La storia ha molto da insegnargli sulla Turchia e le sanzioni

Molti anni fa, negli anni ’30, c’era un governo che rafforzò sistematicamente il suo esercito rivendicando i territori di altri paesi. La comunità internazionale, inattiva, ha visto dove sta andando la situazione. Il risultato è stato che lo stato aggressivo ha svuotato tonnellate di gas chimici e ucciso centinaia di migliaia di cittadini di un paese che alla fine lo ha occupato. È troppo tardi perché la comunità internazionale imponga sanzioni.

Con database selezionati delle sanzioni negli ultimi 100 anni, possiamo prevedere il danno che arrecherà il rifiuto delle sanzioni da parte dell’Unione europea alla Turchia. Il paese aggressivo negli anni ’30 era l’Italia. Il piano fascista per creare un potente impero includeva la lontana Etiopia che fu invasa dall’esercito italiano e uccise circa 300mila persone!

Sebbene la Società delle Nazioni abbia assistito al dramma avvicinarsi, non ha fatto nulla per impedirlo. Così, quando l’Italia invase l’Etiopia nel 1935, la Società delle Nazioni impose sanzioni che si rivelarono del tutto inadeguate, e così l’Etiopia rimase un paese occupante. Certo, l’Italia è diventata un attore catalizzatore, causando molte sofferenze all’umanità. Ma l’esempio di Mussolini fu seguito dai turchi 80 anni dopo.

Prendi dati da Database delle sanzioni Dal 1950 al 2016, aperto e aggiornato dalla School of Economics della Drexel University, vediamo che solo 1 sanzione su 3 è servita al loro scopo. Peterson Institute for International Economics, per esame 204 cause penali Dal 1914 al 2006 è giunto alla stessa conclusione sulla controversa efficacia delle sanzioni: solo 70 di esse hanno avuto un relativamente successo! Per passare agli anni Settanta.

Hanno strangolato l’esercito turco

Quando gli Stati Uniti decisero di punire la Turchia per aver invaso Cipro nel 1974 imponendo un embargo sulle armi, Ankara iniziò a fare pressioni su di essa. Il primo ministro Demirel è uscito con arroganza in pubblico e ha detto: “Il governo turco non lascerà che l’embargo indebolisca la TurchiaMentre l’Ammiraglio tirava la corda con più forza. Con il suo infuocato articolo “È ora di dire addio all’America” ​​di Millet, l’Ammiraglio ha registrato i problemi dell’esercito turco a causa dell’embargo americano e ha avviato una conversazione sulla revisione delle relazioni USA-Turchia! La storia si sta sorprendentemente ripetendo.

Fonte: Drexel University School of Economics.

Sorprendentemente, gli Stati Uniti potrebbero essere stati responsabili dell’invasione turca nel 1974, ma l’embargo sulle armi imposto alla Turchia è stato efficace. Il mantenimento dell’esercito della campagna a Cipro dopo il 1974 richiedeva contabilità e rifornimenti il supporto. Poiché le armi che hanno ucciso e sradicato centinaia di migliaia di ciprioti erano quasi il 90% prodotte negli Stati Uniti, l’interruzione della spedizione di pezzi di ricambio avrebbe messo le forze armate turche in una posizione difficile. Ed è successo. I turchi cercavano armi dappertutto mentre corteggiavano i sovietici, ma senza ottenerle.

READ  Italia: il tribunale amministrativo italiano si è pronunciato a favore di Vivendi

In un momento in cui i turchi non potevano nemmeno ottenere un chiodo americano, l’arsenale greco ha saltato. Demirel ha visto la Hellenic Air Force diventare una minaccia fatale per lui. Nel 1975, la Grecia aveva 39 F-4 Phantom mentre altri erano in viaggio dagli Stati Uniti. La Turchia, nel frattempo, aveva solo 16 Phantom mentre solo sei erano in grado di volare perché non c’erano pezzi di ricambio! In effetti, l’embargo statunitense non è riuscito a costringere la Turchia a ritirare le sue forze da Cipro, ma ha aiutato la Grecia a bilanciare il potere turco nel Mar Egeo e nel Mediterraneo.

I “buoni” europei

Non c’è dubbio che gli americani abbiano scelto di imporre sanzioni costi-benefici, e così hanno fatto gli europei (l’Unione europea). I diritti umani nell’Unione europea erano solo un famoso politico, ma non era la missione cristiana semplicemente affidata all’opinione pubblica europea per il consumo interno. Per quanto riguarda l’Unione Europea, ad esempio, Venezuela, Turchia e Arabia Saudita non hanno una democrazia, ma solo il Venezuela ha ricevuto severe sanzioni.

Ecco perché glielo hai chiesto. “Se tutti i despoti fossero ugualiChristian von Seust e Michael Wohmann dell’Istituto tedesco di studi globali e regionali rispondono “No!”Pertanto, è più probabile che coloro che emettono sanzioni lo facciano su obiettivi deboli, poiché esiste un’alta probabilità di modificare il comportamento mirato.». In questo senso, Erdogan non sembra essere un bersaglio debole, motivo per cui non è stato punito dagli europei.

E i dazi di Trump sulle importazioni turche di acciaio nel 2019 Non è stato consegnato come previsto I risultati, vale a dire, la punizione della Turchia per le sue operazioni anti-curde nel nord della Siria. Quelli “Sanzioni “ Trump era solo una carezza che è stata venduta nelle comunicazioni come reazione alla ribelle Ankara. Allora cosa è necessario?

