Contactless, metodi di pagamento Star per il 2020

Paghi con carta o contanti? La domanda non viene quasi più posta. In pochi mesi Covid ha cambiato le abitudini di acquisto e gli usi dei francesi. I download di app bancarie sono esplosi con l’arresto. Per effettuare un pagamento non serve più un codice, basta spostare la carta di credito o lo smartphone verso il dispositivo per sentire un avviso di conferma dell’avvenuto pagamento. Contanti, libretto degli assegni, carta di credito … banconote di una rivoluzione in corso.

Carta di pagamento. È la superstar dell’anno. Tanto che la carta di credito lascerà cadere per la prima volta contanti, secondo la Banca di Francia. “Due terzi degli intervistati francesi hanno affermato di aver pagato le ultime transazioni con carta, compresa una gran parte delle transazioni contactless (39%), contro solo il 26% in contanti, come ha notato nel suo ultimo post. Il suo successo è dovuto all’impennata nell’uso della tecnologia di pagamento contactless da quando il limite è stato aumentato. Pagamento a 50 euro a maggio (invece di 30 euro) “adozione massiccia e immediata”, la Banque de France indica un “+ 130% di aumento di valore durante l’estate”.

Invenzione francese, la carta di credito è lo strumento principale per il reclutamento bancario. Se il suo modello base classico è spesso gratuito, lo stile di fascia alta è in prima linea nella tecnologia. BNP Paribas ha appena lanciato questo autunno la prima carta biometrica di impronte digitali che evita di dover inserire il suo codice, “I nostri vettori la supportano e la espanderemo a tutti i nostri clienti nella prima metà del 2021”, spiega Celine Anskeer, Director of Transformation, Marketing and Digital presso la banca. Altri operatori devono seguire rapidamente l’esempio. Sempre più banche offrono anche carte crittografiche dinamiche (il codice a tre cifre sul retro della carta cambia per evitare qualsiasi hack quando si acquista online).

READ  Fatti e bugie sul riconoscimento del college

Importo in contanti. È ancora lo standard anche se la Francia è uno dei paesi meno in Europa ad usarlo, dopo Italia, Spagna e Portogallo. Secondo la Banca centrale europea (BCE), quasi sei acquisti giornalieri su dieci vengono effettuati in contanti in Francia. Covid, con la paura di toccare i soldi, potrebbe invecchiare. “I prelievi di contanti dagli sportelli automatici sono diminuiti di circa il 20% in volume e il 10% in valore dall’inizio della crisi”, spiega Thierry de la Breche, vicedirettore delle attività di credito di Banque de France. Questo cambiamento di comportamento deve essere mantenuto almeno in parte nel tempo “.

Possiamo immaginare che la specie scomparirà? “No, in ogni caso, non a medio termine. L’esperto rassicura che il contante è l’unico mezzo di pagamento che ha un’offerta legale, che impone ai trader di accettare contanti salvo casi particolari come l’impossibilità di introdurre il resto”. Ci sono altri due motivi per preservare la liquidità in modo sostenibile: “Circa 500.000 persone che non hanno un conto in banca non hanno altri mezzi di pagamento e non dobbiamo dimenticare la necessità, che ha esacerbato la gravità della crisi, di fare scorta e conservarla per precauzione. Contanti a casa. Un quarto dei francesi dice. Tengono i soldi a casa “.

libretto degli assegni. “Tra dieci o quindici anni, l’assegno sarà probabilmente andato”, afferma Maxime Chippoy, presidente del sito specializzato MoneyVox. Uso residuo: rappresenta il 6% del volume dei pagamenti nonostante sia il metodo di pagamento più fraudolento. Secondo la Banca di Francia, le frodi sugli assegni rappresentano il 46% delle frodi sui pagamenti (con un importo medio delle frodi vicino a 3.000 euro)! Quanto alla libertà di accesso – registrata nella legge monetaria e monetaria – pone un problema alle banche e all’amministrazione perché il loro trattamento non lo è. Il suo costo per il settore bancario è stimato tra 0,7 e 4 miliardi di euro all’anno dal Comitato consultivo del settore finanziario (stima ampia a causa della mancanza di dati ufficiali dalle banche). E anche se le app bancarie ora consentono di scansionare gli assegni, è comunque necessario inviare l’originale alla tua banca … non molto pratico.

READ  Boom del CAC 40, la Federal Reserve e l'economia all'orizzonte

le notizie Portami indietro

Newsletter che migliora il tuo potere d’acquisto

La carta predefinita. Questa carta è per coloro che temono di hackerare i propri dati bancari su Internet. Sembra una classica carta bancaria con un codice di 16 cifre, una data di scadenza e un codice di verifica, ma non è una cosa fisica. È disponibile dall’app mobile della banca (assicurati che la tua organizzazione lo offra, non tutti lo offrono) o scaricando un piccolo programma che pubblica temporaneamente un numero di carta valido per un acquisto online. Queste carte elettroniche vengono sempre più offerte dalle banche tradizionali come seconda carta di riserva, ad esempio per consentire a un nuovo cliente di effettuare acquisti senza attendere di ricevere la propria carta fisica. Essendo di default, può essere bloccato e sbloccato in qualsiasi momento dall’app bancaria.

Portafoglio elettronico. Questa è un’app sicura in cui sono archiviati i tuoi dati bancari per semplificare anche gli acquisti online. Viene creato scaricando un’app per la soluzione di pagamento sul tuo telefono cellulare: PayPal, Paylib, Google Pay, Apple Pay o persino Lydia per mesi. L’operatore, il gestore di portafoglio, funge da intermediario tra il sito web del commerciante e la tua banca durante il processo di acquisto. La grande caratteristica del portafoglio è che non deve inserire i tuoi dati bancari per ogni transazione ma solo il tuo nome utente e password.

Tutti questi cambiamenti stanno costringendo le grandi reti bancarie ad accelerare il loro cambio di paradigma. Ora che hai la tua banca in tasca, non è più necessario spostarti fisicamente per eseguire transazioni giornaliere, bloccare la tua carta o modificare il tuo limite. Pertanto, il ruolo dell’agenzia deve evolversi verso maggiori consigli su ricchezza e offerte personali, altrimenti si troverà sopraffatta dalla velocità di sviluppo di nuovi usi.

READ  3 eventi improbabili che potrebbero sconvolgere l'economia nel 2021
La Svezia abbandona la società senza contanti

La macchina in background è tutta in Svezia. Il governo, che doveva essere il primo paese al mondo senza contanti entro il 2030, è in declino. Quest’anno ha approvato una legge che impone alle banche di garantire che il paese abbia sufficienti disponibilità di contanti in modo che gli svedesi possano continuare a pagare corone dure. Cosa ha causato questo cambiamento improvviso? Il governo esprime il suo desiderio di proteggere le popolazioni più vulnerabili e meno connesse. Ma si tratterà anche di riaffermare la propria sovranità monetaria di fronte alle criptovalute e ai rischi di cyberattacco.

Appassionati di nuove tecnologie, il paese non è stato lontano dal successo nella sua scommessa. Lanciato nel 2012, Swish è il sistema di pagamento mobile istantaneo e gli svedesi hanno subito conquistato. Swish, collegato direttamente al conto corrente del suo titolare, ti permette di pagare tutti i tipi di spese, anche le più piccole. Il suo successo è che solo il 6% degli acquisti è stato regolato in contanti nell’ultimo anno. La stragrande maggioranza delle aziende e persino le banche non hanno più contanti. Con questa trasformazione, la Svezia torna alla sua storia da quando è stato il primo paese europeo nel 1661 a emettere moneta cartacea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *