Ha esortato i paesi del Sud del mondo ad armonizzare i quadri normativi relativi alla biotecnologia

Ha esortato i paesi del Sud del mondo ad armonizzare i quadri normativi relativi alla biotecnologia
GA tal fine è stato chiesto ai paesi del Sud del mondo di armonizzare i propri approcci normativi Biotecnologia E Nuove tecniche di allevamento.

Kenia Autorità nazionale per la biosicurezza (NBA) CEO, il Dott Roy Mugera, Ha affermato che molti paesi del Nord del mondo hanno adottato un approccio comune alla regolamentazione di queste nuove tecnologie. Il Sud del mondo deve imparare da loro e seguirne l’esempio.

“Il Regno Unito, ad esempio, ha adottato una legislazione basata sui metodi da noi adottati”, ha affermato Mugera.

Credito: Manyara Kinoti

Ha parlato al seminario sulla cooperazione sud-sud per l’innovazione a Nairobi, in Kenya, il 23 agosto 2023.

Il workshop di tre giorni è ospitato dall’Alliance for Science (AfS) in collaborazione con l’Amministrazione nazionale argentina per la bioeconomia e la FAO Autorità nazionale per la biosicurezza del Kenya.

Credito: Manyara Kinoti

Riunisce più di 40 funzionari tecnici e politici provenienti da Africa, America Latina e Asia con un ruolo politico o operativo forte e attivo nello sviluppo o nell’attuazione di regolamenti relativi alle tecnologie agricole innovative emergenti.

Direttore globale per la politica dell’Alliance for Science, Pablo Orozco. Credito: Manyara Kinoti

Mugera ha affermato che Kenya e Argentina sono all’avanguardia nell’identificazione di approcci normativi basati sulla scienza per le nuove tecnologie per bilanciare la promozione dell’innovazione garantendo al tempo stesso la sicurezza nella bioinnovazione.

Prenderà l’approccio argentino all’editing genetico come caso di studio e discuterà di come i governi possono prendere decisioni per consentire agli scienziati locali di sviluppare nuove idee per affrontare la sicurezza alimentare, la biodiversità e la crisi climatica.

Mugera ha affermato che il workshop si inserisce nel contesto dell’enorme sviluppo della bioinnovazione e dei suoi quadri normativi.

“Ad esempio, l’editing del genoma offre possibilità senza precedenti per la bioinnovazione”, ha affermato.

READ  Vogliono riportarli in India
Pablo Afs png
Direttore globale per la politica dell’Alliance for Science, Pablo Orozco. Credito: Manyara Kinoti

Pablo OrozcoDirettore globale della politica Alleanza per la scienzaHa affermato che uno degli obiettivi del workshop è quello di creare uno spazio per condividere la conoscenza sugli approcci normativi all’editing genetico che promuovono l’innovazione locale.

Secondo lui ci sono molte lezioni che i paesi del Sud del mondo possono imparare gli uni dagli altri su come regolamentare le nuove tecnologie.

Promuovere una maggiore cooperazione

“I paesi del Sud del mondo sono meno uguali a livello globale se non si uniscono. Ci siamo sempre raggruppati in regioni come Africa, America Latina, Asia o Sud-Est asiatico.

“Ma ora stiamo promuovendo una maggiore collaborazione in tutto il mondo in modo che possiamo imparare gli uni dagli altri e capire come sfruttare al massimo le tecnologie che si stanno accumulando nei nostri paesi”, ha affermato Orozco.

Il direttore esecutivo dell’Alleanza scientifica, la dott.ssa Sheila Ochugbogo. Credito: Manyara Kinoti

medico Sheila OchugbogoIL Alleanza per la scienza ha detto l’amministratore delegato la disinformazione sulle biotecnologie è diffusa I paesi del Sud del mondo devono unirsi per dissiparlo.

“La disinformazione è come uno tsunami, quindi ne parliamo. In futuro ci vedrete anche parlare molto di disinformazione sulla salute globale e sulla comunicazione sanitaria in generale”, ha affermato il dottor Ochugbogo.

Un 2022 Stare di Alleanza per la scienza hanno dimostrato che circa un quinto della copertura mediatica africana sugli OGM conteneva disinformazione.

Il workshop si terrà a margine dell’Associazione dei docenti di diritto ambientale nelle università africane (ASSELLAU) 5 Conferenza scientifica e assemblea generale a Nairobi.

parlando al workshop, Il professor Hamoudi Magamba da Università di Dar es SalaamLa School of Law in Africa ha affermato che ogni paese africano sta lottando per sviluppare le proprie normative sulla biotecnologia, mentre i blocchi regionali come la Comunità dell’Africa orientale (EAC), Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe (SADC) f Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) dice la stessa cosa.

READ  Wintry temperature possible, southern Wisconsin this weekend

sfruttamento delle risorse genetiche

Ha detto che questo crea il potenziale per un conflitto tra le normative.

Nella Comunità dell’Africa orientale, lì Tensione tra Kenya e Tanzania Dopo il governo keniano consenso Il professor Magamba ha detto: “La coltivazione e l’importazione di colture geneticamente modificate esiste la possibilità che arrivino in Tanzania, che non l’ha legalizzata”.

Credito: Manyara Kinoti

Durante la conferenza ASELLAU è stato dimostrato che solo sette paesi africani Ha delle leggi Regolazione degli organismi geneticamente modificati.

studi Indica che l’attuazione delle norme sulla biosicurezza e sulla sicurezza degli alimenti e dei mangimi è fondamentale all’interno di un quadro internazionale più ampio che influisce sulla disponibilità e sull’uso delle risorse genetiche nell’alimentazione e nell’agricoltura.

Mugera ha affermato che lo sviluppo della biotecnologia deve andare di pari passo con la comunicazione per facilitare lo sviluppo di politiche e leggi informate.

Ha affermato che esistono molte sfide e opportunità legate alla comunicazione delle politiche e dei regolamenti riguardanti le nuove tecnologie di allevamento.

Approccio all’organizzazione basato sulla percezione

“Abbiamo l’opportunità di imparare cosa ha funzionato e cosa no quando abbiamo collegato queste tecnologie. Il problema con cui abbiamo a che fare oggi è che lo sviluppo delle tecnologie ha preceduto le comunicazioni, il che ha portato alla disinformazione.

“Vogliamo farlo bene questa volta in modo da poter comunicare man mano che la tecnologia si evolve e mentre concettualizziamo gli approcci alla regolamentazione.”

Ha affermato che i paesi dovrebbero superare la sovrapposizione della percezione pubblica dei nuovi strumenti di selezione, tra cui l’editing genetico e la modificazione genetica, poiché le persone ancora non capiscono la differenza.

“Ci sono molte aree grigie intorno a questo. Di conseguenza, alcuni paesi hanno adottato un approccio alla regolamentazione basato sulla percezione, in cui le normative hanno combinato l’editing del genoma con la tecnologia di modificazione genetica all’interno dello stesso quadro normativo.

READ  Sibiř v plamenech. V Rusku se šíří zničující lesní požáry

Formato standard per riferimento

Un’altra sfida è stata la diversità della terminologia utilizzata nei trattati non tradizionali.

“Diciamo costantemente editing genetico, editing genomico, nuovi strumenti riproduttivi, ma dobbiamo avere un formato standardizzato per riferirci a queste tecnologie nuove ed emergenti a fini di comunicazione ed evitare l’espressione che ho visto in molte occasioni che questo è più sicuro degli OGM”, ha affermato.

Godfrey Ambugo è un consulente editoriale, redattore scientifico e scrittore per la Media Foundation for the Environment, Science, Health, and Agriculture (MESHA) in Kenya. È stato reporter, subeditore e redattore del controllo qualità rispettivamente per Daily Nation, The Star e The Standard. Ha anche scritto per Talk Africa, una piattaforma di contenuti multimediali online. Trova Godfrey su X @The_Jarachar

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su Alleanza per la scienza. È stato ripubblicato qui con il permesso. Qualsiasi ripubblicazione deve dare credito all’autore originale e fornire collegamenti sia alla GLP che all’articolo originale. Trova l’Alleanza per la scienza. su Twitter @ScienceAlly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *