Il caso giudiziario rivela che Isabel dos Santos ha conti bancari in Sud Africa

Il caso giudiziario rivela che Isabel dos Santos ha conti bancari in Sud Africa

Quando l’ex presidente dell’Angola, José Eduardo dos Santos, visitò il Sudafrica nel 2010, il presidente Jacob Zuma lo accolse calorosamente.

Zuma ha detto: “Grazie al sostegno morale e materiale del popolo angolano, siamo riusciti a sconfiggere l’apartheid”.

“È giusto che due paesi che hanno combattuto così duramente insieme contro l’apartheid e il colonialismo siano ora uniti nella lotta per la libertà dalla povertà e per una migliore qualità della vita per il popolo angolano e sudafricano”.

Negli anni successivi, ironicamente, altri fattori hanno contribuito all’unificazione del Sud Africa e dell’Angola.

Dos Santos ha governato l’Angola per 38 anni prima di dimettersi nel 2017 quando Joao Lourenco è diventato presidente, ribellandosi al suo predecessore in un’importante campagna anti-corruzione. Dos Santos è morto nel 2022, lasciando dietro di sé l’eredità di aver presieduto un regime corrotto.

Quando Zuma si è dimesso nel 2018, le accuse di corruzione sono aumentate contro di lui, lasciandosi alle spalle un paese ancora alle prese con la cattura dello stato che si era diffusa durante il suo mandato.

È ormai noto che entrambi i paesi incanalano denaro e rapporti governativi per arricchire pochi. È qui che si inserisce Isabel, la figlia del miliardario dos Santos, una volta la donna più ricca dell'Africa.

È stata ampiamente accusata di corruzione in Angola, dove le denunce includevano la canalizzazione di fondi statali verso società in cui erano coinvolti lei e suo marito, Sindika Dokolo, morto nel 2020. Quell’anno, il Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi pubblicò il Luanda Leaks, che rivelò molti dettagli sul fatto che “Isabel dos Santos aveva fatto fortuna a spese del popolo angolano”.

L'ex presidente dell'Angola José Eduardo dos Santos. Dos Santos muore all'età di 79 anni l'8 luglio 2022 a Barcellona, ​​in Spagna. Ha governato come presidente dell'Angola dal 1979 al 2017. (Foto: EPA-EFE/Tiago Petinga)

Beni congelati

Isabel ha negato le accuse contro di lei, dicendo che era l'obiettivo di rapporti politici ingannevoli. Tuttavia, il suo diniego non ha impedito che venissero adottate misure legali contro di lei e ciò che possedeva.

READ  L'Arabia Saudita applica nuove tecnologie in previsione dell'Hajj 2022

Nel 2019, in Angola sono stati congelati diversi conti bancari e titoli associati. L'anno successivo venne emessa un'ordinanza simile in relazione ai suoi beni in Portogallo. Furono emessi anche altri ordini simili.

Maggiori informazioni sul Daily Maverick: Il cappio si sta stringendo sull'Isabel dos Santos dell'Angola e il bottino rubato è nascosto in altri paesi

Alcuni dettagli sui suoi beni sono contenuti in una sentenza dell'Alta Corte di Londra emessa il 20 dicembre 2023 contro di essa in un caso in cui sono stati congelati 580 milioni di sterline dei suoi beni. La società di telecomunicazioni angolana Unitel ha citato in giudizio Isabel e ha chiesto un ordine di congelamento.

Secondo la sentenza, fino alla fine del 2020 era il proprietario effettivo del 25% di Unitel. Possedeva e controllava anche Unitel International Holdings (UIH), una società olandese.

La sentenza afferma che nel 2012 e nel 2013 Unitel ha concesso una serie di prestiti all’UIH, che riteneva fossero stati “concessi a tassi di interesse ingiustificatamente bassi e senza alcuna garanzia significativa”. Unitel ha detto che Isabel ha ottenuto i prestiti a beneficio dell'UIH e “in definitiva, a proprio vantaggio”.

La sentenza afferma che Isabelle ha negato che i prestiti fossero “non commerciali” o che avesse agito in violazione dei suoi doveri. “Dice anche che queste azioni sono una campagna politica contro di lei, portata avanti su istigazione dell'attuale governo angolano”, ha aggiunto.

La sentenza includeva altri dettagli sui beni di Isabel. Ha detto, secondo un membro del team legale di Unitel, che molti dei suoi “beni significativi” consistevano in immobili di alto valore. Isabelle aveva proprietà nel Regno Unito, a Monaco e a Dubai.

READ  FOTO-Movie - România și NATO se încordează în fața Rusiei în Marea Neagră: amplu exercițiu militar organizat de Forțele Navale - Stiri pe surse

Conti bancari in SA

“Unitel ha anche identificato numerosi conti bancari detenuti dalla signora dos Santos, il suo defunto marito, o da una delle loro società, in questo paese e in Angola, Portogallo e Isole Vergini britanniche”, aggiunge la sentenza. [British Virgin Islands]Sud Africa e altrove.”

Unitel sapeva che Isabel aveva un conto bancario nel Regno Unito e vari conti esteri, ma non sapeva cosa ci fosse dentro fino all'ottobre 2022. Questo aspetto della sentenza suggerisce che avrebbe potuto avere soldi in Sud Africa.

Nel novembre 2022, è stato ampiamente riferito che l’Interpol aveva emesso un avviso rosso – la richiesta internazionale rivolta alle autorità di arrestare temporaneamente una figura elencata – per Isabelle.

Il capo dell'Interpol è Ahmed Nasser Al Raisi degli Emirati Arabi Uniti. (Jackie Celebi, un tempo capo del servizio di polizia sudafricano, era anche capo dell'Interpol; fu poi condannato per corruzione.)

Il paradiso che è Dubai

Si ritiene che Isabel stia ora trascorrendo un po' di tempo nella città di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Un account Instagram verificato con il suo nome la mostra spesso all'estero e suggerisce che non si nasconde. La scorsa settimana è stato condiviso sul profilo un breve video che mostrava Isabelle seduta su una sedia su una spiaggia pulita.

La dinastia presidenziale sembra apprezzare Dubai, poiché è noto che anche il figlio di Zuma, Duduzane, è lì.

Lo stesso vale per Atole e Rajesh Gupta, due amici di Zuma ricercati in Sudafrica per reati di cattura di Stato. Sono tra gli individui chiave evidenziati nelle fughe di notizie di Gupta, la versione sudafricana delle fughe di notizie di Luanda.

READ  Ha esortato i paesi del Sud del mondo ad armonizzare i quadri normativi relativi alla biotecnologia

Nel giugno 2022 Atul e Rajesh Gupta sono stati arrestati a Dubai. Il terzo fratello, Ajay Gupta, non è stato arrestato.

La polizia di Dubai ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che i fratelli sono stati arrestati “in relazione a riciclaggio di denaro e accuse penali in Sud Africa”.

Ma nell'aprile dello scorso anno è emerso che la richiesta del Sud Africa di estradare i fratelli dagli Emirati Arabi Uniti era stata respinta durante un'udienza tenutasi a Dubai il mese precedente. Successivamente è emerso che avevano ottenuto la cittadinanza di Vanuatu.

La famiglia Gupta, via Dubai, finora ha evitato di rispondere in Sud Africa. Questo potrebbe essere il caso anche di Isabel e dell’Angola. Marco tedesco

Questa storia è apparsa per la prima volta sul nostro sito web settimanale Maverick quotidiano 168 Il giornale è disponibile a livello nazionale per R29.

Galleria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *