Gli insetti hanno bisogno di pochi secondi per questo – UNIAN

Dopo pochi minuti di addestramento, grazie alla loro naturale sensibilità, le api sono state in grado di identificare gli esemplari infetti in pochi secondi.

Gli scienziati hanno addestrato gli insetti, fornendo loro trattamenti / foto wur.nl

I ricercatori dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi hanno insegnato alle api a riconoscere la SARS-CoV-2 dall’olfatto.

Come è stato detto in Servizio stampa Istituto scolastico, lo studio ha incluso 150 api. I ricercatori hanno addestrato gli insetti somministrando loro trattamenti – una soluzione di acqua con zucchero – ogni volta che hanno annusato esemplari infetti. Quindi le api alzavano la lingua e raccoglievano acqua fresca.

Infine, grazie alla loro naturale sensibilità, gli insetti hanno iniziato a riconoscere gli esemplari infetti in pochi secondi e hanno diffuso la lingua vicino a loro senza ricompensa.

“Il Coronavirus, come altre malattie, provoca cambiamenti nel metabolismo del corpo, che causa l’odore. Alle api può essere insegnato in pochi minuti a riconoscere l’odore di campioni infetti da SARS-CoV-2”, hanno detto gli scienziati.

Leggi ancheLe persone li odiano: gli ecologisti dicono che la Terra perde fino al 2% di insetti all’annoCredono che tale tecnologia possa essere efficace nella diagnosi delle persone nei paesi poveri

“Il passo successivo è scalare questo approccio. Le api sono disponibili in tutto il mondo, quindi tutto ciò di cui le persone hanno bisogno è una macchina che consenta loro di addestrare le api. InsectSense ha già sviluppato prototipi per una macchina che può addestrare automaticamente molte api contemporaneamente e un biosensore che utilizza il trainer diagnostico Bee. “

Potrebbero interessarti anche le novità:

Leggi le ultime notizie dell’Ucraina e del mondo sul canale Unian cavo

READ  La maestria e la competenza dei metalli vichinghe si sono sviluppate dall'VIII al IX secolo

Traduzione:

Se trovi un errore, selezionalo con il mouse e premi Ctrl + Invio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *