I ribelli del Myanmar prendono la città dalla giunta nonostante il cessate il fuoco sostenuto dalla Cina

I ribelli del Myanmar prendono la città dalla giunta nonostante il cessate il fuoco sostenuto dalla Cina

I combattenti delle minoranze etniche che combattono la giunta del Myanmar hanno dichiarato sabato di aver preso il controllo di un centro commerciale nello Stato Shan, pochi giorni dopo che la Cina aveva dichiarato di aver mediato un cessate il fuoco temporaneo.

Emesso il:

1 minuto

Gli scontri infuriano nello Stato Shan, nel nord del Myanmar, da quando l’Esercito di Arakan, l’Esercito dell’Alleanza Nazionale Democratica del Myanmar e l’Esercito di Liberazione Nazionale di Ta’ang hanno lanciato un’offensiva congiunta a fine ottobre.

I tre gruppi alleati – noti come Alleanza delle Tre Fratellanze – affermano di aver sequestrato avamposti militari e posti di frontiera vitali per il commercio con la Cina, ponendo quella che secondo gli analisti è la più grande sfida militare alla giunta da quando ha preso il potere nel 2021.

Lo riferisce Matt Hunt di FRANCE 24


Giovedì Pechino ha annunciato un cessate il fuoco temporaneo tra la NATO e l’esercito del Myanmar. Ci sono stati periodi pacifici nelle aree controllate dal Movimento nazionale per la liberazione dell’Azawad, ma gli scontri sono continuati nelle aree controllate dal Fronte nazionale per la liberazione dell’Azawad e dall’Esercito Arakan.

Il TNLA ha dichiarato di aver catturato Namhsan venerdì dopo aver lanciato un attacco nell’area più di due settimane fa.

“Abbiamo preso il controllo della città”, ha detto all’AFP il generale di brigata Tar Bhun Kyaw. Il TNLA ha pubblicato filmati su Facebook che mostrano i leader del gruppo in visita in città e mentre parlano con i soldati della giunta catturati.

Per saperne di più“Un vero colpo per la giunta”: i gruppi etnici del Myanmar lanciano una resistenza armata senza precedenti

READ  Il matematico pionieristico riceve una laurea honoris causa dalla Heriot-Watt University

Il generale di brigata Zaw Min Tun, portavoce militare del Myanmar, ha detto venerdì all’emittente statale MRTV che i combattimenti continuano intorno a Namhsan.

Secondo Tar Bhun Kyaw del TNLA, l’esercito del Myanmar ha perso anche la zona commerciale lunga 105 miglia, un importante canale commerciale al confine con la Cina nella cittadina di Musa, nello Stato Shan.

In totale, la coalizione di tre gruppi afferma di aver catturato 422 basi e sette città dall’esercito del Myanmar dal 27 ottobre.

L’attacco della coalizione ha galvanizzato altri oppositori della giunta e gli scontri si sono estesi al Myanmar orientale e occidentale. Secondo le Nazioni Unite, più di mezzo milione di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case.

(AFP)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *