I migliori diplomatici in Egitto e Turchia tengono i primi colloqui al Cairo in un decennio | Notizia

I migliori diplomatici in Egitto e Turchia tengono i primi colloqui al Cairo in un decennio |  Notizia

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry e il suo omologo turco, Mevlut Cavusoglu, hanno affermato che le relazioni diplomatiche saranno portate a livello di ambasciatori “il prima possibile”.

Il ministro degli Esteri egiziano ha affermato che i colloqui con la Turchia sulla possibilità di ripristinare le relazioni a livello di ambasciatori si svolgeranno in un “momento opportuno” durante la prima visita al Cairo del massimo diplomatico turco da quando le relazioni sono state interrotte un decennio fa.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry e il suo omologo turco, Mevlut Cavusoglu, hanno dichiarato sabato in una conferenza stampa congiunta che la Turchia aggiornerà le sue relazioni diplomatiche con l’Egitto a livello di ambasciatori “il prima possibile”.

“Sono molto felice che stiamo compiendo passi concreti per normalizzare le relazioni con l’Egitto… Faremo del nostro meglio per non interrompere nuovamente le nostre relazioni in futuro”, ha detto Cavusoglu.

“Verremo ai colloqui (sul ritorno degli ambasciatori) al momento opportuno, a seconda dei risultati positivi che otterranno”, ha detto Shoukry.

Le relazioni tra Turchia ed Egitto sono state gravemente tese dopo che l’allora capo dell’esercito egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha guidato il rovesciamento di Mohamed Morsi dei Fratelli Musulmani, un alleato di Ankara, nel 2013. Sisi è stato eletto presidente l’anno successivo.

I due paesi sono stati anche in disaccordo negli ultimi anni sulla Libia, dove hanno sostenuto fazioni rivali in un conflitto irrisolto, così come sui confini marittimi nel Mediterraneo orientale ricco di gas.

Cavusoglu ha detto sabato che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e Sisi si incontreranno “dopo le elezioni turche”, comprese le elezioni presidenziali previste per il 14 maggio, segnando la fine di un decennio di allontanamento tra i due Paesi.

READ  Budget 2023: il governo rimuove il costo delle prescrizioni finanziate e mira a tagliare le liste di attesa per gli interventi chirurgici

Le relazioni diplomatiche “rimangono basse”

In un reportage da Istanbul, Rasul Sardar di Al Jazeera ha affermato che due questioni intrecciate devono ancora essere risolte nelle relazioni egiziano-turche.

“C’è la promessa di ristabilire le relazioni, ma le relazioni a livello diplomatico sono ancora molto scarse”, ha detto Sardar, osservando che le posizioni opposte dei due paesi sulla Libia e sul Mediterraneo orientale sono i principali punti critici.

La Turchia e l’Egitto sostengono schieramenti diversi. La Turchia sostiene il governo riconosciuto a livello internazionale con sede a Tripoli [in Libya] Mentre l’Egitto sostiene Bengasi e Khalifa Haftar e il suo esercito lì.

La Libia ha visto poca pace dalla rivolta sostenuta dalla NATO del 2011 che ha rovesciato Muammar Gheddafi, ed è stata divisa nel 2014 tra fazioni orientali e occidentali rivali, attingendo alle potenze regionali.

“Nel 2019 è stato formato l’Eastern Mediterranean Gas Forum… ma la Turchia è stata intenzionalmente esclusa. In risposta, la Turchia ha firmato un accordo marittimo con il governo di Tripoli.

Le consultazioni tra alti funzionari del Dipartimento di Stato sono iniziate ad Ankara e al Cairo nel 2021 nel mezzo di un tentativo turco di allentare le tensioni con Egitto, Emirati Arabi Uniti, Israele e Arabia Saudita.

Come parte di quella riconciliazione iniziale, Ankara ha chiesto ai canali televisivi dell’opposizione egiziana operanti in Turchia di attenuare le loro critiche all’Egitto.

Morsi è morto in prigione in Egitto nel 2019. Altri membri di spicco dei Fratelli Musulmani sono stati imprigionati in Egitto o sono fuggiti all’estero e il gruppo rimane bandito.

Il mese scorso, Shoukry ha visitato la Turchia in segno di solidarietà dopo i terribili terremoti che hanno ucciso più di 50.000 persone in Turchia e in Siria.

READ  Salgın yok 3 gün dua edin geçer

Il governo egiziano, che sta lottando per gestire una grave carenza di valuta estera, ha affermato che le società turche hanno impegnato 500 milioni di dollari in nuovi investimenti in Egitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *