I campioni prelevati dall’asteroide Ryugu sono più unici del previsto

I campioni prelevati dall’asteroide Ryugu sono più unici del previsto

L’asteroide Ryugu ha molto in comune con i meteoriti più rari che sono considerati i più primitivi del sistema solare. Le prime analisi mostrano campioni più perfetti e unici di qualsiasi cosa potessimo sperare.

Quando la sonda Hayabusa 2 ha lasciato la direzione asteroide Ryugu per recuperare alcuni pezzi, le speranze erano alte. L’obiettivo, noto per essere un asteroide molto primitivo, era di dirci di più sugli inizi di sistema solare. Alla fine, i risultati hanno superato le aspettative, secondo Uno studio pubblicato sulla rivista Scienza 9 giugno 2022.

Le prime analisi dei campioni raccolti a dicembre 2020 hanno mostrato che il campione era rappresentativo dell’intero asteroide, il che significa che è affidabile e non corrisponde a una regione leggermente distante dalla stella. Ora, questo nuovo studio più approfondito rivela che Ryugu sarà in realtà molto vicino meteoriti Condrite carboniosa di tipo CI. Per le persone che non sono esperte di meteoriti, questo non è impressionante a prima vista, ma per gli specialisti è particolarmente interessante.

Ryugu. // fonte : Flickr/CC/Kevin Gill (foto ritagliata e modificata)

Per raggiungere questa conclusione, sono state necessarie diverse tecniche per analizzare i campioni raccolti da Hayabusa 2. I grani sono stati passati attraverso un microscopio elettronico, raggi X e spettrometria di massa al plasma, un metodo in grado di trovare quantità molto deboli del metallo e ionizzazione la superficie. Analisi molto accurate sarebbero state inimmaginabili se il compito fosse stato una semplice osservazione senza restituire campioni.

È stata una sorpresaNumerama racconta una delle autrici dello studio, Laurette Piani, specializzata in meteoriti all’Università della Lorena a Nancy. Ci sono molti tipi di condriti che non ci saremmo mai aspettati fossero di questo tipo particolare, che è molto speciale. »

READ  Per la prima volta, i fisici rilevano segni di neutrini al Great Hadron Collider

Miglior campione dal 1864

Le condriti sono così chiamate perché sono costituite da condriti, cioè piccole sfere di silicato che rappresentano fino al 90% della loro sostanza. Le condriti carboniose vengono mescolate alla matrice (solfuri, composti organici, minerali idrati, ecc.) in granuli finissimi, e si suddividono in diverse classi a seconda della quantità di matrice presente nella loro composizione.

I tipi di condriti CI sono leggermente diversi, perché non hanno quasi cartilagine e fino al 95% sono matrice. Sono molto richiesti, perché ne abbiamo pochissimi. La loro composizione li rende estremamente friabili e rari sono quelli che atterrano sulla Terra senza bruciarsi completamente nell’atmosfera. Peggio ancora, se mai toccassero terra, sarebbero rapidamente distrutti dagli elementi.

“Il modo migliore per ottenerlo, Lorette conferma la mia affermazione, È vederne uno cadere e andare a prenderlo subito! Il che richiede molta fortuna. Oggi sono stati scoperti 17 chilogrammi di questo tipo di meteorite, che sono pochissimi, soprattutto sapendo che la maggior parte proviene da un meteorite trovato a Orgueil, nel Tarn-et-Garonne, nel 1864.

Il meteorite Orgueil, una condrite CI caduta in Francia nel 1864
Orgueil meteorite, condrite CI caduto in Francia nel 1864. Fonte: Museo Nazionale di Storia Naturale, Parigi

Se le condriti CI sono molto ricercate, è per la loro rarità, ma anche perché sono considerate le più “perfette” del sistema solare. Si sono formati lontano da Sole, in un’area ricca di acque glaciali e di sostanza organica, prima della migrazione in prossimità della terraferma. ” Sospettavamo che Ryugu fosse nato nel sistema solare esternoCome dice Lorette Beanie, Ma le probabilità che fosse questo tipo di condrite erano basse. »

Queste stelle hanno una forte somiglianza con la nebulosa solare: hanno gli stessi elementi e per questo motivo vengono utilizzate come misuratore standard per determinare se altri campioni sono arricchiti o impoveriti in determinati elementi. In altre parole, le condriti CI sono costituite dagli stessi elementi che erano presenti quando è stato creato il sistema solare.

READ  Gli astronomi osservano da vicino l'epica esplosione

Perfetto Ryugu

Ciò significa che gran parte della petrologia, lo studio dei metamorfismi rocciosi, si basa sulla composizione di queste condriti. E se Ryugu è uno di loro, è un enorme passo avanti. Le condriti CI sono rare e sono state trovate da molto tempo, le cui analisi possono essere inaffidabili. I metodi di analisi a quel tempo non erano gli stessi di oggi e potrebbero essere cambiati nel corso degli anni. Comunque Ryugu è perfetto, i suoi esemplari sono stati molto ben conservati da quando sono stati raccolti per evitare qualsiasi contaminazione di questo tipo.

Laurette Piani aggiunge: “ Abbiamo trovato alcune differenze tra Ryugu e altre condriti CI. In particolare avendo un po’ meno acqua. Potrebbe significare che Ryugu è stato riscaldato dal sole e ha fatto evaporare parte dell’acqua. O il materiale sulla Terra è cambiato?. »

I campioni raccolti sono in quantità troppo piccola per determinare una nuova misura standard delle condriti, ma il loro studio è utile per saperne di più sulle condizioni che prevalevano nel primo milione di anni del sistema solare. Attualmente è impossibile datare con precisione Ryugu, ma i campioni raccolti si sono formati appena 5 milioni di anni dopo la nascita del sistema solare. Gli studi futuri dovrebbero restringere ulteriormente la linea temporale per darci un’idea più precisa dell’età di Ryugu, ma quello che è certo è una testimonianza essenziale degli inizi del nostro mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *