Anche dopo 60 milioni di stelle, c’è ancora un segno di vita extraterrestre Scienza e pianeta

Gli astrobiologi hanno sviluppato il progetto “Breakthrough Listen” I primi risultati Hanno annunciato un nuovo studio in cui hanno cercato fino al centro della nostra galassia i segnali radio di vita extraterrestre intelligente. Ma non è stato trovato nulla.




Per 7 decenni, gli scienziati hanno cercato segnali wireless che intenzionalmente o intenzionalmente emettono dalla vita intelligente extraterrestre. Ma anche ora la domanda “Siamo soli nell’universo o no” rimane senza risposta. L’ultimo studio del progetto “Breakthrough Listen” del miliardario Yuri Milner e del defunto Stephen Hawking non ha cambiato neanche questo.

Per questo studio, il team ha raccolto almeno 600 ore di osservazioni radio utilizzando Green Bank Radio e i telescopi Parkes Radio del CSIRO. In questo modo, hanno guardato tutto nel loro campo visivo in una regione tra la Terra e il gigantesco buco nero al centro della nostra galassia. Perché questo ha i suoi vantaggi. Prima di tutto, il numero di stelle per superficie aumenta man mano che ci si avvicina al centro. Gli scienziati stimano che ci siano circa 60 milioni di stelle nel loro campo visivo. Più stelle significa più possibilità di un’area abitabile. E poiché sono vicini l’uno all’altro, questo può stimolare lo sviluppo della comunicazione e dei viaggi interstellari. Infine, il centro è anche il luogo ideale per una civiltà avanzata per posizionare un faro in grado di inviare segnali all’intera galassia.

Telescopio radiofonico della banca verde. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Ma ci sono anche degli svantaggi se guardi in questa direzione. La regione più vicina al centro galattico è inabitabile a causa delle radiazioni nocive, poiché le supernove esplodono e le nuvole di gas mentre le temperature possono raggiungere rapidamente milioni di gradi. Dopodiché, non è stato detto nulla su questo gigantesco buco nero nel mezzo.

Sfortunatamente, i ricercatori non hanno trovato segnali radio ripetuti tra le frequenze di 0,7 e 93 GHz. Non c’è intelligenza extraterrestre, anche se la ricerca è solo all’inizio. Gli scienziati sono stati in grado di documentare una serie di eventi che coinvolgono stelle magnetiche, un tipo di stella di neutroni. Buone notizie per gli astronomi che studiano questo tipo di stella.

READ  Questo boom è apparso per la prima volta in Turchia! Gli scienziati ancora non capiscono la causa di migliaia di anni di eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *