Il colonialismo ha plasmato le moderne università africane e spiega come possono diventare veramente africane

Il colonialismo ha plasmato le moderne università africane e spiega come possono diventare veramente africane

Il colonialismo ha profondamente plasmato le moderne università in Africa. Ha fondato sul suolo africano istituzioni che erano in gran parte repliche delle università europee e non organicamente africane.

Dello storico e teorico politico Achille Mbembe, Un problema delle università in Africa è che sono “occidentalizzate”. Egli le descrive come “istituzioni nazionali con un modello accademico dominante basato su un canone di conoscenza eurocentrico che attribuisce la verità solo al modo occidentale di produrre conoscenza”. “ignora altre tradizioni epistemologiche”.

La mia ricerca riguarda principalmente le università, in particolare le questioni di equità, inclusione e trasformazione. In Capitolo finale Sono alle prese con ciò che le università devono fare per smettere di essere copie inadeguate delle università europee. Come possono diventare, invece, università africane che rispondano ai bisogni africani?

Concludo che per raggiungere i loro obiettivi principali di condivisione e creazione di conoscenza, devono svolgere cinque ruoli correlati. Questi sono: incoraggiare gli studenti a essere pensatori critici; Condurre qualcosa di più della semplice ricerca eurocentrica; Coinvolgere in modo proattivo le comunità in cui si trovano; e utilizzare la ricerca e l’istruzione per affrontare i problemi dello sviluppo; Infine, promuovere la cittadinanza critica e la democrazia.

In tutti questi ruoli, le università africane devono prendere sul serio il “luogo” – la geografia, la storia, le relazioni sociali, l’economia e la politica dei loro contesti. Devono superare le teorie europee della conoscenza e le culture istituzionali occidentali. In tal modo, devono promuovere il pensiero anticoloniale e il bene comune.

Ma l’università africana non può essere creata soltanto cambiando la lente e il fondamento intellettuale. L’azione politica è fondamentale.

L’importanza del luogo

Le università africane devono essere plasmate dai loro contesti. La professoressa Louise Vincent della Rhodes University in Sud Africa ha ragione Sostiene Ciò “implica una profonda connessione, letteralmente e teoricamente, con il concetto di ‘luogo’” affinché le università trovino il loro scopo. Aggiunge che le università si trovano in un “luogo”.

READ  Eniola Badmus trasmette in streaming Funke Akindele mentre celebra la Giornata internazionale della donna con un impressionante video di danza

Per Vincent, il luogo non è né “oggettivo né neutrale”. È “modellato dalle relazioni di potere” e dal modo in cui “il potere opera negli e attraverso gli spazi con cui deve essere affrontato”.

Annuncio di Taksim

Ciò significa che, invece di allontanarsi dalle comunità circostanti, le università devono, come dice Vincent, “cercare attivamente visibilità e collaborazione, perché questo è il loro scopo”. Ciò ha implicazioni sul rendimento, sui ruoli e sulle attività delle università.

Questo concetto di “luogo” vede la conoscenza come sensibile al contesto piuttosto che decontestualizzata. Gli eurocentristi presumono che i risultati della ricerca condotta in Europa si applichino ai paesi e alle regioni dell’Africa. Questo non è il caso. Le università del continente devono sviluppare teorie creative sulla loro realtà come base per cambiarla.

Cinque piani

Le università africane hanno almeno cinque ruoli chiave da svolgere.

Il primo è incoraggiare gli studenti, dice l’antropologo Arjun Appadurai Mettilo giù“Sviluppare la propria vita intellettuale e morale come individui indipendenti”.

Il secondo ruolo è quello di intraprendere diversi tipi di borse di studio che servono scopi, scopi e obiettivi diversi. La borsa di studio deve confrontarsi con le epistemologie e i sistemi europei dominanti. Ne hanno bisogno le università africane le parole Del ricercatore postcoloniale Mahmoud Mamdani,

Teorizzando la nostra realtà, trovando il giusto equilibrio tra il locale e il globale mentre lo facciamo.

In terzo luogo, devono impegnarsi in modo proattivo con le comunità in cui lavorano. Questo impegno deve avvenire sul piano intellettuale e culturale. È una parte importante della capacità delle università di contribuire allo sviluppo di una cittadinanza critica.

Il quarto ruolo è quello di affrontare attivamente le pressanti sfide dello sviluppo. Ciò si ottiene attraverso l’insegnamento, l’apprendimento, la ricerca e il coinvolgimento della comunità.

Promuovere la cittadinanza critica e la democrazia è il quinto ruolo. L’Africa ha bisogno non solo di professionisti competenti, ma anche di intellettuali sensibili e cittadini critici. Le università devono, in etica I termini di Martha Nussbaum,Promuovere la “Coltivazione dell’Umanità”.

Fa in modo che succeda

Gli scopi e i ruoli che ho qui menzionato non esauriscono il significato dell’Università Africana. Invece, sono le loro funzioni di base ideali.

Inoltre, non voglio implicare che ogni scopo e ruolo debba essere attuato in modo identico da ciascuna università. Non c’è valore nell’uniformità e nell’omogeneità. È essenziale che le università, all’interno dei sistemi nazionali, affrontino le diverse esigenze che si estendono dal livello locale a quello globale.

Dangote annuncio 728x90_2 (1)

Ma qualunque sia il loro obiettivo, le università africane devono, fondamentalmente, promuovere il “bene comune”. L’accademica internazionale di politica dell’istruzione superiore Mala Singh Conferma Che questa è la “narrativa e piattaforma fondante” affinché le università possano perseguire un percorso diverso dai loro discutibili percorsi attuali.

Lo Stato ha un ruolo importante. Deve dirigere e supervisionare con competenza le università e non interferire in esse. Deve fornire loro le risorse necessarie e sostenere la libertà accademica e l’indipendenza istituzionale. Devono inoltre garantire un contesto politico economico, sociale e finanziario favorevole.

L’Università africana non potrà essere realizzata dall’oggi al domani, né senza lotte politiche che coinvolgano diversi attori dentro e fuori le università. Ciò richiederà di affrontare la collusione, l’opposizione, la stagnazione e la paura. Il lavoro politico intellettuale e pratico collettivo e individuale, nonché “Opere rinascimentali quotidiane“, necessario.Conversazione

Salim BadatProfessore di ricerca, Dipartimento di Storia, UFS, Università dello Stato Libero

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Sotto licenza Creative Commons. Leggi il Articolo originale.

READ  चीनी परमाणु हथियारों पर अमेरिकी आशंका, भारत के लिए क्या हैं मायने?

Conversazione


Sostieni il giornalismo di PREMIUM TIMES che si caratterizza per integrità e credibilità

Il buon giornalismo costa un sacco di soldi. Tuttavia, solo un buon giornalismo può garantire la possibilità di una buona società, di una democrazia responsabile e di un governo trasparente.

Per continuare ad avere accesso gratuito al miglior giornalismo investigativo del Paese, vi chiediamo di prendere in considerazione l’idea di dare un modesto sostegno a questo nobile sforzo.

Contribuendo a PREMIUM TIMES, contribuisci a mantenere il nostro giornalismo rilevante e a garantire che rimanga gratuito e disponibile a tutti.

Dona






Annuncio di testo: Chiama Willy – +2348098788999








Annuncio della campagna PT Mag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *