Gli svizzeri hanno scoperto come saldare una ferita con il laser

Gli svizzeri hanno scoperto come saldare una ferita con il laser

Oscar Cipolato e Inge Herrmann al Laboratorio dell'Empa di San Gallo.com

I ricercatori dell'Empa e dell'ETH di Zurigo hanno sviluppato un nuovo metodo che prevede la saldatura dei tessuti umani.

Bruno Nellwulf/Media

Ago e filo, un medico esperto e il tempo fanno il resto. La tecnica di sutura dei tessuti umani risale a più di 5.000 anni fa. Ma questa manipolazione non è sempre soddisfacente.

“Nel caso di tessuti molto sottili, il filo può tagliare il tessuto e causare ulteriori lesioni. Se la chiusura della ferita sugli organi interni non è ermetica, la perdita di sutura può essere un problema mortale.”

Istituto di ricerca Emba di San Gallo.

I suoi ricercatori, accompagnati da un team dell'ETH di Zurigo, hanno trovato il modo di saldare una ferita con un laser. Tuttavia, la pelle è ovviamente ancora più sensibile di un pezzo di metallo. Per questo è nata la squadra composta da Oscar Cipolato e Inge Herrmann Sistema di chiusura della ferita intelligente che può essere controllato in modo delicato ed efficace.

Nanoparticelle per la saldatura

Gli scienziati utilizzano nanoparticelle metalliche e ceramiche e utilizzano un processo di nanotermometria per controllare la temperatura. La gelatina, una pasta di proteine ​​e gelatina, contiene due tipi di nanoparticelle che interagiscono perfettamente.

Quando la pasta viene irradiata con un laser, le particelle di nitruro di titanio convertono la luce in calore. D’altro canto, le molecole di vanadato di bismuto prodotte a questo scopo agiscono come piccoli nanotermometri fluorescenti: per questo motivo emettono luce di una lunghezza d’onda specifica a seconda della temperatura e consentono quindi Regolazione estremamente precisa in tempo reale.

READ  Il Golden Bird Eye della NASA rivela dinamiche misteriose all'interfaccia della Terra con lo spazio

Questo metodo è quindi particolarmente adatto per l'uso negli interventi chirurgici minimamente invasivi, perché non richiede contatto e identifica le differenze di temperatura con una risoluzione spaziale molto fine nelle ferite superficiali e profonde, ha scritto Impa.

Nei test di laboratorio, diversi campioni di tessuto hanno consentito una guarigione rapida, stabile e biocompatibile delle ferite, ad esempio in organi come il pancreas o il fegato. Anche pezzi di tessuto particolarmente difficili, come il tessuto dell'uretra, delle tube di Falloppio o dell'intestino, sono stati legati con successo e delicatamente.

Nella fase successiva la sorgente di luce laser utilizzata inizialmente può essere sostituita con una luce infrarossa più morbida. Un processo che avvicina la tecnologia di saldatura alla sua applicazione in ambiente ospedaliero.

(Citato in francese: Valentin Zenker)

Maggiori informazioni sulla scienza

Visualizza tutti gli articoli

È possibile presto il trapianto di testa?

Video: Watson

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *