Hubble trova il gemello cosmico del misterioso nono pianeta del sistema solare

  • Il telescopio Hubble della NASA fornisce 14 anni di dati sull’esopianeta HD106906 b.
  • Mostra uno strano comportamento lungo la sua orbita a una distanza di 336 anni luce dalla Terra.
  • Gli scienziati ritengono che i dati di un esopianeta possano spiegare cosa è successo al nono pianeta, che è potenzialmente nascosto nel nostro sistema solare.

Quanti pianeti ci sono nel nostro sistema solare? Potresti pensare che ci fosse una risposta chiara che hai imparato all’asilo, ma il numero oscilla tra 8 e 9, a seconda che tu accetti Plutone come abbastanza grande per un pianeta. Ma c’è un altro misterioso pianeta che potrebbe essere in agguato ai margini del sistema solare – il cosiddetto “nono pianeta”. Tutto ciò che sappiamo è attraverso l’inferenza, a cui si è arrivati ​​giudicando gli effetti che questo potenziale pianeta potrebbe avere sui suoi dintorni. Ora, per la prima volta, gli scienziati hanno misurato il movimento di un enorme esopianeta in un diverso sistema solare che potrebbe mostrare un comportamento simile a quello del presunto nono pianeta.

Pianeta extrasolare HD106906 b Si trova a 336 anni luce dalla Terra. Con una massa fino a 11 pianeti, orbita attorno a un sistema stellare binario. Gli scienziati l’hanno scoperto per la prima volta nel 2013, ma grazie alla NASA ora sono in grado di ottenere informazioni molto migliori sulla sua orbita Telescopio spaziale Hubble. In effetti, Hubble ha raccolto 14 anni di dati accurati sull’esopianeta, che ha reso disponibile una vasta gamma di nuove intuizioni.

L’esopianeta si trova molto lontano dalle sue stelle ospitanti, 730 volte dalla Terra al Sole. Mentre la sua lenta orbita di 15.000 anni non consentirebbe normalmente un’osservazione molto decisiva in soli 14 anni, il team di Hubble ha scoperto che la sua orbita era molto ripida, sia essa inclinata o allungata, e rimane fuori da un disco di detriti che circonda le due stelle.

READ  Per correggere un errore, i fisici nucleari stanno migliorando l'accuratezza degli studi sui neutrini

Meiji Nguyen dell’Università della California, Berkeley, che ha condotto lo studio, ha commentato quanto sia strana l’orbita di un esopianeta:

“Per evidenziare perché questo è strano, possiamo semplicemente guardare il nostro sistema solare e vedere che quasi tutti i pianeti giacciono sullo stesso piano”, Reciproco Nguyen. “Sarebbe strano, per esempio, che Giove fosse inclinato di 30 gradi rispetto al piano attorno a cui orbita attorno a ogni altro pianeta. Questo solleva ogni tipo di domanda su come HD 106906 b sia finito così lontano in un’orbita così inclinata”.

Lo strano esopianeta che assomiglia al tanto atteso “Nono pianeta”

Come ha fatto questo pianeta a sviluppare un’orbita del genere? Gli scienziati pensano che probabilmente si sia formato vicino alle stelle ospiti, ma le nuvole dal disco di gas del sistema potrebbero averne influenzato l’orbita. Questo avrebbe potuto spingerlo più vicino alle stelle gemelle, la cui attrazione gravitazionale le ha spinte in un’orbita eccentrica, quasi nello spazio interstellare. Come il team Hubble comunicato stampa Dimostra che una stella transitoria potrebbe aver rettificato l’orbita di un esopianeta e impedirgli di lasciare del tutto il sistema di origine.

Questa spiegazione è simile a ciò che gli scienziati si aspettano spingerebbe un potenziale Pianeta Nove ai margini del nostro sistema solare, oltre la fascia di Kuiper. Potrebbe aver colpito Giove nella sua orbita, espellendolo dal sistema solare interno. Il pianeta nove potrebbe aver continuato a superare Plutone, ma una stella di passaggio potrebbe averlo fermato cambiando la sua orbita.

Paul Callas dell’Università della California, Berkeley, un membro del team di Hubble, ha commentato che analizzare quello che è successo agli esopianeti HD106906 b è come indagare sul nostro passato.

READ  Uno studente indiano vince la NASA Moon To Mars App Development Challenge, e questa è l'app realizzata dal suo team

“È come se avessimo una macchina del tempo per il nostro sistema solare risalente a 4,6 miliardi di anni fa per vedere cosa sarebbe successo quando il nostro giovane sistema solare fosse stato dinamicamente attivo e tutto fosse stato spostato e riorganizzato”, mettere Cerimonia.

Questa immagine, scattata dal telescopio spaziale Hubble, mostra una possibile orbita (tramite un’ellisse tratteggiata) dell’esopianeta HD 106906b.

Fonte: NASA, Agenzia spaziale europea, M. Nguyen (Università della California, Berkeley), RD Rosa (Osservatorio europeo meridionale), b. Calas (Università della California, Berkeley e City Institute)

Ovviamente, niente di tutto questo significa che abbiamo già trovato il Pianeta Nove, se esiste. La prova della loro natura fisica include lo strano comportamento di piccoli oggetti spaziali oltre Nettuno, le cui orbite inspiegabili potrebbero essere il risultato dell’essere influenzati dall’attrazione gravitazionale di un pianeta invisibile.

Ulteriori indagini sulla formazione e sul sistema di detriti dell’esopianeta HD106906 b saranno condotte da Telescopio spaziale James Webb, Verrà lanciato nell’ottobre 2021. Promette di somigliare maggiormente allo straordinario sistema di un esopianeta e, quindi, al nostro puzzle del pianeta nove.

Controlla il Scheda della squadrapostato su Il The Astronomical Journal.

Impressione artistica del “nono pianeta”, che potrebbe essere nascosta

Credito: ESA / Hubble, M. Kornmesser

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *