Il curatore del planetario Sir Thomas Brisbane Mark Rigby va in pensione, ma l’osservazione delle stelle non finirà mai

Dopo 36 anni alla guida del Planetario di Sir Thomas Brisbane, Mark Rigby, il noto ed entusiasta coordinatore spaziale, andrà in pensione.

Durante la sua carriera sotto il salto cosmico al Monte Coot-Tha, il signor Rigby ha eseguito circa 15.000 spettacoli, ispirando un pubblico stimato di un milione.

Rigby, che i colleghi chiamavano “Starman”, ha detto che negli anni successivi la sua attenzione si è spostata verso la Terra.

Ha detto: “Devo dire che durante quei 36 anni, mentre guardavamo, alla fine, guardo più indietro, verso il nostro pianeta e la necessità di prendercene cura”.

“Ma ancora non sappiamo se questo è l’unico che ha la vita, quindi questa è la grande domanda”.

Questa “grande domanda” – se la vita intelligente esiste altrove – ha spinto l’impegno di Rigby nell’educazione scientifica.

Il signor Rigby non ha escluso di apparire nel planetario in futuro.(

Notizie ABC: Emma Pollard

)

“È più importante ora che mai, soprattutto nel contesto del nostro pianeta”, ha detto.

“Conosciamo molte migliaia di pianeti, pianeti confermati, e ora pensiamo che quando esci e guardi il cielo notturno … Quasi tutti quei punti di luce che guardi contengono almeno un pianeta, ci sono un molti di loro.

“Ma non sappiamo se questo è l’unico posto dove c’è vita o vita intelligente, e penso che sia importante che le persone comprendano il contesto del nostro pianeta e dell’universo nel suo insieme e la necessità di nutrire questo mondo.

“Ecco [Earth] È l’unico pianeta nell’universo abitato dall’intelligenza, beh, guarda quanto è speciale, ma se siamo uno tra milioni di civiltà, è una cosa scoraggiante in entrambi i casi. “

Conoscenza immensa dello spazio

Renee Aland ha detto che l’ossessione di suo fratello per l’universo è iniziata presto.

“Ci siamo trasferiti nella periferia occidentale di Brisbane quando eravamo bambini piccoli e avevamo dei bei cieli bui, quindi si è innamorato di guardare in alto”, ha detto.

Ha detto che il signor Rigby era autodidatta e ha descritto la sua memoria come “incredibile”.

Tre persone sorridono mentre indossano abiti a tema spaziale.
I fratelli del signor Rigby Renee Aland e Tony Rigby si sono uniti alle cerimonie di pensionamento del fratello.(

Notizie ABC: Emma Pollard

)

Ha detto: “Stava lavorando sui percorsi delle operazioni di lancio spaziale e, naturalmente, tutto ciò ha portato a un” uomo sulla luna “e da lì è partito”.

“Si è sempre considerato un insegnante, ricorda tutto e poi può trasmetterlo agli altri”.

Rigby ricorda l’infiltrazione di una radio a transistor nella scuola prima dello sbarco sulla luna nel 1969.

Ha detto: “Ero in una scuola dove stavo sgattaiolando in una piccola radio, facendo tutto durante le lezioni e l’Apollo 11.”

La signora Aland ha detto che l’istruzione sarebbe stata l’eredità di suo fratello.

“I bambini vengono qui e quando escono sanno molto – non solo loro, ma anche gli insegnanti”, ha detto.

Un uomo si trova di fronte a un grande razzo bianco
Mark Rigby ha visitato la base spaziale di Baikonur in Kazakistan nel maggio 2013 per vedere Soyuz prima del suo volo verso la Stazione Spaziale Internazionale.(

Fornito: Mark Rigby

)

Cosa succede dopo Star Man?

Dopo aver attirato i fan di Brisbane per decenni, il signor Rigby starà ancora fissando le stelle?

Ha detto: “Certamente”.

I suoi occhi si illuminano di eccitazione quando parla della perseverante missione della NASA su Marte.

Ha detto: “Se c’è vita su Marte in qualsiasi momento, l’area in cui la perseveranza è atterrata quel giorno è un posto importante in cui guardare, chi lo sa? Forse nelle prossime settimane e mesi potremmo vedere alcune prove”.

“Spero che trovino qualcosa; forse non c’è vita microbica presente sotto il suolo ora, ma anche se esistesse 3,5 miliardi di anni fa, ciò significa che la vita potrebbe essere molto comune.

Aland accenna a future spedizioni in Antartide per vedere le aurore australiane, inseguire un’eclissi e altri viaggi in Egitto con l’apertura dei confini internazionali.

Lo stargazer ha lasciato aperta la possibilità che un velo appaia nel planetario.

“Non posso interrompere il mio interesse per l’astronomia e lo spazio”, ha detto Rigby.

“Continuerà e forse avrà qualche associazione con il planetario ma anche a livello internazionale e nelle società australiane”.

READ  Allerta meteo: allerta per neve, grandine, allagamenti e allagamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *