I nidi di vespe scoperti in Vietnam si illuminano di verde sotto i raggi ultravioletti | Ultime notizie 24 ore su 24 – leggi il giornale Lao Dong online

Gli scienziati scoprono i nidi calabrone gigante Nella giungla tropicale del Vietnam risplende di un verde esotico sotto la luce UV.

Secondo una ricerca pubblicata il 24 agosto sulla rivista Royal Society Interface, la scoperta è stata fatta per caso da un gruppo di scienziati durante la ricerca della specie. un insetto Fluorescenza sconosciuta in una foresta tropicale nel nord del Vietnam.

Nidi di vespe sotto la luce bianca (a sinistra) e sotto la luce UV (a destra). Foto: Bernd Schulhorn/Università di Parigi

L’autore, il professore di chimica Bernd Schulhorn all’università, ha dichiarato: “Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che la materia biologica contiene una fluorescenza così forte. Per quanto ne so, questo fenomeno non è stato osservato in passato, da ricercatori scientifici o da chiunque altro fotografato. .” Parigi.

Gli alveari sono costituiti da tante piccole cellule esagonali raggruppate insieme, che sono costruite da diverse specie di vespe di carta, tutte appartenenti al genere Polistes.

La parte superiore delle celle esagonali è ricoperta da un cappuccio a bozzolo costituito da fibre morbide che proteggono le larve delle api che crescono all’interno. Gli scienziati hanno scoperto che questi cappelli a bozzolo emettono una forte luce verde se esposti alla luce ultravioletta con lunghezze d’onda comprese tra 360 e 400 nanometri.

Le vespe nidificano sotto la luce del giorno (a sinistra) e di notte sotto l’illuminazione UV (a destra). Foto: Bernd Schulhorn/Università di Parigi

Se esposte alla luce bianca, le coperture del bozzolo cellulare diventano luminose. Gli autori scrivono nel loro rapporto che il bagliore fluorescente verde brillante della cellula inizia ad apparire sotto la normale luce del giorno e di notte sotto la luce UV, la cellula diventa di un verde vibrante, visibile da una distanza di 20 metri.

Gli autori hanno confrontato i nidi di questi calabroni vietnamiti con i nidi di altre due specie di Polistes: uno della foresta pluviale amazzonica della Guyana francese e l’altro della zona temperata della Francia meridionale. Hanno scoperto che tutti i nidi di vespe avevano proprietà di fluorescenza simili, sebbene la loro luminosità fosse leggermente diversa.

READ  È meglio evitare sempre la vaccinazione sullo stesso braccio, ed ecco perché

Nello spiegare il bagliore, gli scienziati affermano che gli alveari luminosi fungono da fari, segnalando alle vespe di tornare al loro nido al tramonto o per contrassegnare l’alveare con nidi di colonie vicine. Un’altra possibilità è che le coperture fluorescenti del bozzolo aiutino a proteggere le larve di vespa dai dannosi raggi UV, che possono disturbare lo sviluppo larvale.

Studi precedenti hanno mostrato che la crescita delle larve di vespa è fortemente influenzata dalla lunghezza relativa del giorno e della notte. Gli autori dello studio affermano che le coperture luminose dei bozzoli possono aiutare a controllare la quantità di luce diurna che raggiunge le larve mentre si impupano.

Tipi di ape Polistes in Vietnam Di solito si riproducono nella stagione delle piogge, da giugno ad agosto, periodo in cui il cielo coperto ha in gran parte impedito alla luce di raggiungere il nido, ma consente comunque il passaggio di alcuni raggi UV.

Nel rapporto, gli autori hanno scritto che facendo illuminare i coperchi dei bozzoli, questa luce ultravioletta residua potrebbe aumentare l’esposizione delle larve di vespa alla luce, che a sua volta influenza il modo in cui si sviluppano.

In studi futuri, gli autori hanno in programma di analizzare la composizione chimica dei composti fluorescenti trovati nei nidi di vespe, per vedere se potrebbero avere utili applicazioni nel campo della biologia e della medicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *