Il codice “125” è l’ultima istruzione di Yuri Gagarin prima della partenza. Cosa significa questo?

È un fatto sconosciuto che le ultime istruzioni che il primo astronauta Yuri Gagarin ascoltò furono: “Codice 125”. cosa vogliono dire?

Esattamente 60 anni fa – il 12 aprile 1961, alle 9 ore e sette minuti ora di Mosca, Gagarin fece saltare nello spazio dal cosmodromo di Baikonur con la sonda “East 1”. Dopo 108 minuti e un giro completo intorno alla Terra, si è paracadutato nello spazio come il primo uomo a volare nello spazio. Il suo viaggio ha aperto una nuova era nello sviluppo della civiltà umana. Segna l’inizio di esperienze e traguardi che uno non aveva nemmeno sognato. Ovviamente niente va liscio sul primo volo.

All’epoca era estremamente difficile risolvere uno dei problemi del volo spaziale con equipaggio, perché nessuno sapeva esattamente come la psiche umana avrebbe interagito con un simile volo. Mark Gallay, un istruttore di volo e curriculum di astronauti di prima classe, ha scritto nel suo libro With a Man On Board the Plane che uno scienziato tedesco menziona il fenomeno dell ‘”orrore cosmico”, sotto la cui influenza gli esseri umani non solo possono controllare i sistemi di controllo della nave, ma danneggerà anche se stessa “autodistruzione”. Secondo Galay, queste considerazioni erano difficili da ignorare alla vigilia del primo volo spaziale con equipaggio.

In effetti, la cosa principale che l’astronauta doveva fare era guidare manualmente la navicella in modo che il motore del freno si attivasse, e solo se i sistemi automatici principale e di riserva non funzionassero. Tuttavia, nessuno era sicuro che l’astronauta sarebbe stato in uno stato d’animo stabile per affrontare questo, e gli ingegneri decisero di bloccare il controllo con un “blocco logico”, per sbloccarlo, doveva essere chiamato un codice speciale “125” .

READ  Hanno scoperto uno stato della materia completamente nuovo chiamato vetro liquido

Inizialmente, secondo Galay, avevano programmato di comunicare all’astronauta questo codice alla radio, ma poi hanno deciso che potrebbe non ricevere le informazioni a causa di interferenze radio. Quindi hanno implementato l’idea di sigillare questo simbolo in una busta, che è stata poi incollata nella cabina della nave.

Tuttavia, Mark Galay ha ordinato che Gagarin fosse segnalato segretamente prima del lancio. E quando l’astronauta è già nell’astronave, l’ultima persona che lo accompagna, il progettista dell’Est, Oleg Ivanovsky, gli dice questi tre numeri – “125”.

“La cosa più difficile nella carriera di un astronauta è tutto ciò che accade prima che il cancello si apra dopo che l’astronave attracca alla stazione spaziale. Fino ad allora, ed è nostro vero piacere che non possiamo essere assicurati contro incidenti personali o tecnici che potrebbero impedire lo specifico “ha detto a TASS l’astronauta francese Thomas Pesci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *