I semi coltivati ​​nello spazio offrono preziose opportunità

Un seme di riso è germogliato a bordo della sonda lunare Chang’e dopo il ritorno sulla Terra. [Photo provided to China Daily]

La storica missione cinese Chang’e 5 di 23 giorni non solo ha raccolto campioni di rocce preziose e suolo dalla luna, ma ha anche riportato un lotto di semi che aveva viaggiato fino al punto più lontano nella storia dell’agricoltura e della silvicoltura del paese.

Più di 30 specie di semi, tra cui riso, avena, erba medica e orchidee, sono state collocate all’interno della navicella multi-unità Chang’e 5 e hanno orbitato intorno alla luna per 15 giorni.

Gli scienziati volevano verificare cosa sarebbe accaduto ai semi dopo che fossero stati esposti a un ambiente unico nell’orbita della luna e hanno anche espresso la speranza che potessero sviluppare mutazioni benefiche.

I semi sono stati raccolti da molte organizzazioni locali come la China Agricultural University, la Beijing Forestry University, la Southern China Agricultural University e l’Accademia cinese delle scienze agricole nel programma di allevamento del boom spaziale organizzato dalla China High-Tech Industrialization Association con sede a Pechino.

Sono stati consegnati alle organizzazioni partecipanti in una cerimonia tenutasi presso la China National Space Administration il 23 dicembre.

Liu Jizhong, direttore del Lunar Exploration Center and Space Program del dipartimento, ha affermato che il programma è la prima volta che i ricercatori cinesi conducono esperimenti di riproduzione mutante nello spazio profondo e offre buone opportunità agli scienziati.

Il professor Sun Yixing della Dalian Maritime University nella provincia di Liaoning, che trasportava riso e semi di Arabidopsis thaliana a bordo di Chang’e 5, ha affermato che la missione ha fornito ai ricercatori una preziosa opportunità per scoprire i loro semi nell’ambiente dello spazio profondo e avrebbe consentito loro di approfondire gli studi sugli effetti dei raggi cosmici sulla crescita e lo sviluppo della vita. Per terra.

L’allevamento di mutazione basato sullo spazio si riferisce al processo di esposizione dei semi a forze come microgravità, vuoti e radiazioni cosmiche durante un volo spaziale e quindi di rimandarli sulla Terra per ulteriori osservazioni e piantine.

I ricercatori osservano ed esaminano diverse generazioni di piante coltivate da semi coltivati ​​nello spazio e controllano le loro mutazioni, alcune positive e desiderabili mentre altre sono negative. Le mutazioni positive saranno preservate e analizzate e saranno fornite agli agricoltori dopo la loro approvazione e approvazione.

La propagazione spaziale può generare mutazioni più veloci e più convenienti degli esperimenti terrestri e può portare ad alcuni tratti desiderabili che sono difficili da introdurre.

I ricercatori spiegano che, rispetto alle specie vegetali naturali o convenzionali, le versioni sviluppate nello spazio con mutazioni positive in genere hanno un contenuto di nutrienti più elevato, rese annuali maggiori, periodi di crescita più brevi e una migliore resistenza a malattie e insetti nocivi.

La Cina ha condotto il suo primo esperimento riproduttivo nello spazio nel 1987, utilizzando un satellite per trasportare i semi nello spazio.

Da allora, centinaia di specie di semi e piantine hanno viaggiato con dozzine di astronavi cinesi, tra cui la navicella con equipaggio Shenzhou e satelliti recuperabili.

Liang Xiaohong, vicepresidente esecutivo della China High-Tech Manufacturing Association, ha affermato che la propagazione nello spazio ha aiutato a generare più di 200 nuove specie di piante mutanti in Cina che sono state approvate per la coltivazione su larga scala, dai cereali agli ortaggi e ai frutti. .

La missione robotica Chang’e 5 è stata lanciata dal razzo vettore Long March 5 già il 24 novembre nella provincia di Hainan. La missione ha restituito alla Terra 1.731 grammi di roccia lunare e suolo, una pietra miliare 44 anni dopo il recupero dell’ultimo materiale lunare.

READ  L'unico fossile di dinosauro conservato è "unico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *