I vulcani marziani stanno ancora eruttando?

Gli astronomi hanno scoperto tracce della recente attività vulcanica sul Pianeta Rosso. L’eruzione potrebbe essere avvenuta solo 50 mila anni fa. Ciò significa che il prossimo evento del genere può accadere in qualsiasi momento.

Ad un certo punto, Marte ha sperimentato diverse eruzioni vulcaniche su larga scala. Ha cambiato la faccia del pianeta… ma quasi tutti questi disastri si sono verificati 3-4 miliardi di anni fa. Ad oggi, i più piccoli effetti dell’attività vulcanica su Marte sono stati considerati a circa 2,5 milioni di anni. Si trova nella pianura elisiana.

Gli scienziati hanno ora trovato una struttura geologica molto più piccola sulla stessa pianura. Le immagini orbitali mostrano una regione scura attorno a una fessura nella crosta marziana, che fa parte del sistema di faglie di Cerberus Fusai.

C’è una macchia scura con un’area con una grande città situata simmetricamente su entrambi i lati della spaccatura. È ricco del tipico minerale vulcanico, il pirosseno. Anche in superficie, questa formazione è molto simile ai dettagli della superficie della Luna e di Mercurio, che di solito sono considerati depositi vulcanici.

Mappa delle pianure del paradiso. I colori indicano l’altezza. Il luogo della presunta esplosione si trova in un rettangolo bianco.

Gli esperti tendono a pensare che questa struttura fosse costituita da cenere e lava fuoriuscite dalla faglia durante l’eruzione. Secondo gli esperti, il pennacchio di cenere può salire fino a dieci chilometri. In totale, il vulcano ha rilasciato circa dieci milioni di metri cubi di materia.

La cosa più interessante è l’età di questi effetti dell’esplosione. A giudicare dal numero di crateri meteorici, hanno da 50 a 200 mila anni. Geologicamente, questo è un momento. Se i vulcani potessero eruttare su Marte, potrebbero farlo ora.

READ  Missione di tiro con l'arco della NASA: Biliardo cosmico | Hayes in linea

È importante che nella regione delle fessure di Cerberus Fossae fossero i centri dei più forti Terremoti di MarteCatturato dalla sonda InSight. Questi tremori possono essere associati ai movimenti del magma in profondità.

Se ci sono ancora centri di calore sotterranei vicino alla superficie di Marte, potrebbero diventare fonti di energia per ipotetici microbi marziani.

I dettagli dello studio sono mostrati in L’articolo scientificoPubblicato sulla rivista Icarus.

A proposito, gli scienziati in precedenza avevano suggerito che il lago di acqua liquida scoperto di recente sotto strati di ghiaccio su Marte fosse presente a causa del suo riscaldamento. Colonna di magma… abbiamo anche scritto che i vulcani di Marte potrebbero averlo Insolitamente lunga vita.

Altre notizie dal mondo della scienza possono essere trovate nella sezione “Scienza” Sulla piattaforma multimediale “Orologio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *