Science News: i paleontologi ritengono di aver scoperto la transizione cruciale da un miliardo di anni a organismi multicellulari – scienze della vita

Bicellum brasieri, organismi d’acqua dolce del regno protestante (né animali, né piante, né funghi) vissero un miliardo di anni fa e hanno due diversi tipi di cellule e potrebbero essere le cellule multicellulari più antiche mai scoperte.

I bei fossili sono stati trovati nelle Highlands, negli altopiani scozzesi, e rappresentano una nuova prospettiva per il passaggio da animali unicellulari a più complessi multicellulari. Il Bicellum brasieri appartiene al gruppo Holozoa, che comprende gli animali ei loro parenti unicellulari più stretti, ma esclude i funghi.

Il professor Charles Wellman, ricercatore del dipartimento, ha affermato: “Le origini della multicellularità e l’origine degli animali sono tra gli eventi più importanti nella storia della vita sulla Terra e la nostra scoperta li pone sotto una nuova luce”. Laurea in Scienze animali e vegetali presso l’Università di Sheffield.

Il professor Wellman e colleghi hanno esaminato sezioni sottili della Formazione Diabig in Scozia, che preserva popolazioni di organismi catturati in antichi sedimenti lacustri.

In diverse sezioni hanno osservato gruppi di cellule costituiti da gruppi di due diversi tipi di cellule, indicando una condizione che costituisce un passo verso la multicellularità complessa.

Nuove indagini hanno rivelato un secondo gruppo di cellule che sembravano essere molto simili per forma e dimensioni, ma a cui mancava un secondo tipo di cellula completamente differenziato.

Processo di differenziazione in un miliardo di anni (Foto: Strother et al.)

“Abbiamo trovato un primitivo organismo sferico costituito da una disposizione di due diversi tipi di cellule, il primo passo verso una complessa struttura multicellulare, qualcosa che non è stato descritto prima. Ciò indica che l’evoluzione degli animali multicellulari è avvenuta almeno un miliardo di anni fa e potrebbe essersi verificato nei laghi d’acqua dolce piuttosto che negli oceani, ha detto il professor Wellman.

READ  Si può dire che questo fa parte di un antico pianeta più antico della Terra

“I biologi hanno ipotizzato che le origini degli animali includano l’incorporazione e il ricondizionamento di geni che in precedenza si erano evoluti in organismi unicellulari”, ha detto il professor Paul Strother del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente presso l’Osservatorio Weston del Boston College. “Quello che vediamo in Bicellum brasieri è un esempio di un tale sistema genetico, con adesione cellula-cellula e differenziazione cellulare che sarebbe stata incorporata nel genoma dell’animale mezzo miliardo di anni dopo”.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Biologia attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *