost ha imparato a proprie spese la “regola della distanza”: Advent “frena” la rapida espansione di Brzoska in quattro continenti, portando l’azienda ad espandersi a favore di una rete di cassette postali sparse. “Questo è un caso classico in cui un imprenditore carismatico e molto visionario gestisce un’attività in rapida crescita. Ma fissa anche obiettivi ambiziosi con pochissime risorse”, afferma Różycki.

InPost è stata riquotata alla Borsa di Amsterdam a gennaio, con una mossa che ha valutato la società a $ 9,7 miliardi. La fortuna di Brzoska è attualmente stimata in 1,1 miliardi di dollari.

“Ha convinto i suoi investitori che i suoi armadietti robotici sono un’alternativa più economica ed ecologica alle flotte di camion per le consegne sparse nelle città europee. Una scatola di immagazzinaggio può fare il lavoro di 24 camion. Quello e i caveau sono il futuro”, spiega.

La competizione

Poiché Brzoska si è concentrato sulle cassette postali, i suoi principali concorrenti – Europe Post, ma anche UPS e Amazon, che hanno anche sperimentato le cassette postali – hanno perseguito una strategia diversa, promuovendo la consegna a domicilio e collaborando con i negozi vicini per gestire le ricevute e i resi dei pacchi.

Era un modo più rapido ed economico per espandersi rispetto alle cassette postali, ma il boom dell’e-commerce causato dalla pandemia di coronavirus ha fatto sì che i negozi vicini da Berlino a Bilbao si riempissero di pacchi per il ritiro e la restituzione. “I minimarket non sono molto adatti per ricevere pacchi, soprattutto nel bel mezzo di un’epidemia”, afferma Kerstens.

L’obiettivo di Brzoska è ridurre tale onere – ed espandersi rapidamente in Europa – con un accordo da 675 milioni di dollari annunciato a marzo per acquisire il gigante dei servizi di consegna Mondial Relay. Brzoska prevede di sfruttare la rete di negozi Mondial Relay in tutta la Francia e posizionare i suoi armadietti automatizzati nei punti più frequentati.

READ  La Unique Piece Gallery, a Parigi, è un posto dove farne uno

I brillanti risultati della strategia di Przewska non sono passati inosservati. Alibaba e Allegro, il colosso dell’e-commerce polacco, che rappresenta un quarto delle vendite di InPost, ora hanno le proprie cassette postali in Polonia, mentre i giganti postali europei come la tedesca Deutsche Post scommettono sui distributori automatici.

Brzoska, tuttavia, questa volta non è il perdente e non si arrenderà. Dopotutto, crede che grazie al suo segno zodiacale – qualcosa che contraddice l’immagine dell’amministratore delegato – sia sopravvissuto ai suoi precedenti litigi con i colossi del settore dei servizi postali. “Ho detto alla mia squadra: sono uno Scorpione. Io vivrò e tu vivrai con me, perché uno Scorpione è così, combatte fino alla fine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *