Google inizia a testare modelli di occhiali intelligenti in luoghi pubblici

Gli ultimi occhiali intelligenti di Google inizieranno ad apparire in pubblico come parte del test dell’azienda per trasformare i prototipi in dispositivi pratici.

A maggio, Google per la prima volta(Si apre in una nuova finestra) Un prototipo di realtà aumentata, un paio di occhiali intelligenti in grado di tradurre le lingue in tempo reale e visualizzare il testo corrispondente sulle lenti.

L’azienda sta lavorando per migliorare il prototipo presso Google Labs. Ma ora vuole vedere gli occhiali esibirsi allo stato brado. “Quindi, a partire dal prossimo mese, prevediamo di testare i modelli AR nel mondo reale”, l’azienda Ha scritto(Si apre in una nuova finestra) In un post sul blog martedì. “Questo ci permetterà di capire meglio come questi dispositivi aiutano le persone nella loro vita quotidiana”.

Per ora, il processo si svolgerà su “piccola scala” coinvolgendo alcune decine di Googler e “tester di fiducia” che indosseranno gli occhiali intelligenti. Gli stessi tester e personale devono seguire “formazione su protocollo, privacy e sicurezza”.

Moduli Google AR (Credit: Google)

Il piano è di utilizzare i dispositivi all’aperto e in ambienti urbani. “Man mano che sviluppiamo esperienze come la navigazione in realtà aumentata, questo ci aiuterà a tenere conto di fattori come il tempo e gli incroci trafficati, che possono essere difficili, e talvolta impossibili, da ricreare completamente all’interno”, ha affermato la società. Tuttavia, i test rimarranno lontani da scuole, chiese, ospedali, edifici governativi e aree destinate ai bambini.

I prototipi stessi saranno dotati di un display in-lens, fotocamera e microfono. Ma per proteggere la privacy delle persone, l’azienda sta disattivando le funzioni video e fotografiche. Tuttavia, gli occhiali potranno ancora toccare la fotocamera integrata per attivare le funzioni di traduzione e navigare nel display nell’obiettivo.

READ  Bravely Default II ha quasi un milione di vendite su Nintendo Switch

“Siamo all’inizio e vogliamo risolvere il problema, quindi stiamo andando piano, con una forte attenzione a garantire la privacy dei tester e di coloro che li circondano”, ha aggiunto la società.

Consigliato dai nostri editori

Se per qualche motivo gli occhiali acquisiscono le tue informazioni private, Google afferma che i dati alla fine verranno cancellati. Al termine dell’esperimento, i dati dell’immagine vengono eliminati, a meno che i dati dell’immagine non debbano essere utilizzati per l’analisi e il debug. In questo caso, i dati dell’immagine vengono prima scansionati alla ricerca di contenuti sensibili, inclusi volti e targhe, quindi vengono archiviati su un server sicuro, con accesso limitato da pochi dipendenti di Google per analisi e debug. La società ha affermato in a documento di supporto(Si apre in una nuova finestra).

Questo documento aggiunge che i prototipi AR sembrano normali paia di occhiali. Tuttavia, la spia LED si spegne quando iniziano a salvare i dati dell’immagine. “Se un passante lo desidera, può chiedere al tester di eliminare i dati dell’immagine e verranno rimossi da tutti i record”, ha affermato Google.

Ricevi le nostre migliori storie!

firma per Cosa c’è di nuovo ora Per consegnare le nostre notizie più importanti alla tua casella di posta ogni mattina.

Questa newsletter può contenere pubblicità, offerte o link di affiliazione. L’iscrizione a una newsletter indica il tuo consenso a Termini di utilizzo E il politica sulla riservatezza. Puoi cancellarti dalle newsletter in qualsiasi momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.