I colori nelle foto di James Webb sono sbagliati, ma c’è una spiegazione per questo

Dopo aver visto le immagini scattate dal James Webb Space Telescope qualche giorno fa, potresti esserti chiesto come sarebbe essere vicino a questi corpi celesti. Enormi galassie multicolori con una trama filamentosa color argilla che compongono la Nebulosa Carina. Favoloso, vero? Ma, E se ti dicessimo che questi colori sono completamente sbagliati?

Prima che emergano teorie del complotto, sia chiaro, avrai il tempo di trarre le tue conclusioni. La verità è che lo sappiamo Gli scienziati hanno un’ottima ragione per “mentirci”. Dai colori che hanno mostrato, che vanno dai modelli di ricerca alla relazione tra Nasa L’apprezzamento umano della bellezza.

Tutte le immagini pubblicate e che si verificano nello spazio, Sottoporsi prima a un trattamento di alta qualità. Sì, come un iPhone o qualsiasi altro smartphone quando si scatta una foto, ma questa volta l’elaborazione è più precisa e specifica. Dopotutto, gli scienziati faranno affidamento su queste immagini per studiare le migliaia e migliaia di corpi celesti che studiano ogni anno.

Come sono fatte le foto di James Webb?

Le immagini sono state catturate dal telescopio James Webb rilevando i dati nello spettro infrarosso. Questo tipo di radiazione, detta anche radiazione termica, Ha una lunghezza d’onda facile da immaginare di luce. Quest’ultimo punto è vero se hai un’attrezzatura specializzata o se sei il tipo di animale che ha la capacità di vedere in questo spettro.
Tra questi ci sono serpenti e animali che sono in grado di vedere nello spettro infrarosso. D’altra parte, gli esseri umani non hanno queste capacità. Infatti, La nostra capacità di rilevare la luce usando l’occhio è molto limitata Potendo vedere solo ciò che chiamiamo ‘luce visibile’. Solo una piccola percentuale dell’intero spettro.
Questo significa che i corpi celesti emettono solo radiazioni infrarosse? La risposta breve è no. Tuttavia, c’è un “ma”. Tutto dipende da quanto sei lontano dall’oggetto.

READ  Gli studi confermano che il NIF ha già raggiunto la soglia di accensione

Il comportamento della luce e l’espansione dell’universo

Siamo sicuri che tu abbia sentito che l’universo è in continua espansione. Questo è ovviamente vero a causa di queste grandi distanze che si allargano, La luce visibile che ci raggiunge dagli oggetti nello spazio è molto debole. È così debole che spesso non riusciamo a vederlo, anche se ingrandiamo con i nostri potenti telescopi, ma qualcosa sta arrivando, ed è la luce infrarossa. Vedete, mentre la luce viaggia e si espande da una galassia all’altra mentre l’universo si espande, Subisce un processo chiamato “redshift”. Questo fenomeno può essere descritto come la conversione della luce visibile in luce infrarossa, in questo caso, a causa dell’espansione dell’universo. Oggetti come la Nebulosa Carina si trovano nella nostra galassia, e quindi sono abbastanza vicini che la loro luce non soffra di spostamento verso il rosso. Tuttavia, altre galassie sono lontane e sempre più lontane, motivo per cui gli scienziati hanno una missione Prendi questi dati a infrarossi e mettili in una forma che i nostri occhi umani possano apprezzare per eccellenza. Per fare ciò, James Webb acquisisce immagini diverse a lunghezze d’onda diverse, assegnando il blu al più corto, il rosso al più lungo e altri colori a quelli intermedi. Unendoli tutti, otteniamo le immagini che ci sono state mostrate.

James Webb

Ragioni di questo trucco

Ci sono diverse ragioni per questo. Il primo è generare varianze sotto forma di colori, È più appropriato studiare questi cadaveri. Ciò rende più facile per ricercatori e scienziati analizzare le immagini ottenute. Inoltre, possono evidenziare cose interessanti.
L’altro motivo è più controverso. In qualche modo ricercatori e scienziati I risultati dovrebbero essere mostrati al resto della popolazione. Il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo è utilizzare colori belli e accattivanti che ci facciano pensare a ciò che ci circonda. Dopotutto, una foto in bianco e nero con simboli e numeri illeggibili probabilmente non avrebbe suscitato tanto scalpore come le prime fotografie di James Webb.
È uno dei risultati più impressionanti della storia. Combinando due funzioni che molti considerano inconciliabilmente incompatibili: arte e scienza.

READ  Un'incredibile scoperta storica per l'umanità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.