READ  Come verrà condivisa la torta del piano di risanamento da 750 miliardi di euro dopo il Corona virus?

Da Mussolini a Erdogan

Le sanzioni della Società delle Nazioni contro l’Italia sotto Mussolini non sono riuscite a costringere l’Italia a ritirarsi dall’Etiopia. Anche se la Società delle Nazioni colpisse l’industria bellica italiana con un embargo su petrolio e carbone, farebbe ben poco. La Germania recupererà la perdita perché era un alleato dell’Italia. Ciò che serve è la prevenzione.

Molto interessante uno studio Presentato dal professore dell’Università di Cambridge d. Cristiano Restuccia, Si scopre che in Italia si potevano imporre sanzioni più forti e collettivamente prima che molte persone fossero massacrate. La Società delle Nazioni non può essere efficace perché gli Stati Uniti si sono astenuti! «Solo il pieno impegno degli Stati Uniti a imporre un ipotetico embargo petrolifero da parte della Società delle Nazioni avrebbe causato notevoli disagi economici in Italia. Se gli Stati Uniti avessero seguito la “linea dura” di fornire all’Italia la quantità media mensile di greggio registrata solo nel periodo di pace – dal gennaio 1930 all’ottobre 1935 (circa 2.000 tonnellate), la produzione industriale italiana sarebbe diminuita dell’80% a marzo. 1936 anno». Con una tale produzione, non fare la guerra!

Gli europei oggi, nonostante la creazione dell’Unione europea, seguono la tradizione del 1930, che hanno seguito negli anni ’70 dopo l’invasione turca di Cipro. Negli anni ’70, a differenza degli americani, si rifiutarono di imporre pesanti sanzioni alla Turchia. Infatti, pochi mesi dopo l’invasione di Cipro, i tedeschi si ritirarono dalle sanzioni presumibilmente imposte alla Turchia e iniziarono a inviare carri armati M-48 e caccia F-104 ad Ankara! Mentre Smith abbracciava Caramanlis, il primo rinforzava le forze armate turche!

Ma anche più tardi, negli anni ’80, la Comunità economica europea potrebbe aver sospeso tutti gli aiuti finanziari alla Turchia, apparentemente per ripristinare la democrazia, ma non è stata affatto fermata. Attuare le disposizioni commerciali dell’accordo di partnership. Semplicemente esprimendo Desiderio per il dovuto rispetto dei diritti umani in Turchia e il pieno ripristino delle istituzioni democratiche». Naturalmente, ancora una volta, la Germania europea ha mantenuto legami molto forti con la Turchia con Genser e Ankara ha promesso che l’aiuterà a costruire un’economia forte.

Il ritorno alla democrazia – non perché ha funzionato in Turchia – non è stato il risultato delle sanzioni europee. Se torniamo agli anni ’90, gli europei, avendo deciso di reimporre le sanzioni alla Turchia per violazioni dei diritti umani, hanno improvvisamente trasferito le sanzioni in una distinta unione doganale tra l’Unione europea e la Turchia!

READ  Trieste sulla Nuova Via della Seta

Unicità turca

Dal 1950 ad oggi, sono state previste tipologie di sanzioni specifiche in base allo scopo per cui vengono perseguite. È straordinario che la Turchia abbia un’unicità globale. Realizza tutti gli scopi oggettivi per i quali l’Unione Europea “merita” di imporre sanzioni: cambiamento di politica, democrazia, sponsorizzazione di terroristi, prevenzione della guerra, diritti umani, fine della guerra, conflitto interno, destabilizzazione del sistema.

Per Cipro e la Grecia, imporre sanzioni letali ai piani di espansione della Turchia è una questione strategica elevata e non solo una parte della loro politica economica nazionale. A questo punto, la Grecia dovrebbe dichiarare una “guerra” informale negli Stati membri dell’Unione Europea perché è una questione di sopravvivenza nazionale, a differenza di paesi come Germania, Spagna o Finlandia. La prossima Presidenza dell’Unione Europea, la Presidenza “meschina” del Portogallo, dovrebbe vedere Grecia-Cipro più attiva e in opposizione alle posizioni degli altri Stati membri.

Fonte: Drexel University School of Economics.

La sospensione dell’unione doganale e l’arresto delle vendite di armi alla Turchia dovrebbero essere la ragione di molte decisioni draconiane da parte della Grecia, se non verranno attuate.

Nell’Unione europea ci sono più nemici degli interessi greci degli amici artificiali che molti in Grecia cercano di formare tradizionalmente. Ciò nasconde un fatto forzato, ovvero che la posizione internazionale della Grecia si è deteriorata all’interno dell’Unione europea, anche senza utilizzare alcuno strumento. Negli anni ’80 e ’90, la Grecia ha imposto embarghi e posto il veto a Stati che minacciavano i loro interessi, come l’allora ex Repubblica jugoslava di Macedonia e la Turchia. Oggi;

  • Le opinioni espresse nel testo sono personali dell’autore dell’articolo e non riflettono necessariamente la posizione di SLpress.gr
  • La ripubblicazione di articoli da altri siti Web senza autorizzazione è vietata da SLpress.gr. I primi 2-3 paragrafi possono essere ripubblicati aggiungendo un collegamento di lettura attivo su SLpress.gr. I trasgressori dovranno affrontare azioni legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *