Un uragano spaziale nel 2014 “ ha fatto piovere elettroni ” da un uragano al plasma nell’alta atmosfera: uno studio- Technology News, Firstpost

Gli scienziati hanno riferito di aver visto quello che chiamano un “uragano spaziale”, mentre ha girato per diverse ore sul Polo Nord il 20 agosto 2014. Sono state esplorate le condizioni che hanno portato a un “uragano spaziale di lunga durata, ampio e dinamico”, inclusi i fattori come l’intensità del vento solare, l’energia magnetosferica e le velocità. Il Nuovo studio Afferma che la massa di plasma larga 1.000 chilometri, rilevata a centinaia di chilometri sopra il Polo Nord, ha “piovuto” gli elettroni invece dell’acqua.

Fino ad ora, senza prove valide di uragani spaziali, questo fenomeno è rimasto una possibilità teorica.

“… provarlo con un’osservazione così sorprendente è incredibile”, ha detto il coautore dello studio Mike Lockwood, uno scienziato spaziale presso l’Università di Reading nel Regno Unito. dichiarazione Sull’analisi retrospettiva condotta dall’Università di Shandong in Cina.

A differenza degli uragani come li conosciamo, un tornado spaziale ha riversato elettroni nella ionosfera, A. ScienceAlert Trasferimento Ha detto, che ha avuto un effetto sorprendente: un’enorme aurora a forma di tornado sotto l’uragano. L’intera cosa è durata circa otto ore e ha depositato enormi quantità di energia e quantità di moto nella ionosfera.

Illustrazione di un tornado spaziale, creato utilizzando dati osservativi. Credito immagine: Qing-He Zhang / Shandong University

“Per il resto le condizioni erano calme, il che era un mistero”, aggiunge il rapporto. Le particelle cariche che piovono nella ionosfera dal vento solare in arrivo sono solitamente la causa delle aurore verdi brillanti alle latitudini più elevate della Terra, note come aurore boreali. Ma le condizioni in quel momento non mostravano ottime condizioni solari. Il team di studio ha modellato le condizioni del ciclone spaziale per determinare la causa di una “lotta al plasma”. Questo fenomeno si è verificato anche durante un periodo di bassa attività geomagnetica, indicando che potrebbe essere più comune nel nostro sistema solare e oltre. Lo studio suggerisce che ciò evidenzia l’importanza di migliorare il monitoraggio della meteorologia spaziale, che può disturbare i sistemi GPS.

READ  La Terra gira più velocemente di 50 anni fa. qual è il problema?

Sebbene lo studio evidenzi il primo rilevamento di un tornado spaziale nell’atmosfera superiore del pianeta, la sua scoperta indica che i tornado spaziali potrebbero effettivamente essere un fenomeno planetario comune, secondo ScienceAlertConto dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *