i guardiani della dinastia / SOFOOT / Special issue Italy / SOFOOT.com

“Il segno del fuoriclasse è forse poi sapere proprio come uscire da questi brutti momenti, alzare la testa apprezzando tutti i piccoli sforzi quotidiani, tutti i progressi fatti giorno dopo giorno. ” Davanti ad un pubblico conquistato, come riportato Calcio Francia nel settembre 2003, Dino Zoff rievoca il doloroso ricordo della partita da incubo del Mundial 1978 dove la sua responsabilità fu impegnata sui due gol olandesi che privarono il La squadra azzurra della finale (2-1). Sul grande palco del Festival Teatrale di Benevento dove è accompagnato da un pianista, il grande Dino incanta il pubblico. Evoca, con immagini video e foto della sua carriera proiettate sullo sfondo, la versatilità del destino che lo ha fatto passare dalla vergogna nazionale nel 1978 a un eterno eroe del mondo spagnolo. L’11 luglio 1982, il capitano Dino Zoff, 40 anni, sollevò il Mondiale vinto con la sua Fratelli d’Italia contro la RFT (3-1)… Quale Paese oltre all’Italia potrebbe celebrare un grande calciatore in un luogo culturale così prestigioso? Va detto che Dino Zoff, Il mito (Il Mito), personifica nello sport-re la grandezza dell’animo italiano fatto di gloria e umiltà nel post così simbolico, laggiù, di portiere.

Un posto regale

Dall’altra parte delle Alpi, il facchino è colui che “Guarda la porta” . La porta della casa, della famiglia e un po’ anche della patria. Non è certo un caso che Gigi Buffon venga improvvisamente preso da una trance patriottica ogni volta che canta ad alta voce il Fratelli d’Italia ! Questa sacra missione, l’aveva manifestata chiaramente quando aveva battuto il record di imbattibilità della Serie A nel marzo 2016 (973 minuti) attraverso la sua sorprendente poesia dedicata al suo gol: “Più di venticinque anni fa ho fatto un giuramento: ho giurato di proteggerti. Per prendermi cura di te. Uno scudo contro tutti i tuoi nemici. Ho sempre pensato al tuo benessere, mettendolo al primo posto, anche davanti al mio. ” Capiamo perché, con il suo rivoluzionario blocco alto che lascia ampi spazi dietro le spalle dei difensori rossonero, Arrigo Sacchi aveva spaventato il calcio italiano a metà degli anni ’80: come osava la sua squadra andare all’avventura abbandonando alle spalle la casa consegnata ai contro avversari e protetta solo dal suo facchino ?

Indubbiamente campione del mondo alla canonica età di 40 anni, Dino Zoff ha incarnato il buon padre, l’uomo saggio e maturo che protegge e rassicura. Quello che faceva anche della sobrietà e dell’efficienza una delle caratteristiche principali dello stile italiano, talvolta alterato dagli estrosi Albertosi, Zenga o Peruzzi. “Ho sempre pensato che il portiere ideale non è quello che fa miracoli e poi commette qualche errore, professo Dino in Calcio Francia. Regolarità e costanza rappresentano qualità più importanti. ” Dall’altra parte delle Alpi, nessuno ha dimenticato che il trionfo del 1982, ingigantito dalle sei reti di Paolo Rossi, si è giocato anche alla fine della dantesca Brasile-Italia (3-2) dove Super Dino aveva mostrato stesso di essere un olimpionico. Il Selezione stava spingendo per pareggiare sul 3-3, un pareggio di qualificazione, quando Oscar catapultò la palla sulla linea con un potente colpo di testa. “I brasiliani urlavano tutti al gol: tenendolo fisso a terra ho fugato gli ultimi dubbi, ha raccontato. Forse è stato allora che abbiamo vinto la Coppa del Mondo. ”

READ  Lamorgese: “I decreti Salvini hanno creato insicurezza. Nizza? Nessuna colpa ”. Il capo della Lega: "dimettersi"

In un paese rinomato per l’indiscussa tradizione di eccellenza dei suoi portieri – a lungo rivaleggiati dalla grande scuola russa – la parata di Zoff contro il brasiliani fa parte dell’antologia di altre azioni di “Custodi” indimenticabile La squadra azzurra. Prima di lui, Aldo Olivieri ha salvato la patria con un fenomenale rilassamento contro la Norvegia durante i Mondiali del 1938, vinti in Francia. Enrico Albertosi respinse un colpo di testa inarrestabile di Uwe Seeler nella Partita del secolo in Messico 1970, Italia-FRG (4-3 AP). Ad Amsterdam 10 italiani contro 11 arancione, Francesco Toldo aveva annientato tutti gli assalti avversari nelle semifinali di Euro 2000 parando un rigore e due tiri in porta (0-0, 3 TAB a 1). A Berlino, è stato un tocco decisivo di Gigi Buffon su un colpo di testa di Zidane nella finale dei Mondiali 2006 che aveva rovinato le speranze francesi e forse aveva anche contribuito a far impazzire Zinédine Zidane. L’estate scorsa è stato il giovane 22enne Gianluigi Donnarumma a subentrare alle scuole tedesche (Neuer, Ter Stegen) e brasiliane (Ederson, Alisson) il magistero mondiale da loro contestato a Gigi Buffon. A Wembley, il milanese diventato parigino è stato infatti il ​​vero eroe del nazionale, o anche la competizione, facendo trionfare la sua famiglia grazie alle sue tante parate, e in particolare quelle fatte durante i turni di rigore nell’intervallo, contro la Spagna (1-1, 4 TAB a 2), poi in finale, contro l’Inghilterra ( 1-1, 3 TAB a 2).

Numero 1 dentro e fuori dal campo

Nel calcio italiano, ed in particolare all’interno del nazionale, l’arte di difendere ha sempre associato grandi difensori e grandi portieri. Dopo tutto, il facchino è inseparabile da catenaccio : impossibile immaginare una serratura senza porta… Ai grandi portieri molto spesso è stata affidata la fascia di capitano della selezione. Una tradizione notata dalla prima incoronazione mondiale nel 1934 con il leggendario portiere Juventus Gianpiero Combi e perpetuata da Lorenzo Buffon nel 1962 (prozio di Gianluigi). Ma è stato ancora Dino Zoff a santificare il doppio registro di facchino e Capitano a partire dal nazionale (59 volte), diventando nel 1982 l’unico Azzurro di aver vinto gli Europei (nel 1968, capitano allora Facchetti) e i Mondiali nel 1982. Super Dino detiene ancora il record mondiale di invincibilità nella selezione avendo mantenuto la porta inviolata per 1142 minuti tra il 1972 e il 1974, che gli valse lui la prima pagina di Settimana delle notizie e secondo posto nel Pallone d’Oro 1973 dietro Cruyff. Con le sue 176 selezioni, di cui 80 volte con la fascia (record nazionale), Gigi Buffon ha perpetuato due tradizioni all’interno della Squadra. Quella del portiere, dunque, che Pagliuca, Peruzzi, Sirigu o anche Donnarumma hanno assaggiato una o due volte, e anche la sua appartenenza alla Juventus. Il Juventini Buffon, Combi e Zoff hanno confermato nel tempo, e in una posizione cruciale, tutto quello che nazionale deve il suo club di matrice storica in termini di successo internazionale …

READ  In Italia un uomo chiede il carcere invece di scontare la pena a casa

Non deve quindi sorprendere che, forte del prestigio dei suoi portieri, l’Italia rimanga quasi l’unico grande paese calcistico (oltre a Leão con il Selezione o Raymond Goethals con il Belgio) per aver affidato le chiavi della sua selezione a un ex portiere. L’ungherese Lajos Czeizler aveva allenato gli italiani ai Mondiali del 1954. Anche Dino Zoff è stato nominato allenatore nel luglio 1998. La sua reputazione di probità e competenza acquisita alla Lazio come allenatore e poi presidente è stata unanime quando è stato nominato in seguito. torneo internazionale. Il suo ex-post di “portiere” funge anche da garanzia di stabilità in un’Italia ancora un po’ disordinata politicamente e calcisticamente. Il suo straordinario incarico, normalmente in carica fino al 2002, si è concluso con la finale di Euro 2000 persa con un golden goal contro la Francia. Subito dopo la partita persa per un pelo, i vili attacchi di Silvio Berlusconi (“Non puoi lasciare che Zidane agisca liberamente come vuole. Non è degno di un allenatore professionista!”) aveva provocato le dimissioni immediate del grande Dino! Paradossalmente, questa stigmatizzazione di la sua distribuzione Nello stesso tempo ha rafforzato la statura di assoluta rettitudine morale di Dino Zoff, molto apprezzato dal popolo italiano, così come ha ricordato che questo stesso popolo è spesso incline a trasformare i propri amati tutori in perfetti capri espiatori. Non abbiamo mai veramente perdonato Galli per il gol di Maradona al Mundial 1986 e Zenga per il gol di Caniggia sulla sua mancata uscita nei Mondiali 1990 in casa…

Grande, all’avanguardia e duraturo

Grazie ai suoi due grandi portieri, Barthez e Lama, la vittoria dei Blues di Lemerre a Rotterdam dopo il trionfo della Francia nel 1998 aveva seriamente minato la straordinaria leadership dei portieri italiani negli anni 90. Walter Zenga (detentore del record di invincibilità nel Mondiale con 517 minuti, nel 1990), Sebastiano Rossi (alto rosso nero, ma mai convocato per la squadra italiana!), Gianluca Pagliuca, Luca Marchegiani, Angelo Peruzzi, Francesco Toldo … Al loro apice, tutti erano giustamente considerati tra i migliori al mondo. Ed è proprio uno di loro, Gianluigi Buffon, che riporterà la Scarpa ai vertici della disciplina e magnificherà la grande scuola italiana dei portieri diventando al termine dei Mondiali 2006 il numero uno planetario, se non il più grande . tutto il tempo! Dagli anni ’90, l’innovazione clamorosa dello stile italiano si è illustrata prima a livello fisico, con questi ragazzi enormi che hanno superato quasi tutti il ​​metro e novanta (tranne Peruzzi, 1.81 m). Un trend poi continuato nella selezione con Abbiati (1,91 m), Sirigu (1,92 m) o Donnarumma (1,97 m).

READ  Imminenti partenze alla guida di Generali

L’altro punto di forza dei portieri transalpini è stato il rapido adattamento al gioco dei calci resosi necessario dal divieto del 1992 di afferrare palla su retropassaggio. Pagliuca si distinse in questo settore. Proprio come il suo follower Gigi Buffon: “Le modifiche alle regole non mi hanno sorpreso, le avevo anticipate, ha affettato Calcio Francia. Il fatto, ad esempio, di giocare di più con il portiere, di averlo coinvolto non mi poneva problemi perché già in cadetti o in primavera avevo un approccio piuttosto innovativo al ruolo. Potrei fare il libero e moltiplicare gli interventi ai piedi. ” Il personaggio leggendario dei grandi guardiani del Squadra Merito infine della loro straordinaria longevità ai massimi livelli, che siano passati (Zoff, Buffon o Peruzzi, portiere sostituto del Mondiale 2006 a 36 anni) o che vengano, con Donnarumma. “Con un Buffon sempre più invecchiato, eravamo preoccupati per il futuro, respira il giornalista italiano Simone Rovera. E poi è arrivato Gianluigi Donnarumma. Improvvisamente, con noi, molti considerano che nella selezione siamo tranquilli in questa posizione da 20 anni. ” Gigio ha dunque davanti a sé il futuro per eguagliare Dino Zoff vincendo l’Euro (è fatta) e il Mondiale. è giocabile…

di Chérif Ghemmour

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *