I segreti della lastra di San Belek, mappa dell’area preistorica – rts.ch

I segreti della lastra di San Belek, mappa dell’area preistorica – rts.ch

Come decodificare la tessera San Belek? Gli archeologi hanno avviato nuovi scavi nel Finistère per cercare di scoprire il segreto di questo blocco di scisto, scavato 4000 anni fa e considerato la mappa più antica di una regione d’Europa.

“Stiamo cercando di contestualizzare meglio il ritrovamento, ottenere elementi di datazione e verificare la presenza di eventuali frammenti”, dice in cantiere l’archeologo Yvan Bailer, professore all’Università della Bretagna Occidentale (UBO). Moraine, a Lohan (Finistère), nelle Montagne Nere Bretoni.

Gli archeologi hanno digitalizzato la lastra di San Bellic scoperta a Lohan, nel Finistère. [CNRS]Durante lo scavo di questa tomba, fu scoperta da Paul de Chatelier (1833-1911). Lastra incisa Nel 1900, prima di cadere nell’oblio per più di un secolo: “Non lasciamoci ingannare dalla fantasia, lasciamo che sia Champollion, che un giorno potrà essere ritrovato, a darci qualche lettura”, disse l’allora archeologo. scrisse, riferendosi a Jean-François Champollion, noto per decifrare i geroglifici.

Ivan Bayler e il ricercatore del CNRS Clément Nicolas hanno effettuato questa decrittazione in parte da quando hanno trovato il dipinto, nel 2014, nel seminterrato del Museo Nazionale delle Antichità (MAN) a Saint-Germain-en-Laye (Yvelines). Fin dall’inizio “c’erano alcuni simboli incisi che avevano subito un senso”, come la valle dell’Odette, un fiume costiero, ricorda Evan Byler.

Per confermare la loro intuizione iniziale, i ricercatori hanno effettuato una scansione tridimensionale di questo blocco che misura 2,20 metri per 1,53 metri, per confrontarlo con le mappe attuali utilizzando un metodo statistico. La somiglianza della placca con il terreno attuale raggiunge l’80%: “Abbiamo individuato la rete idrografica, la topografia delle Montagne Nere”, spiega Clément-Nicolas. “Dobbiamo ancora definire tutti i simboli della forma geometrica, la legenda che l’accompagna, i metodi…” In un video dell’Università di Brest, sottolinea: “Ciò costituisce attualmente La più antica mappa preistorica Da una regione riconosciuta in Europa.”

READ  "Partire per Urano significa rischiare grandissime scoperte."

I simboli più misteriosi sono queste numerose piccole cupole, cavità circolari da 1 a 10 millimetri di diametro in cui è perforata la lastra, che potrebbero rappresentare tumuli, abitazioni o anche depositi geologici.

>> Lastra di roccia incisa in 3D di San Belek:

“È una mappa del tesoro.”

Dovremo “rilevare il territorio” per “individuare i luoghi che compaiono sulla mappa”, sottolinea Clément-Nicolas. Il lavoro, dice, “ci richiederà quindici anni buoni”.

Interpretazione di alcune decorazioni incise quali rappresentazione di recinzione, colline e parte del sentiero. [C. Nicolas, Y. Pailler & al. - hal.science]Interpretazione di alcune decorazioni incise quali rappresentazione di recinzione, colline e parte del sentiero. [C. Nicolas, Y. Pailler & al. – hal.science]“Partire dalla mappa per cercare di trovare siti archeologici è un ottimo approccio. Noi non lavoriamo mai in questo modo – sorride Evan Byler – È una mappa del tesoro”. Poiché la lastra si fonde con il paesaggio circostante, “questo dimostra che gli uomini dell’età del bronzo erano in grado di visualizzare”, spiega in un video dell’Università di Brest.

Condotto da viste aeree o a piedi, ciò fornirà prove conclusive del carattere topografico dei rilievi. Ma anche per datare la mappa in modo più preciso: “È la datazione di questi siti che ci darà la possibilità di datare le iscrizioni”, sottolinea Clément-Nicolas.

Nel corso dei lavori effettuati quest’autunno, gli scavi hanno permesso di scoprire una punta di freccia in selce nel tumulo di Saint-Belec, “una delle più grandi tombe dell’età del bronzo in Bretagna”, secondo Yvan Bailer.

READ  Fa più caldo in estate perché la terra è più vicina al sole?

>> Clément Nicolas e Ivan Bayler raccontano la storia della tegola San Bellec:

Cambio di potere?

Sono stati scoperti anche cinque nuovi frammenti iscritti della lastra, che era stata rotta prima di essere riutilizzata come muro della tomba. Questo riutilizzo potrebbe essere il segno di un cambiamento di potere alla fine della prima età del bronzo in Bretagna.

Il lastrone di Saint-Bellec rappresenterà un'area lunga 30 chilometri e larga 21 chilometri in Bretagna. [C. Nicolas, Y. Pailler & al. - hal.science]Il lastrone di Saint-Bellec rappresenterà un’area lunga 30 chilometri e larga 21 chilometri in Bretagna. [C. Nicolas, Y. Pailler & al. – hal.science]

Catasto e marchio di autorità sull’area, la targa incisa rappresenta a Provincia Misurando 30 chilometri di lunghezza e 21 chilometri di larghezza, sarebbe contemporaneo a questi principi dell’Armorica, che governavano “piccoli regni altamente centralizzati senza scrittura”, secondo Clement Nicolas.

Egli osserva che queste “potenti élite” “furono probabilmente rovesciate” e “la mappa incisa non aveva più alcun significato ed era destinata a essere rotta per essere utilizzata come materiale da costruzione”.

Sajak e AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *