Il driver Intel NPU è stato sottoposto a refactoring per un'elaborazione CPU+NPU più versatile

Il driver Intel NPU è stato sottoposto a refactoring per un'elaborazione CPU+NPU più versatile

Il driver NPU Linux open source “iVPU” di Intel per supportare la sua NPU a partire dai processori Core Ultra “Meteor Lake” sta già assistendo a un refactoring del codice. Questo refactoring del driver dell'acceleratore Intel ha lo scopo di consentire combinazioni più diversificate di CPU e NPU in futuro.

Intel ha recentemente pubblicato una serie di patch per effettuare il refactoring del livello hardware utilizzando il suo driver proprietario NPU (iVPU). La lettera di accompagnamento della patch spiega come la staffa NPU e i componenti IP NPU siano meglio separati per gestire diverse configurazioni nei futuri modelli di CPU:

“L'hardware NPU è composto da due parti: il supporto NPU e l'IP NPU. Il supporto è la parte specifica della piattaforma che integra l'IP NPU con la CPU. L'IP NPU è la parte indipendente dalla piattaforma che esegue l'inferenza.

Questo processore consente di supportare più piattaforme con un singolo IP NPU, quindi ad esempio l'NPU IP 37XX può essere integrato nelle piattaforme MTL e LNL.”

Quindi una migliore elaborazione se l’IP NPU viene riutilizzato da future/più generazioni di dispositivi e altre combinazioni che potrebbero verificarsi quando Intel intensificherà i suoi sforzi NPU come parte delle sue ambizioni generali di IA.

READ  L'accusa di 40 minuti di Crowbcat contro "Cyberpunk 2077" è un must

Intel Core Ultra

Questa serie è una patch Attualmente sta eseguendo il refactoring di circa 2,7k righe di codice all'interno del driver dell'acceleratore Intel NPU. Sarà interessante vedere cosa riserva il futuro sul fronte Intel NPU. Almeno Intel ha già il proprio supporto per i driver open source per Meteor Lake, nonché i primi lavori per Arrow Lake e Lunar Lake. Nel frattempo, all'inizio di quest'anno, abbiamo portato il driver open source “XDNA” di AMD per Ryzen AI su Linux, ma non abbiamo visto molta attività lì né alcuna comunicazione sul tentativo di ottenere quel driver del kernel o qualunque cosa abbiano per quanto riguarda il supporto AI di Ryzen. piani su Linux.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *