La dieta delle prime lucertole e dei serpenti “è più varia di quanto si pensasse”

Un nuovo studio mostra che la dieta delle prime lucertole e serpenti era più varia e avanzata di quanto si pensasse in precedenza.

Gli scienziati inizialmente credevano che gli squamati – il termine collettivo per 10.000 specie di lucertole e serpenti – iniziassero ad acquisire un’esca per una varietà di fonti di cibo solo dopo l’estinzione dei dinosauri.

Ma uno studio condotto dall’Università di Bristol, pubblicato sulla Royal Society Open Science, suggerisce che potrebbero aver già posseduto l’intero spettro di tipi di dieta 100 milioni di anni fa, inclusa la carne e il cibo vegetariano che vediamo oggi.

Il team ha studiato denti e mascelle fossili del periodo Cretaceo, tra 145-66 milioni di anni fa.

L’autore principale, il dott. Jorge Herrera Flores, ha dichiarato: “Non sappiamo con certezza l’entità della variazione degli squamati nel periodo Cretaceo.

Fossile di lucertola (Jorge Herrera Flores / PA)

“Ma sappiamo che avevano già raggiunto la completa diversità del tipo moderno di modelli di alimentazione 100 milioni di anni fa, nel mezzo del periodo Cretaceo.

“Prima di allora, le erbacce esistevano già da più di 100 milioni di anni, ma fino a quel momento sembrava essere stata principalmente insettivora”.

Gli scienziati hanno analizzato i fossili di diversi grandi rettili marini estinti, misurandone mascelle e denti, prima di assegnarli a categorie di cibo rispetto alle forme moderne.

I mangiatori di insetti hanno denti lunghi e simili a spine, mentre quelli che preferiscono masticare le piante hanno denti piatti.

I denti affilati e appuntiti appartengono ai predatori e i serpenti tendono ad avere denti uncinati per afferrare la preda.

“Lo studio di denti e mascelle fornisce eccellenti informazioni sulla diversità alimentare e ambientale”, ha affermato il coautore, il dott. Tom Stubbs.

READ  La sonda Emirati Hope invia la sua prima immagine di Marte

“I denti e le mascelle fossili ci danno la migliore visione dell’evoluzione squamosa nel passato.

La documentazione fossile sarebbe facile da interpretare erroneamente a causa della conservazione incompleta. Tuttavia, più scoperte fossili potrebbero solo aumentare il numero di modelli di alimentazione che identifichiamo nel Cretaceo, non ridurli “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *